Ucraina, ancora bombe su Donetsk, mezzo milione di ucraini senza corrente elettrica

10 luglio 2022, ore 10:15

Ad oggi sono 347 i bambini ucraini rimasti uccisi nell'invasione russa e più di 648 quelli feriti

Dopo oltre quattro mesi di combattimenti le ostilità in Ucraina non sembrano fermarsi. Gli attacchi si concentrano ancora e molto nella parte orientale del Paese, nella regione del Donbass. Dalle ultime notizie almeno sei persone hanno perso la vita e altre trenta, incluso anche un bambino di nove anni, sono intrappolate in queste ore sotto le macerie di un edificio residenziale di Chasiv Yar, nella regione di Donetsk. Il bilancio è il risultato di un bombardamento delle forze russe durante la notte scorsa, come reso noto dal presidente dell'amministrazione militare regionale Pavel Kirilenko, riportato da Unian. Ad oggi sono 347 i bambini ucraini rimasti uccisi nell'invasione russa e più di 648 quelli feriti. I dati sono ancora una volta dell'ufficio della Procura generale ucraina.


Il bilancio dell'esercito ucraino

Le truppe di Kiev hanno pubblicato un nuovo aggiornamento relativo alle perdite registrate dall'esercito russo. Sono circa 37.300 i soldati di Mosca uccisi in Ucraina dall'inizio dell'invasione. Non solo: Kiev rende noto che sono stati distrutti 217 caccia, 188 elicotteri e 676 droni. Neutralizzati anche 1.641 carri armati russi, 834 sistemi di artiglieria, 3.823 veicoli blindati per il trasporto delle truppe, 15 navi e 155 missili da crociera.


Oltre mezzo milione di ucraini senza corrente

E proprio nelle regioni maggiormente colpite si trovano quasi seicentomila cittadini ucraini senza accesso all'energia elettrica. Il Ministero dell'Energia di Kiev ha precisato che le situazioni peggiori si trovano nelle regioni di Donetsk, Lugansk, Mykolaiv e Kharkiv. Lo stesso ministero precisa che in alcune aree i lavori di ripristino di emergenza sono complicati dall'intensificarsi delle ostilità.

Ucraina, ancora bombe su Donetsk, mezzo milione di ucraini senza corrente elettrica

"Difesa aerea da rafforzare"

Il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov torna a parlare dichiarando che Kiev deve "sviluppare e rafforzare il proprio sistema di difesa aerea e di difesa antimissilistica". Il ministro ha precisato che finora è stato abbattuto un numero piuttosto elevato di missili e di aerei di Mosca, ma che il sistema ha comunque bisogno di essere potenziato. "Gli aerei nemici non volano più nei nostri cieli perché hanno paura e sanno che li abbatteremo" ha dichiarato Reznikov. "Usano vecchi missili e li sparano dal territorio della Russia, dal territorio della Bielorussia, dalle acque del Mar Nero e persino dal Mar Caspio e dalla Crimea ucraina temporaneamente occupata. Il nemico ha paura di avvicinarsi".

Tags: Donbass, Donetsk, Lugansk, Russia, Ucraina

Share this story: