Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: ministro dell'Economia Tria, prematuro parlare di una manovra correttiva, Def entro il 10 aprile
- Milano: Matteo Salvini a Rtl 102,5, non ci sarà gruppo unico Lega-Cinquestelle al Parlamento Europeo
- Roma: figlia ex ambasciatore della Corea del Nord nella capitale rimpatriata con la forza da Pyongyang
- Catania: inchiesta sul caso Diciotti, la procura ha chiesto l' archiviazione per Conti, Di Maio e Toninelli
- Firenze: genitori Renzi agli arresti domiciliari per bancarotta, parla il padre Tiziano, la verità verrà fuori
- Milena (Cl): arrestata insegnante di 60 anni di una scuola dell'infanzia, per maltrattamenti sui bambini
- Melegnano (Mi): scritte razziste sul muro della casa di una coppia che ha adottato un ragazzo africano
- Prato: sequestrati due asili nido abusivi, frequentati da bimbi sotto i tre anni tutti di nazionalità cinese
- Calcio: andata ottavi di Champions, alle 20.45 Atletico Madrid-Juventus e Schalke 04-Manchester City
- Calcio: Sami Khedira, risolta con intervento aritmia cardiaca, 1 mese di stop per il giocatore juventino
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
03 febbraio 2019

Superbowl, tutto pronto nonostante le polemiche

Stanotte ad Atlanta scenderanno in campo i New Englend Patriots e i Los Angeles Rams

Al Mercedes Benz Stadium di Atlanta, stanotte, si giocano il prestigioso titolo del Superbowl i New England Patriots e i Los Angeles Rams. Uno scontro fra i 'vecchi' Bill Belichick e Tom Brady e i giovani Sean McVay e Jared Goff. Due generazioni e due facce del football americano. L'incontro si gioca fra massicce misure di sicurezza e soprattutto fra le polemiche: molte star, incluse Rihanna e Cardi B, hanno rifiutato di esibirsi durante l'half-time in segno di solidarietà e sostegno a Colin Kaepernick, l'atleta afroamericano che ha dato vita alla protesta dei giocatori di football che si inginocchiano all'inno nazionale. E così lo show di metà partita è affidato ai Maroon 5, travolti dalle critiche per la loro decisione di accettare l'offerta della NFL. Critiche che sono sfociate in varie raccolte di firme per chiedere al gruppo di non esibirsi oppure di apparire e lasciare subito dopo il palco inviando così un forte segnale di protesta. Ma le polemiche non fermano la festa del Superbowl, appuntamento ormai ritenuto un giorno da non perdere negli Stati Uniti, l'unico giorno che unisce veramente tutta l'America.

Superbowl, tutto pronto nonostante le polemiche