Italia-Germania, Meloni a Scholz: “Noi lasciati soli ad affrontare la crisi migratoria, serve più Europa”

Italia-Germania, Meloni a Scholz: “Noi lasciati soli ad affrontare la crisi migratoria, serve più Europa”

Italia-Germania, Meloni a Scholz: “Noi lasciati soli ad affrontare la crisi migratoria, serve più Europa”


Quello dell’immigrazione è stato il punto centrale della conferenza stampa che a Palazzo Chigi hanno tenuto la presidente del Consiglio italiana e il cancelliere tedesco. Entro la fine dell’anno si svolgerà un vertice intergovernativo. Sintonia sulla guerra

L'Italia rivendica "la solitudine" con cui negli ultimi mesi ha affrontato la questione migratoria e lo fa proprio rivolgendosi alla Germania con cui, più di una volta, ci sono state delle frizioni sull'operato delle navi delle Ong tedesche nel Mediterraneo. Sono parole chiare quelle che il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha affermato durante le dichiarazioni rilasciate alla stampa al termine dell'incontro con il cancelliere tedesco, Olaf Scholz. Parole chiare, ma non di scontro, visto che l'obiettivo del governo è quello di portare più Paesi possibile dalla parte dell'Italia in vista del Consiglio europeo di fine giugno.


Migranti

Quello dei migranti è stato il punto centrale della conferenza stampa. "Con il cancelliere abbiamo parlato di come in solitudine l'Italia da mesi corre in lungo e largo per il Mediterraneo" per cercare di salvare migranti e garantire il diritto internazionale, ha detto Meloni, secondo cui "c'è una congiuntura sfavorevole di fronte alla quale l'Italia fa un lavoro straordinario", ma la "grande sfida" secondo Meloni è "fare quel lavoro insieme", e farlo a livello europeo. In questo senso si inserisce l'annuncio confermato dal presidente del Consiglio della visita congiunta che domenica effettuerà in Tunisia con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il primo ministro olandese Mark Rutte. "La Commissione europea gioca un ruolo fondamentale. La presenza della presidente von der Leyen e di due capi di governo di Paesi europei è un segnale importante. Andremo lì con un pacchetto di iniziative di cooperazione e sostegno che pensiamo sarà propedeutico per chiudere un accordo con l'Fmi", ha detto Meloni. Il "modello Tunisia", tuttavia, secondo Meloni può essere esteso a tutti i Paesi di partenza e di transito dei migranti. "E' importante un nuovo Patto europeo di migrazione e asilo, ma è importante dare attenzione alle istanze dei Paesi di origine e transito", ha aggiunto il premier.


Il Consiglio Ue

"In vista del Consiglio europeo credo che sia il caso di lavorare in un quadro più generale, e credo che sia utile - come l'Italia sta facendo - lavorare anche con la Commissione europea", ha dichiarato Meloni. "La sfida non è parlare solo di come intendiamo trasferire i migranti europei da una Nazione all'altra, ma come gestire i movimenti primari", ha affermato la premier. "Il tema è difendere i confini esterni, combattere la tratta di esseri umani e favorire un'immigrazione legale, coinvolgendo le nazioni di transito e origine", ha aggiunto Meloni.


Il Cancelliere

Secondo il cancelliere tedesco, l'immigrazione è un tema importante per la Germania, l'Italia e l'Europa, e per questo motivo si è detto fiducioso "che troveremo una risposta comune europea sul tema dei rifugiati" e delle politiche di asilo. Scholz ha osservato come sarebbe opportuno gestire l'immigrazione con "corridoi legali per personale qualificato", ma "chi non ha diritto a rimanere deve tornare nel proprio Paese". Oltre ai dossier europei, Meloni e Scholz hanno ovviamente parlato di cooperazione bilaterale a livello politico e industriale ed è stata proprio la premier ad annunciare che si punta ad adottare al vertice intergovernativo che si terrà in Germania entro fine anno il Piano d'azione, l'accordo che servirà a favorire la cooperazione "sia in ottica bilaterale, sia in termine di coordinamento delle posizioni in ambito europeo e internazionale".


Ita-Lufthansa

Meloni ha parlato anche del fitto rapporto economico-commerciale fra Italia e Germania, testimoniato da due importanti sviluppi, ovvero il recente "accordo industriale fra Ita e Lufthansa", definito "una testimonianza" della convergenza strategica dei reciproci interessi nazionali, e il progetto SoutH2 Corridor, il corridoio dell'idrogeno "che collegherà i sistemi di Italia, Austria e Germania", rendendoli un punto di collegamento fra il Mediterraneo e l'Europa centrale. Sviluppare progetti simili è possibile, ha spiegato Scholz, perché "l'Italia è un partner affidabile e importante" e ha espresso la piena solidarietà della Germania per le "disastrose inondazioni" in Emilia-Romagna, ricordando come due anni fa anche in Germania ci sia stata una catastrofe simile "e quindi possiamo ben capire come si sentono gli interessati", anche nella prospettiva della ricostruzione.


Ucraina

Immancabile e doveroso il passaggio relativo all'Ucraina. Secondo Scholz, l'invasione russa dell'Ucraina ha cambiato radicalmente il contesto di sicurezza in Europa - questione che passa anche dal completamento della procedura di adesione della Svezia al vertice della Nato di Vilnius previsto a luglio - ed è importante concordare su come reagire a "questa svolta epocale". La compattezza dell'Ue è cruciale, e il presidente russo Vladimir Putin "ci ha sottostimato". Italia e Germania sostengono insieme l'Ucraina sotto tutti i punti di vista, ha spiegato Scholz, "fino a quando sarà necessario". Una posizione pienamente condivisa da Meloni che, anzi, ha voluto "fare i complimenti al cancelliere Scholz" per le sue recenti parole a sostegno della difesa dell'Ucraina. "Difendere la sovranità e la libertà degli ucraini è fondamentale per difendere i valori fondanti dell'Europa. Sosterremo l'Ucraina sinché sarà necessario. Lavoriamo per la pace, ma la pace deve essere giusta", ha concluso la Meloni.


Argomenti

Fotogramma
Meloni
migranti
Scholz

Gli ultimi articoli di Alberto Ciapparoni

  • Comunali, si torna alle urne domenica e lunedì per il 2° turno. Si sceglie il futuro sindaco di Firenze e Bari

    Comunali, si torna alle urne domenica e lunedì per il 2° turno. Si sceglie il futuro sindaco di Firenze e Bari

  • Cybersicurezza, dopo l’ok del Senato il ddl è legge. Più dura la lotta contro i reati commessi mediante la Rete

    Cybersicurezza, dopo l’ok del Senato il ddl è legge. Più dura la lotta contro i reati commessi mediante la Rete

  • Autonomia differenziata, con l’ok di Montecitorio diventa legge, ma per l’opposizione il ddl spacca l’Italia

    Autonomia differenziata, con l’ok di Montecitorio diventa legge, ma per l’opposizione il ddl spacca l’Italia

  • Premierato, c’è il primo sì dal Senato, Fdi esulta, l’opposizione (tranne il Centro) scende in piazza

    Premierato, c’è il primo sì dal Senato, Fdi esulta, l’opposizione (tranne il Centro) scende in piazza

  • Unione europea, questa sera il summit sulle nomine, ma irrompe il caso del rapporto sui media italiani

    Unione europea, questa sera il summit sulle nomine, ma irrompe il caso del rapporto sui media italiani

  • G7, Meloni chiude il summit: “Un vertice di successo, che porta a casa il sostegno rafforzato all’Ucraina”

    G7, Meloni chiude il summit: “Un vertice di successo, che porta a casa il sostegno rafforzato all’Ucraina”

  • G7, Papa Francesco: “Nessuna macchina deve poter togliere la vita, la tecnologia sia al servizio delle persone”

    G7, Papa Francesco: “Nessuna macchina deve poter togliere la vita, la tecnologia sia al servizio delle persone”

  • G7, Meloni accoglie i Grandi della terra a Borgo Egnazia e rimprovera Biden per il ritardo

    G7, Meloni accoglie i Grandi della terra a Borgo Egnazia e rimprovera Biden per il ritardo

  • Movimento Cinque Stelle, Conte sotto assedio per la sconfitta alle Europee ma per adesso non si dimette

    Movimento Cinque Stelle, Conte sotto assedio per la sconfitta alle Europee ma per adesso non si dimette

  • Elezioni, il centrodestra consolida il suo primato, il Partito Democratico è il perno dell’alternativa

    Elezioni, il centrodestra consolida il suo primato, il Partito Democratico è il perno dell’alternativa