Massimo Teodori: brutta pagina della democrazia U.s.a. il violento duello di stanotte fra Trump e Biden.

mercoledì 30 settembre 2020

Il nostro editorialista, Davide Giacalone, in rassegna stampa è partito dall’assemblea generale di Confindustria, che si è tenuta ieri a Roma. Giacalone ha sottolineato le nuove critiche, pesanti e particolareggiate, all’intero sistema dei sussidi all’economia, non solo al Reddito di Cittadinanza. È stato uno dei punti qualificanti dell’intervento del presidente degli industriali, Carlo Bonomi. Secondo Giacalone, detto che sicuramente verrà effettuato un tagliando al Reddito, il problema resterà, convinto com’è che la misura non possa essere cancellata e che sarà difficile rinunciare al sistema dei sussidi. Almeno non del tutto. Si è parlato, poi, del caso Genoa e della positività dei calciatori rossoblu, nel quale Davide Giacalone è tornato a sottolineare la smania di protagonismo di parte della classe medica. Questa volta, non si è persa l’occasione per picconare l’affidabilità dei tamponi. Sappiamo tutti benissimo - ha ricordato Giacalone - che non offrano l’assoluta certezza, ma è pur sempre l’unico metodo riconosciuto a nostra disposizione, per mantenere il controllo della situazione. Irresponsabile attaccarlo così. 

#ilpostinfabbrica: Sicurezza Etica offre subito12 posti di lavoro. Oggi, Sicurezza Etica, rappresentata dal suo amministratore Roberto De Sclavis.

Sicurezza Etica è nata a Roma nel 2015, azienda specializzata in allarmi antincendio e anti intrusione, che più di recente si è orientata sui processi di sanificazione anti-covid. Da inizio 2020, per rispondere alla pandemia, ha avviato un reparto di ricerca e sviluppo da cui è nato il brevetto “Sanicity”, particolarmente utile negli ospedali e sui luoghi di lavoro. Ha 24 dipendenti e negli ultimi mesi ha assunto 10 persone e ne cerca con urgenza altre 12. A parlarne il suo amministratore, Roberto De Sclavis.

Il giornalista e scrittore Massimo Franco ci parla del suo libro "l'enigma Bergoglio, la parabola di un papato".

Il professor Massimo Teodori, uno dei più autorevoli americanisti del nostro paese, è stato ospite di Non Stop News, per commentare il primo confronto televisivo fra Donald Trump e Joe Biden. Il duello, finito a offese e insulti, è stato unanimemente considerato un fallimento, sul fronte della possibilità data agli elettori americani di comprendere i programmi del capo della Casa Bianca e dello sfidante democratico. Una bruttissima pagina per chi crede nella democrazia elettiva, ha sottolineato senza mezzi termini il professor Teodori. Secondo quest’ultimo, Donald Trump ha continuato a fare il bullo, scegliendo questa strada per parare i colpi arrivati dall’inchiesta del New York Times contro di lui, sulle presunte tasse non versate per anni. Del resto, ha ricordato Teodori, lo stesso Biden ha scelto di difendersi seguendo lo stesso stile, condito di pesanti accuse. A proposito dello scoop del New York Times, Il professor Teodori ha sottolineato come il tema delle tasse possa risultare decisivo, nella corsa del 2020. Negli Stati Uniti, ha ricordato, chi non paga le tasse non viene visto talvolta con occhio indulgente, come può capitare in Italia, ma viene direttamente considerato un fuorilegge. Per Massimo Teodori, la vice di Biden, Kamala Harris, può essere un fattore determinante, nel coinvolgere l’elettorato femminile e di colore.

Non Stop News condotto da Fulvio Giuliani, Pierluigi Diaco e Giusi Legrenzi

Condividi questa puntata:

Il magazine di informazione di RTL 102.5.