Sono peggiorate le condizioni di Phil Collins, il leader dei Genesis non riesce a tenere in mano le bacchette per suonare la batteria

10 settembre 2021, ore 17:58 , agg. alle 19:06

Il musicista, 70 anni, è apparso in un'intervista televisiva indebolito e molto invecchiato, da tempo ha problemi al piede e alla schiena e canta solo da seduto

Negli ultimi anni le condizioni di salute di Phil Collins sono peggiorate. La conferma, impietosa, è arrivata da un'intervista televisiva che il leader dei Genesis, che ha compiuto 70 anni, ha rilasciato alla Bbc. E' apparso molto invecchiato e indebolito. Ormai nei rari concerti canta da seduto, facendosi anche sostituire alla batteria dal figlio. Collins ha confessato di non riuscire più a tenere in mano una bacchetta e di combattere, da tempo, con gravi problemi fisici che lo hanno costretto, nel 2011, ad annunciare il ritiro dalle scene. Nel 2015, invece, il ritorno all'attività e ai concerti. Come non ricordare, nel giugno 2019, l'unica tappa in Italia, dopo un'assenza durata 15 anni, con un sold out al Forum di Assago. Nello stesso anno la pubblicazione di un’autobiografia, «Not Dead Yet» («Non sono ancora morto») in cui ha raccontato i problemi che l’avevano segnato.


Gli interventi chirurgici e la salute peggiorata

Nel 2009 Collins, cantautore e polistrumentista che, per i pochi che non lo sapessero, dal vivo oltre a cantare suonava la batteria, si era sottoposto a un intervento chirurgico per sistemare delle vertebre dislocate, problema che era emerso dopo il tour del 2007. Nel 2015 era seguita un’altra operazione alla schiena, ma nonostante tutto il musicista non era più riuscito a recuperare del tutto le funzioni nervose, perdendo sensibilità alle mani e non potendo più, quindi, suonare bene la batteria. Nel libro che aveva scritto aveva spiegato di aver anche avuto problemi di alcolismo e di depressione, oltre che di soffrire di diabete, malattia che aveva portato a un forte dolore al piede destro. Dal 2017, infatti, cammina utilizzando un bastone.


L'intervista televisiva alla Bbc

In questi giorni il musicista britannico ha rilasciato un'intervista alla Bbc, in occasione del tour per la "reunion" dei Genesis che partirà ad ottobre. «Sono messo abbastanza alla prova a livello fisico e ciò è frustrante perché mi piacerebbe molto andare alla batteria e suonare con mio figlio», ha affermato con amarezza il leader dei Genesis. Allo strumento, come già succede da tempo, ci sarà infatti Nic, il figlio ventenne. Phil Collins ha aggiunto di aver rinunciato quasi del tutto a suonare : «No, non riesco più. Tengo a mala pena in mano una bacchetta». Il prossimo tour del gruppo sarà l’atto finale: «Siamo tutti uomini di una certa età e quindi sì, credo che probabilmente con questi concerti chiuderemo». «We’re putting it to bed» e cioè «li metteremo a letto», questa la traduzione letterale delle parole di Collins, un modo figurato per dire, tristemente, che si tratta di una vera e propria conclusione.

Sono peggiorate le condizioni di Phil Collins, il leader dei Genesis non riesce a tenere in mano le bacchette per suonare la batteria
Tags: batteria, Genesis, Phil Collins

Share this story: