Venduta all'asta una ricevuta di pagamento di Johann Sebastian Bach, è stata pagata 400 mila dollari

16 febbraio 2022, ore 20:00

La casa Rr Auction, negli Stati Uniti, ha battuto all'incanto la ricevuta rilasciata per l'esecuzione annuale di un mottetto funebre nel giorno della festa di Santa Sabina

Un documento firmato dal grande Johann Sebastian Bach, vissuto tra il 1685 e il 1750, che riconosce i pagamenti per l'esecuzione annuale di un mottetto funebre nel giorno della festa di Santa Sabina, è stato venduto all'asta negli Stati Uniti. Si tratta di una ricevuta manoscritta, estremamente rara, del geniale compositore tedesco, che è stata acquistata da un ricco compratore, coperto dall'anonimato, per l'importante cifra di 400.000 dollari dalla casa Rr Auction di Boston.


Ricevuta firmata due volte da Bach

La ricevuta, in lingua tedesca, lunga una pagina e scritta su due lati, è stata firmata due volte da Bach. Il documento stabilisce che Martin Simon Hille e Johann Bode avrebbero dovuto versare al musicista la somma di cinque fiorini, secondo i termini del lascito testamentario di Sabina Nathan. Quando la ricca vedova morì, nel 1612, dispose che venisse cantato un mottetto in sua memoria, ogni anno, nel giorno della festa di Santa Sabina, da tenersi nella chiesa luterana di San Tommaso a Lipsia, in Germania. Come Kapellmeister, e cioè maestro di cappella, responsabile della musica di quella chiesa, Bach eseguì quanto disposto dal lascito testamentario dal 1726 al 1749, per ben 23 anni.


Autografo raro

"L'autografo di Bach è raro in qualsiasi forma", ha commentato Bobby Livingston, vice presidente esecutivo di Rr Auction ed esperto di memorabilia. "Essendo questo il primo che abbiamo mai offerto in asta", ha proseguito Livingston, "siamo entusiasti del prezzo raggiunto, poichè è firmato due volte e si riferisce, direttamente, alla sua illustre carriera musicale. E' veramente un tesoro di storia culturale".


Venduta all'asta una ricevuta di pagamento di Johann Sebastian Bach, è stata pagata 400 mila dollari
Tags: compositore, Johann Sebastian Bach, ricevuta

Share this story: