Tensione nel governo sulla Tav, giallo sul dossier

 06 febbraio 2019

Salvini “Bizzarro che il dossier sia prima a Parigi”, Di Maio “Anche io non ce l’ho”

C’è il vicepremier Matteo Salvini che e' pronto a querelare chi parla di voto di scambio Tav-Diciotti, e critica la consegna ai francesi dell'analisi costi-benefici dell'Alta Velocità prima di renderla nota ai partner di governo. Ma c’è l’altro vicepremier Luigi Di Maio che precisa che neanche lui l’ha letta e invita Salvini a stare tranquillo. Il ministro Danilo Toninelli minimizza e spiega così - “Tra di noi perfetta simmetria informativa”. Intanto, per l’esecutivo, c’è un’altra spina. Vale a dire Bruxelles: la Commissione europea difatti si appresta ad un taglio drastico delle stime sul Pil italiano del 2019: + 0.2, ben lontano quindi dalle previsioni dell’esecutivo, +1 per cento.
Tensione nel governo sulla Tav, giallo sul dossier

Share this story: