Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
-
-
-
- Basilicata: il candidato del Centrodestra Vito Bardi vince le elezioni regionali con oltre il 42% delle preferenze
- Usa: Russiagate, conclusioni procuratore Mueller, nessuna collusione fra Trump e Mosca, Trump, no collusione, no ostruzione, manteniamo grande l'America
- Roma: ius soli, sindaco Milano Sala, Salvini evita il dibattito, è polemica dopo le affermazioni del ministro dell'Interno sul bambino di origine straniera che ha lanciato l'allarme dal bus sequestrato nel milanese
- Lecce: il premier Conte, la mia esperienza politica termina con l'attuale governo
- Londra: Brexit, raccolte oltre 5 milioni di firme per revocare uscita dall'Ue, premier May convoca una riunione di crisi
- Torino: giovane violentata nel parco del Valentino, arrestato il presunto aggressore, è originario della Guinea e irregolare
- Reggio Emilia: neonato di 5 mesi è morto dopo essere stato sottoposto a circoncisione clandestina in casa, i genitori hanno origine ghanese
- Calcio: l'Italia è a Parma, martedì gli azzurri affronteranno il Liechtenstein in una gara per le qualificazioni ai prossimi Europei
- Sport: Biathlon, Dorothea Wierer vince la Coppa del Mondo, la prima italiana della storia
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
30 dicembre 2018

Spesa delle famiglie in ristoranti e hotel, Italia nella top 10 UE

La crisi non ferma consumi, +1,2% da 2007, prime Malta, Cipro e Spagna

La crisi non ha fermato la spesa delle famiglie italiane in ristoranti e hotel negli ultimi dieci anni, anzi: queste non solo restano nella 'top ten' Ue ma guadagnano anche una posizione passando dalla nona all'ottava. E' la fotografia che scattano gli ultimi dati Eurostat. Questi mostrano un aumento della spesa in consumi dell'Italia per il mangiare e dormire fuori casa dal 9,1% del 2007 al 10,3% del 2017, pari a +1,2% e sempre superiore alla media Ue rispettivamente dell'8,3% e dell'8,8% per un +0,5%. E' il Mediteranneo in ogni caso l'area in Europa dove si spende di piu' per la buona tavola e le vacanze: primo Paese in classifica e' infatti Malta (20,2%), a cui seguono Cipro (17,5%), Spagna (16,8%) e Grecia (15,4%). Al quinto posto l'Irlanda, con 14,8%. Ad eccezione della Valletta, si tratta dei Paesi più colpiti dalla crisi economico-finanziaria e che sono stati tra l'altro sottoposti ai programmi di assistenza Ue. Gli stati membri dove invece le famiglie vanno meno a mangiare fuori o in vacanza sono Romania (3,1%), Polonia (3,6%) e Lituania (3,7%), mentre quelli in cui la spesa è diminuita negli ultimi dieci anni sono la stessa Romania (dal 5% nel 2007 al 3,1% nel 2017, -1,9%), la Slovacchia (-0,6%) e la Finlandia (-0,1%).

Spesa delle famiglie in ristoranti e hotel, Italia nella top 10 UE