Covid, vademecum per le le nuove regole: divieti e deroghe del nuovo decreto firmato dal governo Draghi

15 marzo 2021, ore 18:20 , agg. alle 09:53

L'esecutivo ha pubblicato le risposte alle domande frequenti ( le Faq) per sciogliere i dubbi sulle restrizioni. Ecco una guida alla vita in zona rossa, con i chiarimenti su negozi, attività sportiva, asporto, funzioni religiose, officine e condomini

Da oggi, , con l’entrata in vigore del nuovo decreto, tutte le Regioni sono in zona rossa o arancione, eccetto la Sardegna che per il momento rimane in fascia bianca. Il governo ha pubblicato le risposte alle domande frequenti (le Faq) per sciogliere i dubbi su regole e divieti. Ecco una guida alla vita in zona rossa, con i chiarimenti su negozi, attività sportiva, asporto, funzioni religiose.

La guida

Fino a che ora si può andare al bar o al ristorante a prendere cibo da asporto? Dalle 5 alle 22 si può prelevare cibo da asporto nei ristoranti, nelle pizzerie e nelle rosticcerie, mentre nei bar e nei locali senza cucina che vendono alcolici e bevande, solo dalle 5 alle 18.

Perché anche in zona rossa si vedono persone dentro ai bar e ai ristoranti? Perché i locali non sono obbligati a chiudere, ma possono far entrare i clienti solo “per il tempo strettamente necessario ad acquistare i prodotti per asporto”.

Si può consumare pietanze, caffè e bevande davanti al bar? No, è vietato, per evitare assembramenti.

È consentito usare i servizi igienici di bar e ristoranti aperti per l’asporto? No, “salvo casi di assoluta necessità”.

Si può sempre ordinare cibo a domicilio? Sì, senza limiti d’orario, ma “nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti”.

Si può andare in un albergo per mangiare al ristorante? No, la ristorazione negli hotel e nei relais è consentita solo per i clienti che vi alloggiano.

Chi viaggia in auto può cenare nelle aree di servizio sulle strade extraurbane a lunga percorrenza? No, dopo le 18 possono restare aperti solo “gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti”.

Quali negozi restano aperti? Tutti i negozi di prima necessità quindi negozi di alimenti, le farmacie e parafarmacie, le edicole, le tabaccherie, i fiorai, i negozi di articoli sportivi e biancheria personale, le tintorie, i ferramenta, i negozi di indumenti e scarpe per bambini, gli esercizi che vendono telefonia, elettrodomestici e pc. Per le altre attività aperte consultare l’allegato 23 dell’ultimo Dpcm.

Quali negozi sono chiusi? Abbigliamento, calzature per adulti, pelletterie, gioiellerie. 

È permessa la consegna a domicilio di beni non di prima necessità? Sì, la vendita a distanza è permessa, ma evitando contatti personali al momento della consegna.

Tutti i centri commerciali sono chiusi? I centri commerciali sono chiusi ma alcune tipologie di negozi presenti all’interno possono restare aperte: edicole, tabaccai, farmacie, parafarmacie. Nei giorni festivi e prefestivi i centri commerciali chiudono, quindi non lavorano nemmeno i negozi dell’allegato 23, tra cui articoli per la prima infanzia, abiti per bambini, articoli sportivi. Nei week end restano aperti nei centri commerciali solo edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie.

I mercati sono aperti? I mercati alimentari sono aperti, quelli non alimentari sono chiusi.

Si può portare l’auto dal meccanico? Sì, ed è anche possibile acquistare un veicolo, rottamarlo o fare un test drive.

Si può andare in chiesa, per la messa o altre funzioni religiose? Sì, purché nel rispetto dei protocolli di sicurezza. Il governo raccomanda di andare a messa nella chiesa vicino casa.

Si può fare la riunione di condominio in presenza? E’ raccomandato che si tenga a distanza, ma se non è possibile si può fare in presenza, con mascherina e rispettando le distanze di sicurezza.


Lo sport

Piscine e palestre sono chiuse? Sì, come anche i centri benessere e i centri termali. Palestre e piscine restano però aperte per gli allenamenti di atleti professionisti e non professionisti che devono partecipare a competizioni riconosciute dal Coni o dal Cip.

I centri sportivi sono aperti? No, “sono sospese l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sia all’aperto che al chiuso”.

I bambini e i ragazzi possono allenarsi a calcio, basket e altri sport di contatto? Gli sport da contatto sono sospesi. E’ però consentito svolgere allenamenti individuali all’aperto, anche per gli sport di squadra, purché “in forma individuale, all’aperto e nel rispetto del distanziamento”.

Si può andare nei parchi pubblici? Se non ci sono ordinanze locali che lo vietano «si può andare nei parchi rispettando il divieto di assembramento e in prossimità della propria abitazione».

Si può andare a passeggiare? Sì, ma solo “individualmente e in prossimità della propria abitazione”. Bisogna indossare la mascherina, rispettare la distanza di un metro ed evitare assembramenti.

Si può fare attività sportiva, per esempio jogging? L’attività sportiva è consentita solo nel proprio comune, dalle 5 alle 22, in forma individuale e all’aperto, a distanza di due metri.

Chi corre o fa sport in bicicletta, può uscire dal comune? Si, purché lo spostamento “resti funzionale all’attività sportiva stessa e la destinazione finale coincida con il comune di partenza. Quindi non si può utilizzare la bicicletta (o la corsa) per aggirare i divieti di spostamento.


La scissione

Nel frattempo scoppia il caos in 'Più Europa'. Nel corso dell'assemblea, riunita ieri in streaming, Emma Bonino ha annunciato la sua intenzione di lasciare il partito. Un gesto eclatante per cercare di sbloccare l'impasse in assemblea sulla convocazione del congresso, ostacolata dalla minoranza interna. All'addio di Bonino ha fatto seguito, nel pomeriggio, l'annuncio di dimissioni da segretario da parte di Benedetto Della Vedova.

Covid, vademecum per le le nuove regole: divieti e deroghe del nuovo decreto firmato dal governo Draghi
Tags: Covid, Decreto, Faq, governo

Share this story: