A due anni dal crollo oggi inaugura il ponte San Giorgio di Genova

Questi gli argomenti trattati da Davide Giacalone, nella rassegna stampa di lunedì 3 agosto 2020: oggi verrà inaugurato il ponte San Giorgio di Genova, terminato in tempi rapidissimi. Può diventare un modello per la realizzazione delle grandi opere in Italia. Continua l'importante semestre europeo a guida tedesca e si torna parlare di difesa comune dell'Unione. Fa discutere, intanto, la proposta di realizzare un museo del Fascismo a Roma. La dolorosa vicenda dello scrittore antidroga finito in coma e il figlio morto di overdose. Secondo Davide Giacalone, proprio la tolleranza per le sostanze stupefacenti e l’incapacità di comunicare quello che realmente comporti il drogarsi non aiutano nel contrasto alla diffusione delle sostanze stupefacenti.

I temi del calcio con Massimo Caputi, responsabile delle pagine sportive del Messaggero. Abbiamo parlato dall’ultimo verdetto emesso poche ore fa dal campionato: il Lecce è retrocesso in serie B, dopo un solo anno nella massima divisione. La dura critica di Caputi alla sfuriata di Antonio Conte, che rischia di mandare ko il suo rapporto con l'Inter. Al punto che potrebbe non bastare l'Europa League a garantire la prosecuzione del rapporto fra i nerazzurri e il tecnico salentino.

“Diamoci una mano di colore alla faccia e una manina di colore anche al cuore” è la frase che ci ha regalato oggi Don Antonio Mazzi, fondatore della comunità Exodus.

Oggi, Genova avrà il suo nuovo ponte. Il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti ha costatato con noi che “a Genova è in un anno dalla demolizione è stato costruito un viadotto di oltre mille metri con i suoi svincoli. Una ricostruzione così celere sembra un po’ un miracolo ma dovrebbe diventare la normalità”.
Sul sostegno della Politica alla ricostruzione Toti ci ha detto: “la collaborazione istituzionale ha funzionato perché l’obiettivo era così potente, così simbolico che nessuno è riuscito a tirarsi indietro. Poi c’è sempre chi tende a sminuire e questo non cambierà mai”.
Per evitare che tragedie del genere si ripetano secondo il governatore: “occorre smettere di dire no alle infrastrutture e semplificare le procedure. Occorre una classe politica che getti il cuore oltre l’ostacolo”.
“Sono due anni che sentiamo proclami e urla, grida manzoniane e nulla è accaduto - ci ha detto Toti sui grossissimi problemi della viabilità che affliggono la Liguria – oggi la Ligurie è paralizzata da un piano di controllo delle sue gallerie che pretende di fare tutto insieme e in una stagione in cui la mia Regione non se le può permettere. Quel dialogo trovato sul ponte non vorrei che finisse con l’inaugurazione del ponte”.

Oggi, alle 18.30, l'inaugurazione del nuovo ponte di Genova, il ponte San Giorgio. Ne abbiamo parlato anche con l'amministratore delegato di RINA, la società che ha materialmente coordinato i lavori di costruzione del ponte, Ugo Salerno.
“Il grandissimo dolore per il crollo del ponte con tutte le vittime che ci sono state ci ha dato una spinta in più nel fare al meglio il nostro lavoro – ci ha detto Salerno - anche nel rispetto della memoria di chi ha perso la vita e per dare una segnale di ripresa per Genova”. Sulla ricostruzione fatta in emergenza l’ad ci ha spiegato: ”Non abbiamo lavorato in emergenza saltando le regole, ma lo abbiamo fatto in maniera efficace e razionale, grazie anche al fatto che avevamo una regia di tutte le operazioni”.

Un riconoscimento speciale Salerno lo ha dato a chi ha lavorato alla ricostruzione: il loro impegno, la collaborazione e la dedizione ci hanno permesso di procedere celermente e di non interrompere i lavori neanche durante il lockdown per l’emergenza covid".
In chiusura ci siamo collegati con Topic, ospite oggi pomeriggio in Power Hits Estate dalle 15.

Non Stop News è condotto da Fulvio Giuliani, Enrico Galletti e Luigi Santarelli.