Tiziano Ferro, principe a San Siro per il suo show più bello

 17 giugno 2017

Oltre due ore con una scaletta ricca, una scenografia sorprendente con cascate d’acqua a sorpresa mentre il cantautore nel pieno della sua maturità artistica riesce a creare un rapporto intimo col suo pubblico

Neanche la giornata più calda di Milano non solo dal punto di vista meteorologico (con punte di 37 gradi) e dei trasporti (proprio la M5 che ferma allo Stadio, unica metro ad aderire allo sciopero) ha bloccato Tiziano Ferro e i suoi fan per la prima delle tre date milanesi a San Siro. Oltre due ore di concerto con una scaletta ricca, una scenografia sorprendente con cascate d’acqua a sorpresa mentre il cantautore nel pieno della sua maturità artistica riesce a creare un rapporto intimo col suo pubblico. Un artista maturo che si pone al centro e come punto di riferimento tra quelli della sua generazione in Italia. “Se sto qui e ho superato sensi di colpa, paure e scarsa autostima è perché ho avuto sostegno, amore, comprensione. Sto qui grazie a voi”. Ma non è tutto: “In questa settimana si parla tanto di diritti degli omosessuali. Io sono qua per l’orgoglio dell’essere umano, tutti insieme. Questo è il mio Pride tante persone diverse tutte insieme”. “Potremmo ritornare” chiude il Live con Tiziano sotto una cascata d’acqua potentissima al centro palco. L’acqua è l’elemento portante del concept: “L’acqua è l'elemento mutevole che rappresenta molto la mia carriera: non ho mai fatto un disco uguale all’altro”, ha detto Ferro.
Tiziano Ferro, principe a San Siro per il suo show più bello
La scaletta viene aperta da un Intro e poi via dritti con “Il mestiere della vita” che tradisce l’emozione iniziale di Tiziano Ferro ma non mancano i grandi successi come “Il regalo più grande”, “Sere nere”, “Ti scatterò una foto” e la cover di Tenco “Mi sono innamorato di te”. Si balla in diversi momenti con “Raffaella è mia” e “Lo Stadio” in cui gli spalti vibrano letteralmente per l’entusiasmo dei fan. Chiusura con “Il conforto” (cantata integralmente da Tiziano senza Carmen Consoli), “Non me lo so spiegare” e “Potremmo ritornare”.

Ipnotizza la scenografia sempre in movimento con un imponente soffitto Led (20x7 metri) che si sposta in alto e in basso e può anche ruotare su sé stesso. La parte inferiore è costituita da Led nell’ottica in cui la parte sopra funge da secondo palco. Ai lati regalata la band per dar spazio alla centralità della scenografia e di Tiziano:Luca Scarpa (director e piano),Davide Tagliapietra (guitar),Alessandro De Crescenzo (guitar),Reggie Hamilton (bass),Christian Rigano (keys) eAndrea Fontana (drums).

Si replica stasera e lunedì 19 giugno sempre a San Siro. Poi Torino (21 giugno), Bologna (24 giugno), la doppia di Roma all’Olimpico (28 e 30 giugno), doppia di Bari (4 e 5 luglio), Messina (8 luglio), Salerno (12 luglio) e si chiude a Firenze (15 luglio).

(Foto di Andrea Barosi)

LA SCALETTA01 - “ STREAM “ OPENING02 - IL MESTIERE DELLA VITA03 - EPIC04 -"SOLO" È SOLO UNA PAROLA05 - L'AMORE È UNA COSA SEMPLICE06 - VALORE ASSOLUTO07 - IL REGALO PIÙ GRANDE08 - R&B MEDLEY (MY STEELO - INDIETRO)09 - LA DIFFERENZA TRA ME E TE10 - ED ERO CONTENTISSIMO11 - SERE NERE12 - PERDONO13 - MEDLEY ELECTRO DANCE (IL SOLE ESISTE PER TUTTI- SENZA SCAPPARE MAI PIU’ – E RAFFAELLA E’ MIA)14 - TI SCATTERÓ UNA FOTO15 - ACOUSTIC MEDLEY (IMBRANATO- TROPPO BUONO- E FUORI E’ BUIO)16 - PER DIRTI CIAO17 - LA FINE18 - LENTO\VELOCE19 - ROSSO RELATIVO20 - STOP! DIMENTICA21 - XVERSO22 - ALLA MIA ETÀ23 - L'ULTIMA NOTTE AL MONDO24 - MI SONO INNAMORATO DI TE25 - INCANTO26 - LO STADIOENCORE:27 - IL CONFORTO28 - NON ME LO SO SPIEGARE29 - POTREMMO RITORNARE

Share this story: