Se consideriamo il futuro sinonimo di elezioni non ne usciamo

lunedì 07 settembre 2020

Ieri a Cernobbio l ministro Gualtieri ha parlato di un forte rimbalzo del Pil. Dopo la botta recessiva per la pandemia, l’economia nel mondo ha ripreso a camminare e lo dimostra anche la fiducia degli operatori economici. Oltre ai danni per colpa del covid, bisogna rimediare ai guasti con cambiamenti sulla burocrazia, scuola e fisco. In queste condizioni l’abbattimento fiscale è solo uno slogan.  


La dote di 210milioni disponibile per il bonus bici basta a coprire solo il 50% degli acquisti fatti dagli Italiani e il governo si difende con nuovi fondi nel 2021. Se il governo vuole modificare le aliquote irpef deve lavorare anche sulle detrazioni, che non può tagliare se aumenta i bonus. Questi bonus dureranno fino al 31 dicembre ma non sono ancora stati erogati e sono già finiti in copertura. Il rischio è quello di non emettere più bonus, perché sono ci sono ma voucher. Non si possono chiedere maggiori fondi per gli investimenti per poi andarli a spendere nei bonus bici.


La scuola parte a metà. Mancano gli spazi per la didattica che resterà a distanza. La ministra Azzolina chiede a tutti un sacrificio.

L’Italia ha il record mondiale di aver tenuto le scuole chiuse più a lungo e anche in questa condizione è riuscita ad aprire l’anno scolastico, come da tradizione, con meno persone in cattedra, senza gli spazzi per la didattica e la telenovelas dei banchi. 

Se la scuola dovesse andare incontro a qualche complicazione, come ad esempio la Francia dove hanno già chiuso 12 scuole, 

non dovrebbe essere preso in considerazione un nuovo blocco, ma si dovrebbe pensare alla continuazione dell’anno scolastico, come con la didattica digitale. 


A Sassari, Giuseppe Mastini, conosciuto come Johnny lo zingaro, condannato all’ergastolo, è evaso ancora dopo un permesso premio. Nel luglio del 2017 aveva fatto la stessa cosa per amore. La legge Italiana prevede la possibilità di benefici anche per gli ergastolani e lui di permessi ne ha avuti molti. In Italia se uno viene indagato, finisce sui giornali come se fosse colpevole. Hanno cancellato la prescrizione per cui puoi essere condannato all’ergastolo processuale, processandoti per tutta la vita senza stabilire se sei colpevole o innocente. Johnny, che ha da scontare una pena d’ergastolo, perché deve ricevere benefici dopo che è evaso già un’altra volta?


A Colleferro, quattro ragazzi che erano già conosciuti dalle forze dell’ordine, hanno ucciso a calci e pugni il 21enne Willy Monterio Durante, perché difendeva un amico. I quattro avevano precedenti per spaccio di droga, che è un reato, e frequentavano una palestra di arti marziali dove si addestravano a picchiare. Le arti marziali, così come la box, denominata la nobile arte, insegnano il rispetto dell’avversario, perché senza amore e rispetto, non diventa più box ma massacro. Le palestre dovrebbero insegnare che la forza che si acquisisce insieme a quella mentale, deve essere usata solo per lo sport e l’agonismo. Non si può considerare lecito che ci siano dei posti dove la gente si addestra per massacrare un altro. Quello che è successo ieri deve essere condannato.


L’opinione di Davide Giacalone del 7 settembre 2020, all’interno di Non Stop News, con Giusi Legrenzi, Fulvio Giuliani e Pierluigi Diaco. 

 

Condividi questa puntata: