Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: il terrorista Cherif Chekatt è stato ucciso dalle forze speciali, nel quartiere di Neudorf, a Strasburgo, dove si era nascosto dopo la strage
- Brasile: il Tribunale Supremo Federale ha chiesto l'arresto del terrorista Cesare Battisti, per pericolo di fuga, l'Italia ne chiede da anni l'estradizione
- Francia: il killer dei mercatini era armato di una pistola e di un coltello, aveva sparato per primo, nessun ferito tra gli agenti
- Bruxelles: manovra con deficit al 2,04%, dopo vertice Juncker-Conte, commissario Ue Moscovici, ancora non ci siamo, ma poi riconosce sforzi Italia
- Milano: il caso-mense di Lodi è discriminazione, lo hanno stabilito i giudici, il regolamento che penalizza gli stranieri deve cambiare
- Costa Rica: rapinato e ucciso un italiano, Gianfranco Pescosolido, 56 anni, abitava nel Paese da anni, era uscito per una passeggiata in un parco
- Milano: XFaxtor12, trionfa Anastasio, il rapper napoletano supera, nell'ultima sfida a due, Noemi, 3° posto per Luna, 4° per i Bowland
- Calcio: Europa League, Lazio già qualificata e battuta dall'Eintracht Francoforte, Beppe Marotta è il nuovo AD dell'Inter
- Calcio: Europa League, clamorosa eliminazione del Milan, battuto 3-1 dall' Olympiakos, Gattuso, giusto così
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
29 novembre 2018

Veneto, diecimila pazienti a rischio, per un batterio killer

Richiamati i pazienti, a cui furono impiantate valvole cardiache, fra il 2010 e il 2017, a Padova, Vicenza, Treviso e Mestre

Diecimila pazienti, operati fra il 2010 e il 2017, nei quattro reparti di cardiochirurgia degli ospedali di Padova, Vicenza, Treviso e Mestre, per la sostituzione della valvola cardiaca, verranno contattati dalla regione Veneto, per prevenire eventuali infezioni provocate dal batterio Mycobacterium Chimaera. E’ quanto deciso, dopo i 18 casi di infezione e i sei decessi, legati al batterio, che si è annidato nei macchinari, utilizzati durante gli interventi chirurgici, per il riscaldamento e raffreddamento del sangue, in pazienti operati a cuore aperto, per la sostituzione delle valvole. Sono oltre trentamila gli interventi effettuati, nei sette anni a rischio. La decisione di convocare i pazienti è stata presa in base al principio della massima precauzione possibile, in quanto considerati ad alto rischio, mentre si è rimandata la valutazione di chi abbia subito solo l’applicazione di un bypass. I sintomi indicati dalla commissione, come possibile segnale d’allarme, sono febbre, sudorazioni notturne e deperimento organico per oltre due settimane.

Veneto, diecimila pazienti a rischio, per un batterio killer