Alessandro Amitrano e Andrea Cangini a RTL 102.5

In collegamento in Non Stop News

L’onorevole Alessandro Amitrano del Movimento Cinque Stelle e il senatore di Forza Italia, Andrea Cangini, sono intervenuti per parlare del referendum sul taglio dei parlamentari. Una questione che divide i partiti anche al loro interno ed anche il paese. Il senatore Cangini di Forza Italia, si è sempre espresso a favore del taglio dei parlamentari e alla fine del bicameralismo perfetto, quindi della chiusura del senato, ma nessuno ha mai proposto una riforma come questa, infatti ieri c’è stato un appello 183, dove i migliori costituzionalisti d’Italia sono contro a questa riforma perché non ha alcun senso, danneggia il funzionamento delle camere e riduce la rappresentanza dei territori e dei cittadini. Quello Italiano sarebbe il parlamento meno rappresentativo d’Europa rispetto alla popolazione  e si delegittima

un’istituzione, il che è coerente con il disegno dei Cinque Stelle. Questo non si può fare a spese della democrazia. Delegittimare il parlamento vuol dire tenere lontano i migliori dall’impegno politico e mettere tutto nelle mani delle lobby 


L’onorevole Alessandro Amitrano del Movimento 5 Stelle ha invece espresso le sue motivazioni per il si.Questa è una riforma storica di cui si è parlato per tanti anni e che finalmente arriva a compimento, e voglio ricordare che alla camera, nell’ultima delle quattro votazioni, c’è stato il parere favorevole di tutte le forze politiche. Questo taglio vedrà scendere da 945 a  600, gli eletti nel nostro sistema bicamerale, e permetterà un funzionamento migliore della camera e del senato.

C’è anche il taglio delle spese dove per la prima volta c’è un autoriduzione delle proprie spese da parte dei parlamentari, ma soprattutto, meno parlamentari significa meno frammentazione, più velocità nei lavori del parlamento, e tutte le forze politiche dovranno selezionare quelli che sono i loro migliori rappresentanti all’interno di uno scenario così ridotto.

 


All’interno di Non Stop News, con Giusi Legrenzi, Pierluigi Diaco e Massimo Galanto.

Condividi questo evento: