Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: convention M5S per presentare il reddito di cittadinanza, Di Maio, se ci sarà recessione mettiamo in sicurezza fasce più deboli
- Palermo: blitz anti-mafia all’alba, nuova Cupola di Cosa nostra, effettuati sette fermi grazie al racconto di due pentiti
- Roma: migranti, Salvini rilancia dopo attacco al presidente Macron di Di Maio, la Francia è fra i Paesi che impoveriscono l'Africa
- Usa: verrà chiesta al Canada l'estradizione di Wanzhou, il direttore finanziario di Huawei, arrestata in dicembre a Vancouver
- Indonesia: forte scossa di terremoto di magnitudo 6.6 a largo delle coste dell'isola di Sumba, nessuna allerta tsunami
- Roma: l'attore Lino Banfi sarà rappresentante per l'Italia nella commissione Unesco
- Francia: un aereo scompare dai radar, disperso nei cieli della Manica anche l'attaccante del Cardiff City, l'argentino Emiliano Sala
- Cremona: caporalato, migranti sfruttati e pagati tre euro l'ora per raccolta di abiti, eseguiti 4 arresti
- Calcio: Cristiano Ronaldo patteggia con il fisco spagnolo, verserà 18,8 milioni di euro e non sconterà 23 mesi di carcere perchè non ha precedenti penali
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
06 gennaio 2019

Via le coperte a un clochard, Vicesindaco di Trieste nella bufera

I cittadini portano trapunte e vestiti al senza tetto, richieste di dimissioni per Paolo Polidori

"Caro amico, speriamo che questa notte tu soffra meno il freddo. Ti chiediamo scusa a nome della città di Trieste". E' il messaggio scritto su di un cartello in cartone da alcuni triestini che hanno lasciato vestiti caldi e trapunte sul luogo dove il senzatetto romeno aveva l’abitudine di cercare riparo. Il vicesindaco della città, il leghista Paolo Polidori, due giorni aveva gettato nella spazzatura alcune coperte del senzatetto e se ne era vantato su Facebook. L’interessato – finito nella bufera e criticato anche da acuni esponenti della Lega- ha cercato di scusarsi, sostenendo che lui non è razzista e che pensava che il clochard se ne fosse andato. Da più parti- comunque- è arrivata la richiesta di dimissioni.

Via le coperte a un clochard, Vicesindaco di Trieste nella bufera