Unione Europea, la premier Giorgia Meloni domani da Orban, focus sulla famiglia con vista sulle Europee

Unione Europea, la premier Giorgia Meloni domani da Orban, focus sulla famiglia con vista sulle Europee

Unione Europea, la premier Giorgia Meloni domani da Orban, focus sulla famiglia con vista sulle Europee Photo Credit: Agenzia Fotogramma


Ecco la quinta edizione del ‘Budapest Demographic summit’, evento che vede riuniti policy maker, leadership religiose, accademici, media e società civile per discutere delle politiche demografiche e il legame con competitività, sostenibilità e sviluppo

La natalità e la famiglia al centro dell'agenda del governo, per dare nuova linfa alla crescita economica del Paese - messa a dura prova dall'inflazione e dal caro energia, conseguenza del conflitto russo-ucraino - ma soprattutto per vincere l'inverno demografico, vera grande sfida a lungo termine delle democrazie occidentali. Il Demographic summit di Budapest sarà la cornice nella quale domani la premier Giorgia Meloni ribadirà l'impegno del suo esecutivo su alcuni temi che il centrodestra considera cruciali per il futuro del paese, a partire dalla conciliazione tra genitorialità e lavoro. "Siamo assolutamente convinti che il tema della natalità deve rimanere uno dei temi centrali della manovra. Il lavoro è un altro dei temi centrali. E le due cose devono poter camminare insieme", ha spiegato la presidente del Consiglio in una recente intervista rilasciata al Corriere della Sera per 'Il tempo delle donne'. Priorità ribadite da Meloni nel suo discorso davanti alla platea dei parlamentari di Fdi, riuniti in assemblea lo scorso 12 settembre.


La coperta

La premier non ha fatto mistero della 'coperta corta' con cui il governo si appresta ad affrontare la sessione di bilancio e ha puntato il dito contro gli ex inquilini di Palazzo Chigi: "Abbiamo di fronte la legge di bilancio, con poche risorse da spendere grazie ai nostri predecessori che hanno gettato dalla finestra miliardi per tentare di comprare il consenso dei cittadini. Concentreremo le risorse sulle nostre priorità, a partire dalla difesa del lavoro e dei salari, dalla sanità e dalla natalità", ha scandito la leader di Fratelli d'Italia.


Il summit

Quella che avrà inizio domani sarà la quinta edizione del Budapest Demographic summit, evento che vede riuniti policy maker, leadership religiose, accademici, media e società civile per discutere sull'impatto della famiglia e delle politiche demografiche su competitività, sostenibilità e sviluppo di strategie per il futuro. Il tema scelto per l'edizione 2023 è "Family: The Key to Security": il contributo della premier Meloni e degli altri relatori verterà su come restituire fiducia alle famiglie in quanto "chiave per un futuro sostenibile" alla luce delle criticità degli ultimi anni (pandemia, guerra in Ucraina e crisi energetica ed economica globale): "nell'ottica del vertice, la sicurezza del pianeta è strettamente correlata a quella delle famiglie, in quanto punto di partenza per affrontare le sfide degli ultimi anni, elemento costitutivo fondamentale di ogni nazione", sottolineano fonti di governo alla vigilia dell'appuntamento di Meloni nella capitale ungherese. La premier parteciperà al panel delle 11 insieme alla presidente dell'Ungheria, Katalin Novak, al premier ungherese, Viktor Orban al presidente della Bulgaria, Rumen Radev e al vicepresidente della Tanzania Philip Isdor Mpango. Il discorso di apertura sarà invece affidato a Jordan Peterson, professore canadese laureato in psicologia-clinica e diventato star dei social per le sue posizioni contro il politicamente corretto.


La tappa

La tappa di Meloni in Ungheria incrocia anche il dossier delle elezioni europee, sulle quali sia la premier sia il leader della Lega Matteo Salvini puntano per scardinare l'attuale assetto che governa la Ue, quella 'maggioranza Ursula' partorita dall'accordo tra popolari, socialisti e liberali. Se da un lato Salvini intende rafforzare l'intesa con i tedeschi di Afd e con Marine Le Pen - la leader della destra francese sarà ospite al raduno leghista di Pontida domenica prossima - dall'altro, Orban e il suo partito Fidesz rappresentano degli interlocutori privilegiati per i Conservatori europei di Meloni. Al punto che gli ungheresi sarebbero intenzionati a raggiungere il gruppo politico Ecr dopo il voto europeo del 2024: "Per noi sarebbe una collocazione naturale", ha confermato in una intervista a Politico Balazs Orban, portavoce e omonimo del premier ungherese.


Argomenti

Europee
Meloni
Orban
Salvini

Gli ultimi articoli di Alberto Ciapparoni

  • Sardegna, Conte e Schlein festeggiano la conquista dell’isola, Salvini al centrodestra: “Cadere serve”

    Sardegna, Conte e Schlein festeggiano la conquista dell’isola, Salvini al centrodestra: “Cadere serve”

  • Lavoro, per la sicurezza dal 31 ottobre patente a crediti per i cantieri, ma le imprese non ci stanno

    Lavoro, per la sicurezza dal 31 ottobre patente a crediti per i cantieri, ma le imprese non ci stanno

  • Esecutivo, dopo i conventi e le caserme adesso i ministri del governo-Meloni “si tuffano” alle terme

    Esecutivo, dopo i conventi e le caserme adesso i ministri del governo-Meloni “si tuffano” alle terme

  • Maggioranza, il terzo mandato voluto dalla Lega affossato dal "fuoco amico" di Forza Italia e Fratelli d’Italia

    Maggioranza, il terzo mandato voluto dalla Lega affossato dal "fuoco amico" di Forza Italia e Fratelli d’Italia

  • Lavoro, irregolare il 76% dei cantieri. La ministra Calderone: “Torneranno i reati penali negli appalti”

    Lavoro, irregolare il 76% dei cantieri. La ministra Calderone: “Torneranno i reati penali negli appalti”

  • Assange, al via l’udienza a Londra, rischia l’estradizione. Ma è un paladino della libertà o un traditore?

    Assange, al via l’udienza a Londra, rischia l’estradizione. Ma è un paladino della libertà o un traditore?

  • Partito Democratico, il terzo mandato e la difficile partita dei Governatori. Tutte le trame a sinistra

    Partito Democratico, il terzo mandato e la difficile partita dei Governatori. Tutte le trame a sinistra

  • Autonomia, De Luca irrompe (bruscamente) nel duello Meloni-Schlein. E insulta la presidente del Consiglio

    Autonomia, De Luca irrompe (bruscamente) nel duello Meloni-Schlein. E insulta la presidente del Consiglio

  • Pil, Bruxelles rivede al ribasso ma Gentiloni è ottimista: fiducia in ripresa da metà anno, in Italia e in Ue

    Pil, Bruxelles rivede al ribasso ma Gentiloni è ottimista: fiducia in ripresa da metà anno, in Italia e in Ue

  • Giustizia, sul ddl-Nordio si conferma una maggioranza allargata: il centrodestra più il Terzo Polo

    Giustizia, sul ddl-Nordio si conferma una maggioranza allargata: il centrodestra più il Terzo Polo