Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: la Farnesina ha confermato la morte, oggi, di Antonio Megalizzi, il giovane reporter italiano era rimasto gravemente ferito durante l'assalto ai mercatini di Natale a Strasburgo, aveva 28 anni
- Brasile: il Tribunale Supremo Federale ha chiesto l'arresto di Cesare Battisti, in vista di una possibile estradizione in Italia, al momento l'ex terrorista è latitante
- Roma: prosegue la trattativa tra governo italiano e Commissione europea sulla nuova manovra, il premier Conte, l'Italia non ha il cappello in mano
- Roma: irregolare una mensa scolastica su tre, i controlli dei Nas dei carabinieri evidenziano irregolarità, il ministro della Salute Giulia Grillo, è un film dell'orrore
- Milano: condanna all'ergastolo per Alessandro Garlaschi, il tranviere è accusato di aver ucciso con 85 coltellate la diciannovenne Jessica Valentina Faoro
- Stati Uniti: Facebook nella bufera, il social media avrebbe postato le foto di 6,8 milioni di utenti senza permesso, forse a causa di un bug
- Calcio: decisione Uefa, per il Milan pareggio di bilancio entro il 2021 o un anno senza coppe
- Calcio: domani due anticipi della 16esima giornata in serie A, alle 18.00 Inter-Udinese e alle 20.30 il derby Torino-Juventus
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
15 novembre 2018

Studenti, ricercatori e prof in piazza domani e sabato

Malumori per la legge di bilancio nelle scuole e negli atenei

Studenti, docenti e ricercatori tornano in piazza domani e dopodomani. "Chiediamo che questo Governo metta giu' la maschera sui fondi in istruzione. Non e' accettabile che si promettano investimenti per fare propaganda, ma che allo stesso tempo il Ministro dell'Istruzione dica che "bisogna scaldarsi con la legna che si ha", e che pochi giorni dopo saltino fuori 29 milioni di euro di tagli: 14 sulla scuola, 15 sull'universita'. Saremo in piazza anche perche' cambiare il nome e ridurre le ore di alternanza non risolvera' il problema dello sfruttamento!", afferma Giammarco Manfreda, Coordinatore Nazionale della Rete degli Studenti Medi. Enrico Gulluni, Coordinatore Nazionale dell'Unione degli Universitari, continua: "Il Governo per mesi ha annunciato l'abolizione del numero chiuso alle Universita'. Mai un parere degli studenti, mai una proposta concreta, mai un confronto. Per superare l'attuale metodo di accesso servono investimenti, che partano dall'orientamento alle scuole superiori fino alle borse di specializzazione medica, e soprattutto serve un confronto vero con gli studenti!". Rete e Udu chiedono "che si metta giu' la maschera" anche sul tema della sicurezza: la manovra "Scuole Sicure" - dicono gli studenti - spaccia per sicurezza l'installazione delle telecamere e i cani antidroga fuori dalle scuole: ma a "spacciare morte" gli edifici pericolanti in cui studiamo. Alessio Bottalico, Coordinatore nazionale di Link Coordinamento Universitario, spiega: "Dal Ministro Di Maio abbiamo ricevuto solo promesse: sull'Universita' e sul diritto allo studio nella Legge di Stabilita' non c'e' un euro in piu'". I ricercatori si riuniranno sabato in assemblea a La Sapienza di Roma per la campagna promossa da Flc Cgil e Adi, l'Associazione dei dottori di ricerca. Ieri il titolare del Miur Marco Bussetti ha annunciato alla Camera che la manovra conterra' novita' riguardanti il reclutamento dei docenti, piu' di 1,7 miliardi all'anno per l'adeguamento degli stipendi dei prof., rimodulazione dell'alternanza scuola lavoro, assunzione di mille ricercatori, dimezzamento delle tasse sulle lezioni private che tengono i docenti, istituzione della Centrale per i fondi dell'edilizia scolastica: ma nonostante questo studenti e prof non sono soddisfatti. 

Studenti, ricercatori e prof in piazza domani e sabato