Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: Commissione Ue boccia in via definitiva la manovra italiana, verso procedura di infrazione, premier Conte, impianto valido, ne parlerò a Juncker
- Bruxelles: manovra bocciata, procedura d'infrazione vicina, commissario Moscovici, servono dialogo e sangue freddo ma la porta della Commissione Ue resta aperta
- Kenya: ancora nessuna notizia della volontaria italiana di 23 anni rapita a Chakama, Silvia Romano lavora per la Onlus marchigiana Africa Milele
- Roma: Casamonica, in corso abbattimento delle villette abusive del clan, sindaco Virginia Raggi, restituiremo il territorio ai cittadini
- Milano: catturato nella notte sedicente lupo solitario dell'Isis, è un egiziano di 22 anni, espulsi due suoi connazionali
- Strasburgo: sarà pubblicata martedì 27 novembre dalla Corte dei diritti umani la sentenza definitiva sul ricorso di Silvio Berlusconi contro la legge Severino che lo aveva fatto decadere da senatore
- Calcio: Marotta a un passo dall’Inter, impressione positiva, così il dirigente al rientro dal vertice con Suning in Cina
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
08 novembre 2018

Status dei docenti, l'Italia fanalino di coda in Europa

E' quanto emerge dal Global Teacher Status Index 2018, il rapporto in cui il nostro Paese si posiziona al 33esimo posto su 35 nel mondo

Lo status degli insegnanti in Italia è fra i peggiori al mondo. Il nostro Paese è il fanalino di coda in Europa, solo Israele e Brasile si collocano più in basso a livello mondiale. E' quanto emerge dal Global Teacher Status Index 2018, dove l'Italia si posiziona al 33esimo  posto su 35, ed è il paese europeo partecipante con la peggiore posizione in classifica. Dall'ultima indagine, condotta nel 2013, lo status degli insegnanti in Italia è peggiorato sensibilmente. Diminuisce anche il rispetto nei confronti dei docenti: solo il 16% degli italiani intervistati ritiene che gli alunni rispettino i propri insegnanti. 

Status dei docenti, l'Italia fanalino di coda in Europa

Altro il tenore delle risposte nei paesi asiatici: in Cina, per esempio, l'81% degli intervistati ritiene che gli alunni rispettino i propri insegnanti. Ciononostante, quasi un italiano su tre (il 31%) spingerebbe il proprio figlio a diventare insegnante. Questa rappresenta la seconda percentuale più alta tra le maggiori economie dell'UE dopo la Spagna (39%), con un aumento rispetto al 2013. In confronto, più della metà (54%) degli indiani incoraggerebbe i propri figli a diventare insegnanti, ottenendo la percentuale più alta tra tutti i paesi intervistati. Il paese in cui si ottiene il punteggio più basso, in questo ambito, è la Russia (6%).