Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Roma: Andrea Camilleri in rianimazione, gravi ma stabili le condizioni dello scrittore, i medici, fibra forte
- Calcio: inchiesta sull'assegnazione dei Mondiali 2022, Platini respinge le accuse di corruzione, estraneo ai fatti
- Napoli: premier Conte, recuperato clima di fiducia con Salvini e De Maio dopo toni veementi della campagna elettorale
- Gran Bretagna: il ministro Tria torna a bocciare i minibond, strumento illegale, Salvini, le tasse vanno abbassate
- Portogallo: simposio delle banche centrali, presidente della Bce Draghi, rischio inflazione, Eurozona rimane debole
- Roma: Istat, 1, 8 milioni di famiglie italiane vivono in povertà assoluta, pari a circa 5 milioni di persone
- Firenze: celebrati funerali Franco Zeffirelli, ultimo saluto in Duomo, duemila persone per l'addio al regista
- Genova: ricostruzione Ponte Morandi, arrestati due amministratori impresa edile campana, vicina a camorra
- Calcio: mondiali femminili, alle 21.00 Italia-Brasile, in palio primo posto del girone, speciale su Rtl 102.5 dalle 20.50
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
30 dicembre 2018

Spesa delle famiglie in ristoranti e hotel, Italia nella top 10 UE

La crisi non ferma consumi, +1,2% da 2007, prime Malta, Cipro e Spagna

La crisi non ha fermato la spesa delle famiglie italiane in ristoranti e hotel negli ultimi dieci anni, anzi: queste non solo restano nella 'top ten' Ue ma guadagnano anche una posizione passando dalla nona all'ottava. E' la fotografia che scattano gli ultimi dati Eurostat. Questi mostrano un aumento della spesa in consumi dell'Italia per il mangiare e dormire fuori casa dal 9,1% del 2007 al 10,3% del 2017, pari a +1,2% e sempre superiore alla media Ue rispettivamente dell'8,3% e dell'8,8% per un +0,5%. E' il Mediteranneo in ogni caso l'area in Europa dove si spende di piu' per la buona tavola e le vacanze: primo Paese in classifica e' infatti Malta (20,2%), a cui seguono Cipro (17,5%), Spagna (16,8%) e Grecia (15,4%). Al quinto posto l'Irlanda, con 14,8%. Ad eccezione della Valletta, si tratta dei Paesi più colpiti dalla crisi economico-finanziaria e che sono stati tra l'altro sottoposti ai programmi di assistenza Ue. Gli stati membri dove invece le famiglie vanno meno a mangiare fuori o in vacanza sono Romania (3,1%), Polonia (3,6%) e Lituania (3,7%), mentre quelli in cui la spesa è diminuita negli ultimi dieci anni sono la stessa Romania (dal 5% nel 2007 al 3,1% nel 2017, -1,9%), la Slovacchia (-0,6%) e la Finlandia (-0,1%).

Spesa delle famiglie in ristoranti e hotel, Italia nella top 10 UE