Usa, impeachment vicino per Trump, filmati e testimonianze mostrano un ruolo nell'assalto a Capitol Hill

11 febbraio 2021, ore 22:37 , agg. alle 11:53

Le prove raccolte dall'accusa, esibite in 16 ore, definiscono l'ex presidente "l'istigatore in capo" per l'irruzione a Capitol Hill, la sentenza è prevista nel fine settimana


Donald Trump va condannato perché se diventasse ancora presidente potrebbe istigare nuovamente alla violenza: lo sostiene l'accusa nel processo di impeachment , dove sono state esibite numerose prove del ruolo che il past president ha avuto nell’assalto a Capitol Hill . Il deputato dem Jamie Raski, capo degli accusatori, ha sfidato i senatori chiedendo se onestamente credono che Trump potrebbe non incitare alla violenza se conquistasse di nuovo la Casa Bianca.

Le nuove immagini lasciano sgomenti gli americani

L'America è gelata dalle immagini dell'attacco armato al Congresso mostrate dall'accusa, che ha concluso dopo oltre 16 ore la sua esposizione nel processo di impeachment contro Donald Trump, definito "l'istigatore in capo". Tanto che lo stesso Joe Biden, pur non avendo seguito in diretta il dibattimento, ipotizza che "qualcuno potrebbe aver cambiato opinione". Lo si scoprirà presto, nel weekend, quando è attesa la sentenza, dopo che la difesa ha deciso di limitare il suo intervento a venerdì.


Anche i repubblicani più fedeli vacillano

Per i repubblicani diventa sempre più imbarazzante assolvere il loro ex presidente di fronte ai filmati esibiti dall'accusa e ai nuovi sviluppi. Come le rivelazioni del senatore repubblicano dell'Alabama Tommy Tuberville, il quale ha raccontato che immediatamente dopo l'attacco al Capitol informò Trump che il suo vice Mike Pence era appena stato evacuato. La telefonata avvenne poco dopo le 14, quando l'allora presidente twitto' che Pence non aveva avuto il coraggio di ribaltare la vittoria di Joe Biden. O come le accuse mosse dal dipartimento di Giustizia, che per la prima volta ha collegato direttamente le parole del commander in chief all'azione di un gruppo estremista paramilitare di destra gli Oath Keepers. Jessica Watkins indicava che stava aspettando direttive dal presidente Trump, scrivono i procuratori nell'inchiesta. Finora, poi, almeno quattro rivoltosi arrestati hanno sostenuto in tribunale di aver seguito gli appelli di The Donald all’assalto del Capitol.


Le attività di Trump sui social usate come prove

I procuratori dell'impeachment vogliono anche incastrare Trump con le sue parole, i suoi tweet, i suoi comizi, le sue minacce, in un'efficace ricostruzione con video e audio capace di provare in profondità tutta la violenza e la premeditazione dell'attacco. Il Paese e il Senato hanno rivissuto l'incubo del 6 gennaio come in un film dell'orrore. Tra le nuove, drammatiche immagini che provengono dalla videosorveglianza interna, quella dell'evacuazione di Mike Pence e della sua famiglia mentre i rivoltosi invocavano la sua impiccagione. O della speaker Nancy Pelosi barricata insieme ai suoi collaboratori mentre alcuni assalitori irrompevano nel suo ufficio con evidenti intenzioni bellicose. Secondo l’accusa "Erano pronti ad uccidere Pence e Pelosi".

Usa, impeachment vicino per  Trump, filmati e testimonianze mostrano  un ruolo nell'assalto a Capitol Hill
Tags: biden, capitol, hill, impeachment, trump

Share this story: