Santanchè, Palazzo Madama boccia la mozione sfiducia. La ministra del Turismo: "Sempre detto il vero"

Santanchè, Palazzo Madama boccia la mozione sfiducia. La ministra del Turismo: "Sempre detto il vero"

Santanchè, Palazzo Madama boccia la mozione sfiducia. La ministra del Turismo: "Sempre detto il vero"


I senatori che hanno detto no al documento del Movimento Cinque Stelle sono stati 111, i favorevoli 67, nessuno si è astenuto. I gruppi di Azione e di Italia viva non hanno partecipato al voto. La maggioranza compatta ha difeso la responsabile del Turismo

Alla fine è andato tutto come previsto: il Senato ha respinto la mozione di sfiducia individuale contro la ministra del Turismo Daniela Santanchè, presentata dal M5s dopo le inchieste giornalistiche di Report che avevano evidenziato irregolarità nella gestione delle società condotte dalla ministra. I senatori che hanno detto no alla mozione sono stati 111, i favorevoli 67, nessuno si è astenuto. Come anticipato dal leader di Azione Carlo Calenda infatti, il gruppo di Az-Iv non ha partecipato al voto. "Riteniamo assurdo che Santanchè resti al suo posto dopo il modo in cui si è comportata", ma "la mozione di sfiducia è il più grande regalo che il M5s sta facendo a questo governo. Il governo ribadirà la fiducia e Meloni potrà dire che il Parlamento sovrano l'ha confermata. Proprio una stupidaggine", aveva detto Calenda.


La ministra

Raggiante, ma laconico, il commento della ministra dopo il voto: "Una bellissima giornata", l'ha definita ai giornalisti in Transatlantico, aggiungendo di aver "preferito non votare perché lo trovavo poco opportuno". In precedenza, nella replica seguita alla discussione generale, Santanché aveva sottolineato come fosse "la seconda volta che mi trovo in quest'Aula per accuse giornalistiche rivolte alla mia persona. Ho avuto occasione lo scorso 5 luglio di entrare negli aspetti di questa inchiesta pseudo-giornalistica, non intendo rifarlo perché ho già esposto i fatti con chiarezza. Mi permetto di ribadire che quando sono venuta in Senato non ero stata raggiunta da alcuna informazione o avviso di garanzia della Procura di Milano". Infatti, aveva spiegato Santanché, "alla mia residenza a Milano l'avviso di proroga delle indagini è stato consegnato il 17 luglio, quindi non solo ho detto la verità ma chi ha detto il contrario mente sapendo di mentire". "Questa mozione - aveva aggiunto - non ha in oggetto il mio operato da ministro o l'eventuale violazione di obblighi costituzionali e soprattutto ha per oggetto fatti che, se verranno evidenziati, sono precedenti al mio giuramento da ministro".


La maggioranza

Argomenti ripresi dai partiti di maggioranza che, nelle dichiarazioni di voto, avevano espresso il sostegno alla ministra. Per Lucio Malan, capogruppo di Fratelli d'Italia al Senato, "non c'è nulla in questa mozione che abbia a che fare sull'operato" di Santanché "come ministro" e "non c'è nulla di questa mozione che sia competenza di un organo politico come il Senato". Poi Malan ha insistito sul fatto che l'opposizione, basandosi su una trasmissione Tv, si è convinta della colpevolezza della ministra. "Sarebbe questo il rispetto per la magistratura da parte dell'opposizione?" Essa sembra avere convincimenti della colpevolezza della ministra "dopo aver visto una trasmissione in tv", mentre "la stessa magistratura ha chiesto la proroga delle indagini. Dunque quali elementi avete voi che non abbiamo? Direi nessuno, se non la volontà di strumentalizzare la vicenda", ha chiuso Malan.


Le opposizioni

Dal canto loro le opposizioni hanno posto l'accento sull'opportunità politica delle dimissioni della Santanché. "Noi abbiamo il dovere di difendere innanzitutto l'onore, il decoro, del Parlamento e delle istituzioni. La ministra ha invece dato l'impressione di tenere più a se stessa che all'onore delle istituzioni. Lo ha fatto non dicendo la verità al Parlamento, negando evidenze. Negando fatti, dai quali hanno preso il via inchieste giudiziarie, che faranno il loro corso. Fino al termine di queste, la ministra è solo indagata. Ma il punto non riguarda l'aspetto penale", ha detto il senatore del Pd Walter Verini. Dal canto suo il primo firmatario della mozione M5s, il capogruppo Stefano Patuanelli, si è augurato che "la ministra esca pulita da questa indagine ma le condotte sottese nei gruppi che la ministra ha guidato sono condotte che non rispettano il dovere di svolgere con onore il ruolo di ministro e hanno una discrasia rispetto alle funzioni pubbliche che ciascuno di noi ha".



Argomenti

maggioranza
opposizioni
Santanché
Terzo Polo

Gli ultimi articoli di Alberto Ciapparoni

  • Assange, al via l’udienza a Londra, rischia l’estradizione. Ma è un paladino della libertà o un traditore?

    Assange, al via l’udienza a Londra, rischia l’estradizione. Ma è un paladino della libertà o un traditore?

  • Partito Democratico, il terzo mandato e la difficile partita dei Governatori. Tutte le trame a sinistra

    Partito Democratico, il terzo mandato e la difficile partita dei Governatori. Tutte le trame a sinistra

  • Autonomia, De Luca irrompe (bruscamente) nel duello Meloni-Schlein. E insulta la presidente del Consiglio

    Autonomia, De Luca irrompe (bruscamente) nel duello Meloni-Schlein. E insulta la presidente del Consiglio

  • Pil, Bruxelles rivede al ribasso ma Gentiloni è ottimista: fiducia in ripresa da metà anno, in Italia e in Ue

    Pil, Bruxelles rivede al ribasso ma Gentiloni è ottimista: fiducia in ripresa da metà anno, in Italia e in Ue

  • Giustizia, sul ddl-Nordio si conferma una maggioranza allargata: il centrodestra più il Terzo Polo

    Giustizia, sul ddl-Nordio si conferma una maggioranza allargata: il centrodestra più il Terzo Polo

  • Medio Oriente, doppia telefonata Schlein-Meloni e ‘spunta’ la richiesta del cessate il fuoco a Gaza

    Medio Oriente, doppia telefonata Schlein-Meloni e ‘spunta’ la richiesta del cessate il fuoco a Gaza

  • Scuola, il ministro Valditara propone la bocciatura per gli studenti che occupano. Ma il Pd: "Irricevibile"

    Scuola, il ministro Valditara propone la bocciatura per gli studenti che occupano. Ma il Pd: "Irricevibile"

  • Esecutivo, Meloni apre agli agricoltori: “Sì all’esenzione dell'Irpef per i redditi fino a 10mila euro”

    Esecutivo, Meloni apre agli agricoltori: “Sì all’esenzione dell'Irpef per i redditi fino a 10mila euro”

  • Parlamento, in aula alla Camera e al Senato tensione e scontro sul caso di Ilaria Salis e sul premierato

    Parlamento, in aula alla Camera e al Senato tensione e scontro sul caso di Ilaria Salis e sul premierato

  • Trattori, il premier Giorgia Meloni: “Abbiamo difeso gli agricoltori molto prima delle proteste di piazza”

    Trattori, il premier Giorgia Meloni: “Abbiamo difeso gli agricoltori molto prima delle proteste di piazza”