Non Stop News - il crollo del PIL italiano e l'opinione degli studenti sulla ripresa della scuola

martedì 01 settembre 2020

A Non Stop News la rassegna stampa dei principali quotidiani nazionali insieme ai commenti di Davide Giacalone. Questa mattina molte prime pagine sono dedicate ai dati diffusi ieri dall’Istat. L’istituto certifica un crollo del PIL italiano del 12,8%, pesano gli effetti del lockdown. Da diverse settimane, intanto, si parla della costituzione di una rete unica - nazionale - per la banda larga. Dopo l’annuncio da parte del governo di volerne creare una statale è arrivato l’accordo. Un accordo che include anche la partecipazione di Cassa depositi e prestiti, il cui amministratore delegato Fabrizio Palermo parla in un’intervista del ruolo della cassa in questa delicata fase di transizione. “Capitalismo paziente” sono le parole usate da Palermo.


Manca sempre meno alla ripresa delle lezioni, che il ministero dell'Istruzione ha fissato per il 14 settembre prossimo​. Molti plessi hanno riaperto proprio oggi per le sessioni di recupero. "C'è grande voglia di tornare in classe insieme ai propri compagni, ma molti studenti sono comunque preoccupati". Sono queste le parole di Daniele Grassucci, direttore di skuola.net. "Da un sondaggio che abbiamo effettuato con alcuni studenti, è emerso che l'80% di essi sono preoccupati dal rientro. Molti di loro sarebbero anche disposti a continuare con la didattica a distanza". Una rilevazione interessante, che evidenzia anche come la maggior parte degli studenti italiani siano comunque ben disposti a rispettare tutte le norme, in primis le tre principali regole di distanziamento, utilizzo delle mascherine e igienizzazione della mani. "Due studenti su tre sarebbero disposti a portare la mascherina tutto il giorno, se necessario".


Sulle prime pagine di molti quotidiani nazionali in edicola questa mattina si parla dei dati diffusi nella giornata di ieri dall'Istat, che certifica un crollo del prodotto interno lordo italiano del 12,8%. In diretta a Non Stop News il professor Paolo Manasse, docente di economia politica all'Università di Bologna. "Il crollo è sicuramente ingente" visti gli effetti del lockdown, e gli altri paesi dell'Unione europea non stanno affrontando un periodo ben diverso. "Il paese che se la passa peggio è di certo il Regno Unito, che sta soffrendo gli effetti della Brexit e del lockdown. Quelli messi meglio sono gli stati del nord Europa, tra cui anche la Germania". Un periodo di forte crisi quello affrontato dall'Unione e dall'Italia, ma il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri è ottimista su un forte rimbalzo destinato a compensare le perdite. 


L'estate è ormai agli sgoccioli, e per molti italiani è tempo di tornare a lavoro. Per tutti, anche per i più fortunati che sono riusciti ad andare in vacanza, è il momento di tornare alle proprie abitudini. Alcuni accolgono il nuovo inizio con piacere, altri meno. "Il nostro cervello ha il lato delle abitudini e il lato degli imprevisti. Rientrando l'abitudine ci ricorda le nostre certezze, ritroviamo il nostro territorio, le nostre trame". Queste le parole del dottor Raffaele Morelli, che avverte: "Dobbiamo stare attenti a non abituarci agli stessi pensieri e agli stessi propositi". Morelli ricorda che più ci riempiamo di propositi, più ansia avremo. Al rientro bisogna dare spazio alla creatività: dedicare qualche minuto della giornata al gioco, al disegno, alla scrittura. "Continuare a pensare ai problemi non li risolve" ricorda Morelli, aggiungendo che "la novità è un bene per il nostro cervello".


Manca sempre meno alla Power Hits Estate 2020. Appuntamento il 9 settembre all'Arena di Verona per il grande evento di RTL 102.5 con cui la musica italiana potrà finalmente ripartire. Una macchina imponente, dalla preparazione artistica a quella tecnica. La radiovisione di RTL 102.5, trasmessa in contemporanea per l'occasione anche da Sky e TV8, sarà curata dal regista Luigi Antonini: "Power Hits Estate è un grande evento, e il fatto che si possa tornare all'Arena di Verona non era per nulla scontato". Antonini non nasconde una certa emozione in preparazione della serata. "Il regista racconta tutto ciò che accade durante l'evento. Confesso che la regia della Power Hits Estate è una responsabilità maggiore del solito. Avrò il compito di trasferire al pubblico tutte le emozioni di una Arena vuota con il palco al centro". Grande attesa quindi per un evento la cui preparazione è iniziata mesi fa: "C'è un grande lavoro prima della serata, abbiamo iniziato diversi mesi fa con delle videoconferenze a distanza". Mesi di lavoro, un'unica serata. Appuntamento all'Arena.


Non Stop News condotto da Barbara Sala, Enrico Galletti e Luigi Santarelli

Condividi questa puntata:

Il magazine di informazione di RTL 102.5.