Stati Uniti, per la prima volta in 68 anni è stata decisa l'esecuzione di una donna, accusata di un brutale omicidio

02 gennaio 2021, ore 17:00 , agg. alle 20:49

Lisa Montgomery è stata condannata per aver assassinato una donna incinta di otto mesi e aver rapito il feto

Il prossimo 12 gennaio, se non saranno accettati ricorsi dell'ultimo minuto, negli Stati Uniti, per la prima volta in 68 anni, verrà giustiziata una donna.


La vicenda di Lisa Montgomery

Una Corte d'appello americana ha dato il via libera all'esecuzione di Lisa Montgomery, che è l'unica donna nel braccio della morte, che, negli Stati Uniti, accoglie i detenuti condannati alla pena capitale. La donna si trova nel Federal Correctional Complex di Terre Haute, in Indiana. Nel caso in cui l'applicazione della condanna abbia luogo nel giorno previsto dai giudici, Lisa Montgomery diventerà la prima detenuta in un carcere federale ad essere giustiziata in quasi 70 anni. La donna è stata condannata a morte per aver strangolato nel 2004 una ragazza incinta di 23 anni, Bobbie Jo Stinnett, e aver rapito il feto estratto dal suo corpo. La bambina è rimasta viva nonostante il ventre della vittima sia stato tagliato con un coltello. Secondo quanto riportato dalla stampa americana e mondiale, l'esecuzione era stata fissata per il mese scorso, ma era stata sospesa dopo che uno degli avvocati della donna si era ammalato di Covid. Il dipartimento di Giustizia ha poi fissato la nuova data al 12 gennaio. Ieri tre giudici della Corte d'appello di Washington hanno dato il via libera all'esecuzione. I legali della donna hanno già annunciato che presenteranno ricorso. L'ultima donna ad essere giustiziata dal governo americano è stata Bonnie Heady, morta in una camera a gas nel Missouri nel 1953.


La richiesta a Trump

La legale di Lisa Montgomery, Meaghan VerGow, ha chiesto al presidente Donald Trump di tramutare la condanna della donna in ergastolo senza possibilità di libertà condizionale. "Il governo dovrebbe interrompere i suoi sforzi per porre fine alla sua vita", ha detto l'avvocato. Le esecuzioni federali, negli Stati Uniti, sono rimaste congelate per 17 anni prima che il presidente Trump ordinasse che venissero riprese. Il procuratore generale di Trump, William Barr, ha supervisionato il maggior numero di esecuzioni federali di qualsiasi amministrazione presidenziale sin dai tempi di Eisenhower. Un nuovo procuratore generale potrebbe fermarle immediatamente e tornare alla pratica voluta dal presidente Obama di non metterle in calendario. In quel caso, la pena di morte potrebbe essere applicata solo per crimini come il terrorismo, per esempio nel caso dell'attentatore della maratona di Boston, Dzhokar Tsarnaev.


Le idee di Biden

Il presidente eletto degli Stati Uniti, Joe Biden, ha promesso di porre fine alla pena di morte e di ridurre la popolazione carceraria di oltre la metà. Biden non potrà comunque abrogare la pena capitale unilateralmente, ma attraverso le sue idee potrebbe riuscire a influenzare i processi per l'abolizione della pena di morte già avviati in diversi Stati. Il vicepresidente, Kamala Harris, dal 2011 al 2017 è stata Procuratore Generale della California, è stata una dei primi rappresentanti della pubblica accusa a dichiarare che non avrebbe chiesto la pena di morte per nessuno. Questo prima di candidarsi nel ticket presidenziale. Sebbene solo il Congresso possa abolire completamente la pena di morte federale, Biden e la sua vicepresidente potrebbero dunque fare molto a titolo di dissuasione. 

Stati Uniti, per la prima volta in 68 anni è stata decisa l'esecuzione di una donna, accusata di un brutale omicidio

Tags: braccio della morte, Donald Trump, Joe Biden, Kamala Harris, Lisa Montgomery, pena di morte, Stati Uniti, Usa

Share this story: