Toscana, la causa dei decessi dei delfini è il morbillo

 14 agosto 2019

Le analisi della regione hanno confermato il Morbillovirus come causa principale della morte dei cetacei

Prosegue la moria di delfini nelle acque della Toscana. Dall’inizio del 2019 sono stati 40 gli esemplari trovati senza vita. La causa dei molteplici decessi sembrerebbe essere il virus Cemv, il Morbillivirus dei cetacei. Lo rileva l’unità operativa Toscana nord dell’Istituto zooprofilattico sperimentale che ha trasmesso l’esito delle analisi compiute sugli organi di quattro carcasse di delfino. Ulteriori indagini sono già in corso per stabilire possibili collegamenti tra il fenomeno attuale e altri decessi avvenuti nella popolazione dei cetacei nel 2013 e nel 2016. L’istituto ha rilevato anche alti livelli di Ddt e Pcb, policlorobifenili organo clorurati, utilizzati come insetticidi ed ancora presenti nel Mar Mediterraneo. L’assessore toscano dell’ambiente Federica Fratoni ha dichiarato che questi prodotti possono aver contribuito al diffondersi della malattia. “Per questo faccio un appello al Governo perché finalmente l'Italia aderisca alla Convenzione di Stoccolma del 2001, che mette al bando gli inquinanti organici persistenti - ha aggiunto l’assessore - “Il nostro è l'unico Paese europeo a non aver ancora sottoscritto quel patto ed è giunto il momento”. 
Toscana, la causa dei decessi dei delfini è il morbillo

Share this story: