I 150 anni dalla Breccia di Porta Pia e lo stop di Tramp a Tik tok e Wechat

Nella rassegna stampa Davide Giacalone ha commentato la notizia sulle grandi opere. “Le opere si programmano e si fanno in tempo. Ma che senso ha mettere i Commissari come a Genova? Perché derogare rispetto alla norma? ” dice Giacalone.
Su Palamara fuori da ANM: “Ha violato il codice etico. Mi colpisce la scarsa partecipazione, Palamara era presidente dell’ANM ma la scelta tradisce l’ipocrisia della corporazione”.
Oggi ricorrono i 150 anni da Porta Pia: “La memoria si affievolisce, è festa per chi voleva Roma capitale”.
Torna il pubblico negli stadi: “Attenzione, il virus può colpire sul lavoro e nell'ambito del divertimento. Le regole devono essere razionali: in Inghilterra si sta avvicinando il lockdown, il desto di Europa cerca altre strade per non fermarsi del tutto”.
E poi la cronaca da Treviso: “Un bimbo di 6 anni è stato dimenticato in bus: si era addormentato al ritorno da scuola e si è svegliato da solo nel deposito. Ha preso il martelletto e ha spaccato il vetro per uscire dal mezzo; è stato trovato da alcuni passanti su una panchina, da lì l’allarme. Il ragazzino è un buon esempio per tutti noi! Esempio di freddezza e pragmatismo”.

Il Maggiore Gianfilippo Càmbera, dello Stato Maggiore dell'Esercito ha parlato della ricorrenza dei 150 anni dalla breccia di Porta Pia. “E’ il buco di 30 metri sulle mura Aureliane che permisero all’Esercito Italiano nel 1870 di entrare a Roma e consegnare la città agli italiani. E’ un avvenimento che sui libri di storia trova poco spazio, ma sappiamo che fu importantissimo. Gli scontri iniziarono all'alba, alle 5.10 il primo colpo di cannone del capitano Segre segnò l’inizio di questa avventura. Ci furono molti morti e feriti, anche se Re e Papa Pio IX avevano chiesto poco spargimento di sangue. Ma sembra che l'ordine del papa venne ignorato”. A chi propone questa data come Festa Nazionale, il Maggiore dice: “Non lo so, ma mi piace sottolineare che non fu solo una guerra piemontese ma nazionale”.

Si aprirà domani a Ferrara Remtech Expo, evento internazionale dedicato alla tutela e allo sviluppo sostenibile dei territori, che quest'anno sarà in digital edition, con una innovativa piattaforma digitale, al momento unica a livello globale, in grado di rispondere alle esigenze della comunità pubblico-privata, tecnica, tecnologica e scientifica che essa rappresenta. partecipano a Remtech Expo le principali istituzioni. Ill presidente conte aprirà i lavori il 21 settembre al mattino nell'ambito della sessione plenaria organizzata in collaborazione con la pdcm - e le principali imprese nazionali e internazionali. In diretta Gabriele Ferrieri, presidente associazione nazionale giovani innovatori racconta: “In Italia ci sono 11 mila imprese innovative che ammontano a miliardi di euro. Questi giovani non devono fuggire dall’Italia, sono cervelli che dobbiamo trattenere qui. Anche nel nostro Paese ci devono essere le condizioni per costruire un futuro progettuale come è successo per la Motor Vallei o la Murgia Valley”.

Ennesimo attacco del presidente americano Trump contro le applicazioni cinesi; non saranno a breve più scaricabili TikTok e Wechat. Lorenzo Castellani, politologo e insegnante all’Università LUISS di Roma: “La paura è che ci sia l’ombra dello spionaggio cinese. Pensate a chi lavora in ambito pubblico o di sicurezza nazionale: il timore americano è che anche involontariamente utilizzando queste app si possano rivelare dati sensibili o che anche i familiari mostrino troppo della propria casa o della propria vita in generale, rendendo il sistema molto più vulnerabile”.

Due fratelli di Foggia si trasferiscono a Roma per studio. Ed ecco che senza mamma diventa un problema mettere insieme il pranzo con la cena, letteralmente! Nasce così il sito www.lacucinadelfuorisede.it di Andrea e Valentina Pietrocola.

“Maestro, ti sei misurato la temperatura?”. Viene accolto così Alex Corlazzoli, maestro di una V elementare e giornalista per Focus Junior e Focus Scuola. La prima settimana di scuola per lui e per tutti gli altri insegnanti è stata un susseguirsi di regole: “Non vanno imposte, ma spiegate e partecipate, se no i bambini più piccoli non le comprendono” spiega Corlazzoli. “Il momento più difficile? La pipì. Farla fare ad orari prestabiliti non è semplice…”

Nel giorno del Gran Premio dell’Emilia Romagna sul circuito di Misano Adratico, l’inviato speciale di RTL 102,5 per il Motomondiale Max Biaggi racconta: “Ieri un super Bagnaia ha fatto registrare un record di velocità, ma è stato annullato e lui retrocesso di posizione per un fuoripista. Bene anche Valentino Rossi e Quartaro,ma la pole va a Vinales”.

Non Stop News è condotto da Barbara Sala, Enrico Galletti e Luigi Santarelli.

Condividi questa puntata: