Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Bruxelles: tra una settimana il giudizio dell'Europa sulla manovra, Olanda e Austria sollecitano apertura di una procedura di infrazione
- Roma: manovra, il governo non teme reazione dell'Europa, Salvini ribadisce, grafomani a Bruxelles, non ci muoviamo di un millimetro
- Roma: Tav, il commissario straordinario Foietta avverte, a dicembre le gare le d’appalto o parte il tassametro, pesante danno erariale
- Roma: caso De Falco, il senatore del M5s che ha provocato la battuta d’arresto su decreto Genova, io coerente, non temo espulsione
- Londra: Brexit, il governo britannico ha detto sì alla bozza di intesa, dopo una lunga riunione
- Roma: Istat, record di permessi d'asilo nel 2017, sono stati oltre 101mila, in Italia i cittadini extracomunitari regolari sono 3,7 milioni
- Bari: scommesse illegali on-line controllate dalla mafia, effettuati 68 fermi tra Puglia, Calabria e Sicilia, sequestrato un miliardo di euro
- Canada: Olimpiadi invernali 2026, si sfila Calgary, no dei cittadini canadesi alla candidatura, in corsa Milano-Cortina e Stoccolma
- Calcio: Nations League, l'Italia è in ritiro a Coverciano per preparare il match di sabato a Milano, gli azzurri affronteranno il Portogallo
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
01 novembre 2018

Trump manda l'esercito contro gli immigrati in marcia dal Messico

Il capo della Casa Bianca denuncia 'un'invasione' di migranti messicani e ordina l'invio di 15.000 militari al confine

A cinque giorni dalle elezioni di Mid Term, che sono destinate a segnare politicamente il secondo biennio del mandato presidenziale di Donald Trump, il capo della Casa Bianca ha lanciato una durissima offensiva. Ha scelto il terreno a lui più congeniale, l’allarme-immigrazione. Trump ha definito ‘un’invasione’, le migliaia di donne, bambini e uomini, che dal Messico si stanno avvicinando al confine con gli Stati Uniti. “Per questo – ha aggiunto il presidente – dobbiamo avere un muro di persone che li fermi”, motivando la decisione di inviare quindicimila soldati alle frontiere meridionali del Paese. E’ un numero enorme di militari, superiore a quello attualmente dislocato dagli Usa in Afghanistan. E’ questa la scelta politica di Trump, per riportare l’attenzione su uno dei suoi cavalli di battaglia, ai tempi delle presidenziali. Il presidente ha anche criticato la stampa, rea a suo dire di sminuire i numeri della presunta invasione dal Messico e di inquadrare e fotografare apposta donne e bambini.

Trump manda l'esercito contro gli immigrati in marcia dal Messico