Carlo Fusi a RTL 102.5

In collegamento in Non Stop News

Il direttore de “Il Dubbio”, Carlo Fusi è intervenuto per parlare dei temi di strettissima attualità dei migranti in Sicilia, dell’ordinanza del governatore Musumeci di liberare gli hot spot dei centri di accoglienza con i complimenti di Salvini, della Meloni e le critiche del PDcon il Viminale che ferma la decisione di Musumeci, e del quarto anniversario del terremoto di Amatrice. La proposta di Musumeci, forse illegittima, è la spia di una situazione drammatica, aggravata dall’emergenza covid, che non viene risolta dal governo che mantiene in vita i decreti sull’immigrazione dei precedenti governi. I risultati sono che abbiamo dei centri d’accoglienza che sono al collasso, e questa è una questione che chiunque debba intervenire, sarebbe ora che lo facesse. La situazione deve essere risolta nel rispetto delle leggi, senza alternanze, come è successo con l’emergenza coronavirus, che ha dato una delle immagini peggiori, con le regioni contro lo Stato, i comuni contro le regioni, e questo non si può assolutamente fare. Bisogna regolare qualunque provvedimento attraverso

il diritto. Questo è un elemento fondamentale. È comunque comprensibile l’angoscia di un governatore che vede una situazione che scoppia come è comprensibile il disagio dei cittadini, come sono comprensibili i diritti dei migranti. 

Bisogna trovare una soluzione che deve vedere coinvolti tutti quelli che ne hanno competenza. Il dramma è che l’Europa non c’è.


Dalla non soluzione dei migranti in Sicilia, si passa a quella della situazione molto grave di Amatrice sul tema ricostruzione.  

Questa è una delle emergenze, tra le più gravi del nostro paese. L’incapacità di mettere in sicurezza un territorio che, abbiamo visto, fragile dappertutto. A Verona sono bastati 15 minuti di pioggia e la città si è allagata. Abbiamo necessità di investire in questo settore. Ci sono tanti soldi che arriveranno dall’Europa attraverso il “Recovery fund”. Speriamo che questo governo che avrebbe dovuto già predisporre dei piani, lo faccia in tempi brevissimi, perché se perdiamo anche questa occasione che ci offre l’Europa, la colpa allora è nostra.


All’interno di Non Stop News, con Giusi Legrenzi, Pierluigi Diaco e Massimo Galanto.

Condividi questo evento: