Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: gilet gialli, il presidente Macron in televisione assicura la massima intransigenza con i violenti, ma apre ai manifestanti con l'aumento dei salari minimi
- Corinaldo (AN): tragedia in discoteca, otto gli indagati, tra loro anche il ragazzo sospettato di aver spruzzato lo spray e i gestori del locale
- Corinaldo (AN): migliorano le condizioni di 4 dei ragazzi rimasti feriti in discoteca, ora respirano autonomamente, gravi altri 3, ma stabili
- Pavia: spray urticante in una scuola superiore, 30 ragazzi intossicati, episodio simile anche in un istituto di Mantova
- Gran Bretagna: Brexit, il premier Theresa May annuncia il rinvio del voto sull'accordo, ora sarebbe respinto
- Firenze: due medici indagati per la morte di Davide Astori, sono responsabili di centri per l'idoneità allo sport
- Calcio: Champions League, oggi l'ultima giornata della fase a gironi, alle 21.00 Inter-PSV Eindhoven e Liverpool-Napoli
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
02 dicembre 2018

Social media, teenager meno vanitosi e più consapevoli

L’indagine è stata condotta su adolescenti americani, crolla l’uso di Facebook e aumenta quello di YouTube, Instagram e Snapchat

La stragrande maggioranza degli adolescenti ritiene utili i social media, vi si rapporta meglio dei Millenials ed è meno vanitosa, infatti si fa meno selfie. Non solo, ma è anche consapevole degli aspetti di pericolosità come il cyberbullismo. Questa è la fotografia scattata dall'ultima indagine del Pew Reasearch Center, condotta su 743 ragazzi americani di età compresa tra i 13 e i 17 anni. Dall'indagine emerge che i ragazzini usano per lo più i social media per parlare delle loro esperienze familiari (il 43%), mentre il 44% dei post è attribuibile ai loro successi. Le convinzioni politiche occupano solo il 9% dei messaggi. Circa la metà dei ragazzi non scrive o raramente posta selfie, solo il 16% dice di farlo spesso. Mentre il 15% degli intervistati ha dichiarato di nascondere il contenuto dei post ai genitori e il 29% ha dichiarato di non farlo mai. L'81% dei ragazzi ha detto che i social permettono di sentirsi più legati agli amici, il 71% che li aiutano a mostrare il proprio lato creativo, il 69% a fare amicizia con un gruppo più diversificato di persone e il 68% sente di avere un supporto dalle persone nei momenti difficili. Il 37% pensa che i social media aiutino a trovare informazioni affidabili, solo il 7% pensa il contrario. Solo 1 su quattro sente la pressione di postare mentre il 37% si sente coinvolto in feedback, like e commenti. Sempre lo stesso studio ha certificato una crollo di Facebook tra i giovanissimi, con un avanzamento di YouTube, Instagram e Snapchat.

Social media, teenager meno vanitosi e più consapevoli