Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Novara: bimbo di due anni morto, la Procura ha disposto il fermo della madre e del compagno della donna
-
-
- Roma: elezioni europee, oggi giornata di silenzio elettorale, domani si vota dalle 7.00 alle 23.00
- Gb: dimissioni premier May, il ministro della Sanità Hancock si candida a leadership partito conservatore
- Giappone: Donald Trump è a Tokyo per una visita di 4 giorni, incontrerà anche l'imperatore Naruhito
- Usa: muro al confine con Messico, schiaffo a Trump, giudice federale blocca parzialmente la costruzione
- Libia: scontri armati a Tripoli, Onu, è salito a 82.300 il numero degli sfollati dall'inizio di aprile
- Venezuela: rivolta in un carcere di Caracas, pesanti scontri tra detenuti e polizia, il bilancio è di 30 morti
- Mestre (Ve): Cgia, l'Inps e l'Inail pagano le imprese in ritardo e lo fa anche metà dei ministeri
- Roma: scavi sotto al Campidoglio, trovata testa in marmo di età imperiale, forse raffigurazione di Dioniso
- Cinema: Festival di Cannes, questa sera in programma la cerimonia di premiazione, Almodovar favorito
- Calcio: serie A, oggi ultima giornata del campionato, alle 18 Frosinone-Chievo, alle 20.30 Bologna-Napoli
- Calcio: New York Times, la Fiorentina sarebbe stata ceduta al miliardario Rocco Commisso
- F1: Gran Premio di Monaco, oggi in programma a Montecarlo le qualifiche, favorite le Mercedes
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
21 febbraio 2019

Stati Uniti, emoji citate come prove in tribunale

Secondo una ricerca universitaria c’è stata una crescita esponenziale dal 2004 ad oggi

Dagli Stati Uniti arriva una ricerca secondo cui le emoji e le loro antenate emoticon stanno diventando sempre di più protagoniste dei processi, usate da accusa e difesa per dimostrare le proprie tesi. Lo rileva Eric Goldman, un esperto dell'università di Santa Clara, che ha notato una crescita esponenziale dal 2004 ad oggi. Al punto che gli stessi tribunali vengono spesso colti impreparati. Il ricercatore ha fatto un monitoraggio su alcuni database sull'uso della parola emoji o emoticon nelle cause. In un caso ad esempio gli investigatori stavano cercando di provare che un uomo fosse responsabile di sfruttamento della prostituzione e hanno usato tra le prove anche una chat in cui l'accusato inviava ad una donna l'immagine di tacchi a spillo e di una valigia piena di soldi. Secondo l'avvocato difensore era solo un tentativo di interrompere la relazione con la donna. Altri esempi riguardano ogni tipo di crimine, riferisce Goldman, dall'omicidio al furto, ma in molti casi le corti non considerano le faccine come prove ammissibili. "Appaiono come prove, le corti devono prenderne atto, ma sono spesso considerate irrilevanti dai giudici” spiega l'esperto. “Ma sono una parte cruciale della conversazione e devono essere comprese e non ignorate”. La questione non riguarda soltanto gli Usa. In Israele, ad esempio, un giudice ha condannato una coppia a pagare un soggiorno in un albergo perché secondo lui gli emoticon festosi inviati alla struttura valevano come conferma della prenotazione.​

Stati Uniti, emoji citate come prove in tribunale