Trono di Spade, questa sera l'ultima puntata della serie

 19 maggio 2019

Successo mondiale per la saga, che ha ispirato anche la scienza

Oltre ad aver appassionato milioni di fan nel mondo, la serie Il Trono di Spade, che finirà oggi con l'ultimo episodio, ha ispirato anche la scienza. Libri e articoli scientifici hanno trattato il mondo descritto da George RR Martin come se fosse vero, proponendo ad esempio un algoritmo per capire quali dei personaggi hanno un rischio di morte maggiore o descrivendo il 'morbo grigio', malattia misteriosa che colpisce alcuni dei protagonisti, come se fosse vera. L'ultima ricerca in ordine di tempo sul tema è stata pubblicata dal British Journal of Sports Medicine. I ricercatori analizzano dal punto di vista della fisiologia i diversi personaggi della serie, identificando quelli più adatti a combattere e quelli che invece hanno l'istinto di scappare. L'esempio, concludono gli autori, potrebbe essere d'aiuto durante gli esercizi quotidiani. "Le stesse forze che muovono i personaggi possono essere utili per aumentare la nostra attività quotidiana. Forse la prossima volta che guarderemo un episodio potremmo farlo da un tapis roulant o da una cyclette - scrivono -. Potremo combinare la fisiologia 'fantasy' e la neurochimica reale". La ricerca è stata presa come scusa per riguardare tutte le serie anche dai ricercatori della Macquarie University di Sidney, che si sono divertiti a calcolare la probabilità di morte dei personaggi. "La probabilità di sopravvivenza è peggiore per i protagonisti maschi o di bassa estrazione sociale - scrivono su Injuries Epidemiology -, per chi non ha mai cambiato alleanze e per chi appare di più. C'e' grande potenziale per prevenire le morti violente nel mondo del Trono di Spade".


Trono di Spade, questa sera l'ultima puntata della serie

Share this story: