Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Londra: Brexit, Theresa May ottiene la fiducia del Parlamento, respinta la la mozione contro il governo presentata dal leader laburista Corbyn, 325 no, contro 306 sì
- Londra: Brexit, il leader dell'opposizione laburista Jeremy Corbyn, May ha fallito, ogni altro premier si sarebbe dimesso
- Gavardo (Bs): uomo di origini italiane sequestrato da uno straniero, ancora in corso le ricerche, il rapitore sarebbero straniero e armato
- Calcio: la Juventus vince la Supercoppa italiana grazie alla vittoria per 1-0 contro il Milan, Allegri, una successo per preparare al meglio le sfide del 2019
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
12 gennaio 2019

Usa, shutdown, si tratta del più lungo nella storia

Siamo al ventideusimo giorno, 800mila dipendenti pubblici non hanno ricevuto lo stipendio

E' ufficiale: alle 00:01 di oggi ora americana (le 6:01 in Italia), vale a dire all'inizio del suo ventiduesimo giorno, il parziale shutdown del governo federale Usa è diventato il più lungo mai registrato nella storia del Paese. Venerdì, per la prima volta, circa 800mila dipendenti pubblici coinvolti nella semiparalisi delle attività amministrative non hanno ricevuto lo stipendio. Molti sono scesi in piazza a protestare: a causare ulteriore ansia e frustrazione è il fatto che non si sa quanto il blocco potrebbe durare. Intanto, i sindacati dei dipendenti federali hanno fatto causa al governo, accusandolo di violare le leggi sul lavoro richiedendo ai dipendenti ritenuti "essenziali" di continuare a lavorare senza stipendio. E l'agenzia Standard & Poors' fa i conti economici: a oggi lo shutdwon è costato 3,6 miliardi di dollari, circa 1,2 miliardi a settimana. Se durasse altri 14 giorni costerà più dei 5,7 miliardi chiesti da Trump per il muro. Da parte sua, il presidente degli Stati Uniti ha detto che non dichiarerà "così velocemente l'emergenza nazionale" con la quale potrebbe ottenere i fondi per il muro il Messico. "Sarebbe una soluzione facile per me dichiarare l'emergenza nazionale, ma non lo farò così velocemente", afferma Trump dicendosi convinto che il muro e la sicurezza del confine "siano qualcosa che il Congresso può fare". Dicendosi pronto a firmare la misura che consentirà ai dipendenti federali di ottenere gli stipendi persi con lo shutdown, Trump invita i democratici a rientrare a Washington e votare per lo stanziamento dei fondi per il muro.

Usa, shutdown, si tratta del più lungo nella storia