Stati Uniti, il 2020 è stato uno degli anni peggiori per gli incassi dei cinema, il calo è dell'80%

17 gennaio 2021, ore 19:00 , agg. alle 14:54

Ora la difficile scelta dei produttori è tra posticipare le grandi uscite o venderle alle piattaforme digitali

Con la pandemia di coronavirus che ha obbligato i cinema alla chiusura per mesi e i grandi successi rinviati non si sa per quanto, il 2020 è stato uno degli anni peggiori nella storia del botteghino di Stati Uniti e Canada.


Una perdita corposa

Gli incassi sono stati pari a 2,2 miliardi di dollari. Si tratta di un enorme calo dell'80% rispetto ai quasi 11,4 miliardi di dollari al botteghino del Nord America del 2019. Ora, con l'inizio della campagna di vaccinazione di massa, c'è la speranza che le luci delle sale tornino ad accendersi e che i cinema possano essere di nuovo pieni di persone desiderose di guardare film in un posto che non sia il loro divano. Tuttavia, il 2021 rimane un grande punto interrogativo per Hollywood. Le cose potrebbero andare ulteriormente peggio prima di migliorare. "Ciò che alla fine sarà grandioso nel 2021 è che la nostra società si avvicinerà sempre di più all'eliminazione del virus. Ciò porterà inevitabilmente stabilità all'industria cinematografica, che dovrebbe riprendersi in grande stile", ha detto alla Cnn Jeff Bock, analista senior di un'azienda di ricerca sull'intrattenimento. L'Organizzazione mondiale della sanità ha fatto sapere che l'immunità di gregge probabilmente non sarà raggiunta nel 2021. 


Film nelle sale e in streaming

Il periodo di pandemia ha costretto in più casi a distribuire i film sulle piattaforme di streaming nello stesso momento in cui venivano distribuiti nelle sale. Una strategia, inaugurata dalla Warner Bros. che ha scioccato Hollywood. Una decisione coraggiosa, che ha riguardato anche il film più importante del 2020, Trolls World Tour. La preoccupazione è per la sopravvivenza stessa delle sale cinematografiche. "Dipende da quanto tempo le grandi catene possono tenere a bada i creditori. L'affitto sarà certamente dovuto", ha detto Bock.


La cavalcata dello streaming

Il 2020 ha segnato un grande passo in avanti per lo streaming ed è improbabile che il passaggio dei film alla visione a casa subisca un rallentamento. Ad esempio, Netflix, il re dello streaming, ha annunciato che distribuirà un nuovo film ogni settimana quest'anno. Il grande quesito è se ritardare le uscite in sala o passare direttamente al digitale. La speranza per i cinema non è completamente persa. Molti blockbuster posticipati lo scorso anno, come Black Widow della Marvel, Top Gun: Maverick della Paramount e F9 della Universal, il prossimo capitolo della serie Fast & Furious, dovrebbero uscire quest'anno. 


Una rivoluzione per Hollywood

A Hollywood alcune cose non torneranno mai com'erano prima. Sony ha annunciato di aver spostato l'uscita del suo film sui supercriminali, Moribus, con Jared Leto, da marzo a ottobre. E secondo Deadline , ci sono voci che No Time to Die, il prossimo film di James Bond ambientato per aprile, potrebbe essere ritardato di nuovo. Questa sarebbe la terza volta che il film viene spostato dalla sua uscita originariamente prevista nell'aprile 2020. Secondo gli analisti, le porte dei cinema potrebbero definitivamente aprirsi durante le festività natalizie e il pubblico proverà ancora una volta il potere del cinema di successo sul grande schermo.
Stati Uniti, il 2020 è stato uno degli anni peggiori per gli incassi dei cinema, il calo è dell'80%
Tags: botteghino, cinema, coronavirus, covid, film, incassi, pandemia, Stati Uniti

Share this story: