Confindustria, domani il superospite è il Presidente Mattarella per l’ultima assemblea di Bonomi

Confindustria, domani il superospite è il Presidente Mattarella per l’ultima assemblea di Bonomi

Confindustria, domani il superospite è il Presidente Mattarella per l’ultima assemblea di Bonomi Photo Credit: Agenzia Fotogramma


Intanto è già partita, con le consuete indiscrezioni, la corsa per la successione. Molti i concorrenti. Tra i nomi circolati c'è quello di Enrico Carraro, numero uno di Confindustria Veneto, e quello del ligure Antonio Gozzi, numero uno di Federacciai

Carlo Bonomi si prepara alla sua ultima assemblea da presidente di Confindustria. Domani, di fronte ad una platea di oltre 2mila partecipanti riuniti all'Auditorium Parco della Musica, il leader degli industriali farà un primo bilancio dei suoi quattro anni alla guida dell'associazione di viale dell'Astronomia ed esprimerà, molto probabilmente, le proprie preoccupazioni per il rallentamento della crescita economica e per le tensioni internazionali legate alla guerra russo-ucraina. Prevista, quest'anno, la partecipazione del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Presente, inoltre, il premier Giorgia Meloni con la squadra di governo quasi al completo.


La presidenza

Bonomi, nelle ultime dichiarazioni, aveva già confessato di non essersi annoiato durante la sua presidenza: "In questi anni non mi sono annoiato, sono stato eletto in pieno Covid, ho avuto il problema dello shock delle materie prime, c'è stato lo shock energetico, la guerra russo-ucraina, la più grande siccità da settant'anni, le alluvioni, 24 ore di colpo di stato in Russia" e via dicendo. Nonostante il contesto difficile però, gli imprenditori sono stati "eroi civili", concetto caro a Bonomi che con rammarico aveva fatto notare: "il Paese non ci ama quanto noi lo amiamo". Un tema su cui potrebbe tornare ad insistere. Resta lettera morta, invece, il famoso Patto per l'Italia, lanciato dal leader degli industriali nella sua prima assemblea e mai raccolto dalle controparti.


La successione

E intanto è partita, con le consuete indiscrezioni, la corsa per la successione. Molti i concorrenti ai nastri di partenza. Tra i nomi circolati c'è quello di Enrico Carraro, attuale numero uno di Confindustria Veneto, quello del ligure Antonio Gozzi, numero uno di Federacciai, ma anche quelli di alcuni imprenditori della squadra di Bonomi. Si tratterebbe di Alberto Marenghi, vicepresidente con la delega all'Organizzazione, di Maurizio Stirpe, vicepresidente con delega al Lavoro e Relazioni industriali e di Emanuele Orsini, vicepresidente con delega per il Credito, la finanza e il fisco. Il meccanismo di elezione del presidente di Confindustria ha tempi e rituali precisi. La partita inizierà ufficialmente a gennaio quando il Consiglio Generale estrarrà i nominativi dei tre saggi che comporranno la Commissione di designazione. I tre, estratti da una rosa di sei-nove nomi, saranno poi chiamati a sondare la base imprenditoriale, nella prima settimana dall'insediamento, e potranno ricevere eventuali autocandidature sostenute da almeno il 10% dei voti assembleari o dal 10% dei componenti del Consiglio Generale, entrambe con dichiarazione firmate dai presidenti delle associazioni o dai sostenitori membri del Consiglio Generale. Le auto candidature dovranno essere accompagnate anche dalle linee programmatiche. I saggi, d'intesa con il Consiglio di indirizzo etico e dei valori associativi e con il Collegio dei Probiviri, verificheranno, sotto il profilo personale, imprenditoriale, professionale e associativo, le autocandidature. La stessa Commissione di designazione comunicherà, poi, agli interessati la conclusione degli accertamenti preliminari.


Il tour

Nelle settimane successive, prenderà il via il tour nazionale dei saggi. Verranno ascoltati i presidenti delle Associazioni e i più importanti componenti del Consiglio Generale. Durante questo passaggio i tre raccoglieranno le espressioni di consenso sugli eventuali nominativi indicati dalle associazioni stesse e sulle autocandidature formalizzate nella prima settimana di lavoro. Dopo aver effettuato le necessarie verifiche di conformità, la Commissione provvederà a comunicare ai presidenti delle Associazioni i nomi dei candidati emersi dal giro di consultazioni e le loro linee programmatiche, che saranno richieste agli stessi qualora la Commissione avrà rilevato un consenso significativo. Al termine delle consultazioni, i saggi individueranno i nominativi dei candidati che saranno chiamati ad ufficializzare l'accettazione della candidatura e ad illustrare il proprio programma in occasione del Consiglio Generale in genere fissato a marzo.


La candidatura

Al di fuori dei canali di consultazione, possono essere ammessi alla presentazione della propria candidatura anche quegli imprenditori che certifichino per iscritto - con dichiarazione firmata dai presidenti delle associazioni sostenitrici - di poter disporre di un consenso pari ad almeno il 20% dei voti rappresentati nell'assemblea dei delegati, in regola con il versamento dei contributi associativi. Successivamente, di solito a fine marzo, il Consiglio generale di Confindustria voterà, a scrutinio segreto e a maggioranza assoluta dei votanti, il nome del futuro presidente che verrà poi proposto all'assemblea dei delegati. Il Consiglio generale di aprile voterà la proposta di squadra di Presidenza, composta da un massimo di dieci vicepresidenti. Infine, l'assemblea dei delegati, a maggio, eleggerà il nuovo presidente, insieme alla sua squadra.

 


Argomenti

Bonomi
Confindustria
Mattarella
Meloni

Gli ultimi articoli di Alberto Ciapparoni

  • Lavoro, per la sicurezza dal 31 ottobre patente a crediti per i cantieri, ma le imprese non ci stanno

    Lavoro, per la sicurezza dal 31 ottobre patente a crediti per i cantieri, ma le imprese non ci stanno

  • Esecutivo, dopo i conventi e le caserme adesso i ministri del governo-Meloni “si tuffano” alle terme

    Esecutivo, dopo i conventi e le caserme adesso i ministri del governo-Meloni “si tuffano” alle terme

  • Maggioranza, il terzo mandato voluto dalla Lega affossato dal "fuoco amico" di Forza Italia e Fratelli d’Italia

    Maggioranza, il terzo mandato voluto dalla Lega affossato dal "fuoco amico" di Forza Italia e Fratelli d’Italia

  • Lavoro, irregolare il 76% dei cantieri. La ministra Calderone: “Torneranno i reati penali negli appalti”

    Lavoro, irregolare il 76% dei cantieri. La ministra Calderone: “Torneranno i reati penali negli appalti”

  • Assange, al via l’udienza a Londra, rischia l’estradizione. Ma è un paladino della libertà o un traditore?

    Assange, al via l’udienza a Londra, rischia l’estradizione. Ma è un paladino della libertà o un traditore?

  • Partito Democratico, il terzo mandato e la difficile partita dei Governatori. Tutte le trame a sinistra

    Partito Democratico, il terzo mandato e la difficile partita dei Governatori. Tutte le trame a sinistra

  • Autonomia, De Luca irrompe (bruscamente) nel duello Meloni-Schlein. E insulta la presidente del Consiglio

    Autonomia, De Luca irrompe (bruscamente) nel duello Meloni-Schlein. E insulta la presidente del Consiglio

  • Pil, Bruxelles rivede al ribasso ma Gentiloni è ottimista: fiducia in ripresa da metà anno, in Italia e in Ue

    Pil, Bruxelles rivede al ribasso ma Gentiloni è ottimista: fiducia in ripresa da metà anno, in Italia e in Ue

  • Giustizia, sul ddl-Nordio si conferma una maggioranza allargata: il centrodestra più il Terzo Polo

    Giustizia, sul ddl-Nordio si conferma una maggioranza allargata: il centrodestra più il Terzo Polo

  • Medio Oriente, doppia telefonata Schlein-Meloni e ‘spunta’ la richiesta del cessate il fuoco a Gaza

    Medio Oriente, doppia telefonata Schlein-Meloni e ‘spunta’ la richiesta del cessate il fuoco a Gaza