Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Lampedusa: caso Sea Watch, la nave ha forzato il blocco ed è ferma, da ore, davanti al porto dell'isola in attesa di far sbarcare i migranti, si attendono decisioni delle autorità
- Roma: caso Sea Watch, ira di Salvini contro il comandante della nave, questo è un atto ostile, l'Olanda si faccia carico dei migranti, schierati i carabinieri in banchina
- Roma: governo, ministro Salvini, se il Movimento 5 Stelle continua con i no, trarrò le conseguenze, ma Di Maio è persona seria
- Roma: afa e caldo africano, temperature in aumento, oggi bollino rosso in sei città, appello del ministro Salute Giulia Grillo, al pronto soccorso solo se necessario
- Francia: Notre-Dame, l'incendio dello scorso aprile causato forse da una sigaretta spenta male oppure da un cortocircuito, scartata l'ipotesi dolosa
- Manduria (Ta): anziani torturati da baby gang, altri 9 nuovi arresti, otto sono minorenni, spunta una terza vittima
- Roma: riapre dopo 246 giorni la fermata della metro A di Piazza della Repubblica, resta chiusa, invece, Barberini
- Calcio: i mondiali femminili in Francia, appuntamento su Rtl 102.5, sabato, dalle 15, per Italia-Olanda, chi vince va in semifinale
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
06 gennaio 2019

Via le coperte a un clochard, Vicesindaco di Trieste nella bufera

I cittadini portano trapunte e vestiti al senza tetto, richieste di dimissioni per Paolo Polidori

"Caro amico, speriamo che questa notte tu soffra meno il freddo. Ti chiediamo scusa a nome della città di Trieste". E' il messaggio scritto su di un cartello in cartone da alcuni triestini che hanno lasciato vestiti caldi e trapunte sul luogo dove il senzatetto romeno aveva l’abitudine di cercare riparo. Il vicesindaco della città, il leghista Paolo Polidori, due giorni aveva gettato nella spazzatura alcune coperte del senzatetto e se ne era vantato su Facebook. L’interessato – finito nella bufera e criticato anche da acuni esponenti della Lega- ha cercato di scusarsi, sostenendo che lui non è razzista e che pensava che il clochard se ne fosse andato. Da più parti- comunque- è arrivata la richiesta di dimissioni.

Via le coperte a un clochard, Vicesindaco di Trieste nella bufera