Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
- Roma: 74esimo anniversario della Liberazione,Presidente della Repubblica Mattarella, memoria è dovere morale, le vendette inaccettabili
- Milano: 25 aprile, almeno 70mila partecipanti alla manifestazione per commemorare la Liberazione dal nazifascismo
- Roma: 25 aprile, premier Giuseppe Conte, giorno di riscatto per gli italiani, Salvini, tranquilli il fascismo e il comunismo non tornano, Di Maio, la mafia non la combatti andando a Corleone
- Roma: caso Siri, ancora scontro nel governo, Di Maio, il sottosegretario indagato per presunta corruzione si deve dimettere, Salvini, Armando Siri resta dov'è
- Russia: vertice di Vladivostok tra il presidente russo Putin e il leader nordcoreano Kim Jong-Un, soddisfazione su entrambi i fronti
- Sri Lanka: ministro della Salute, il bilancio degli attentati di Pasqua scende, i morti sono 253 e non 359, errore nel conteggio
- Francia: presidente Macron, gilet gialli esprimono sentimento di ingiustizia, non mi interessa candidarmi nel 2022
- Calcio: ritorno delle semifinali di Coppa Italia, in corso Atalanta-Fiorentina, chi vince affronterà la Lazio il 15 maggio
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
03 febbraio 2019

Superbowl, tutto pronto nonostante le polemiche

Stanotte ad Atlanta scenderanno in campo i New Englend Patriots e i Los Angeles Rams

Al Mercedes Benz Stadium di Atlanta, stanotte, si giocano il prestigioso titolo del Superbowl i New England Patriots e i Los Angeles Rams. Uno scontro fra i 'vecchi' Bill Belichick e Tom Brady e i giovani Sean McVay e Jared Goff. Due generazioni e due facce del football americano. L'incontro si gioca fra massicce misure di sicurezza e soprattutto fra le polemiche: molte star, incluse Rihanna e Cardi B, hanno rifiutato di esibirsi durante l'half-time in segno di solidarietà e sostegno a Colin Kaepernick, l'atleta afroamericano che ha dato vita alla protesta dei giocatori di football che si inginocchiano all'inno nazionale. E così lo show di metà partita è affidato ai Maroon 5, travolti dalle critiche per la loro decisione di accettare l'offerta della NFL. Critiche che sono sfociate in varie raccolte di firme per chiedere al gruppo di non esibirsi oppure di apparire e lasciare subito dopo il palco inviando così un forte segnale di protesta. Ma le polemiche non fermano la festa del Superbowl, appuntamento ormai ritenuto un giorno da non perdere negli Stati Uniti, l'unico giorno che unisce veramente tutta l'America.

Superbowl, tutto pronto nonostante le polemiche