Consiglio europeo, la premier Giorgia Meloni rivendica risultati in Ue e su Macron insiste: ha sbagliato

10 febbraio 2023, ore 16:30

La presidente del Consiglio: "L’Italia non è isolata. Chi pensa che l'Europa debba essere un club dove c'è chi conta di più e chi di meno sbaglia, vale la pena ricordarsi del Titanic: quando la nave affonda non importa quanto hai pagato il biglietto"

Consiglio europeo, la premier Giorgia Meloni rivendica risultati in Ue e su Macron insiste: ha sbagliato

Giorgia Meloni rivendica la "vittoria" e il "protagonismo" dell'Italia, un "protagonismo" che emerge nei risultati del Consiglio europeo, ma anche nella postura assunta nei confronti del presidente francese Emmanuel Macron per la scelta di invitare Volodymyr Zelensky all'Eliseo, insieme al cancelliere tedesco Olaf Scholz. Il giorno dopo la fine del summit, terminato a tarda notte, la presidente del Consiglio tiene una lunga conferenza stampa all'Europa Building, per dettagliare quanto ottenuto.

Macron

Su Macron, sollecitata dalle domande, smentisce che ci sia un "gelo", ma ribadisce la sua convinzione che quell'invito alla vigilia del vertice di Bruxelles sia stato "politicamente sbagliato" perché ha rischiato di "indebolire" l'immagine di unità europea a sostegno di Kiev. Per questo, se fosse stata invitata, assicura, "gli avrei sconsigliato" di farlo perché "quando c'è qualcosa che non va devo dirlo. In passato per noi era sufficiente stare in una foto e pensavamo che questo definisse la nostra capacità di incidere, io dico che non è così". Comunque, l'Italia non è "isolata" perché a Parigi "c'erano due presidenti europei e non ce n'erano altri 25". Proprio questo è il modello di Europa che l'Italia non vuole: "Chi pensa che l'Europa debba essere un club dove c'è chi conta di più e chi di meno sbaglia, vale la pena - ammonisce - ricordarsi del Titanic: quando la nave affonda non importa quanto hai pagato il biglietto".


Passi avanti

Per quanto riguarda il vertice, Meloni si dice "estremamente soddisfatta degli importantissimi passi avanti" fatti sia sul dossier economico che su quello dei migranti. Sul primo punto l'obiettivo di Roma era ottenere maggiore "flessibilità" sui fondi già in campo, e questo è previsto dalla dichiarazione conclusiva, mentre sul tema dell'allentamento dei vincoli agli aiuti di Stato (su cui l'Italia era contraria) è stato deciso di "limitarli e renderli temporanei". Niente da fare, ma questo era scontato già dalla vigilia per l'opposizione in primo luogo della Germania, sulla proposta di un Fondo sovrano europeo per finanziare gli investimenti. "Abbiamo chiesto che la Commissione faccia una proposta" ma "siamo consapevoli che richiede del tempo e noi non abbiamo tempo", ha ammesso. Meloni ha anche sottolineato l'esigenza di legare la strategia economica di questa fase emergenziale alla riforma del Patto di stabilità e crescita che dovrà essere "più di crescita che di stabilità, a differenza di quanto è stato in passato".


Migranti

L'altro tema al centro dell'agenda, forse ancora più importante per il governo, era quello dei migranti. Su questo, per Meloni, è stato "ottenuto" un "cambio di passo evidente e totale". Il punto centrale su cui gli sherpa italiani avevano lavorato nei giorni precedenti il vertice è stato inserito e per la premier certifica un cambio di "approccio" dell'Ue: "Quello delle migrazioni, si dice, è un problema europeo e ha bisogno di una risposta europea". In questa ottica, è stato accolto il principio della "protezione delle frontiere esterne". Principio che riguarda sia la rotta balcanica (con i Paesi coinvolti che hanno chiesto risorse per barriere e sistemi di controllo delle frontiere) che la rotta del Mediterraneo centrale, di cui è stata sottolineata la "specificità". Cosa questo vuol dire nella pratica si vedrà nelle prossime settimane o mesi: sarà la Commissione a mettere su carta un piano, di cui si discuterà nuovamente al prossimo Consiglio in programma a fine marzo.


Zelensky

Meloni, rispondendo ai cronisti, è anche tornata sul colloquio avuto ieri con Zelensky, a cui ha ribadito (oltre alla volontà di andare a Kiev) il pieno sostegno dell'Italia e dell'Europa all'Ucraina "per tutto il tempo e con tutti gli strumenti necessari". Questo vuol dire che il governo invierà, insieme alla Francia, i sistemi missilistici Samp-T che dovrebbero essere sbloccati "nei prossimi giorni". E la premier non chiude la porta neanche all'invio dei caccia chiesti dal leader ucraino: "Dipende dalla comunità internazionale, noi ci siamo, ci siamo sempre stati e daremo una mano". Questo perché, conclude rivolgendosi a chi "soprattutto nell'opposizione" ma "anche nella maggioranza" afferma che il sostegno a Kiev può produrre un'escalation, "chi aiuta l'Ucraina sta lavorando per la pace mentre chi dice che l'Ucraina non va aiutata rischia di produrre l'esatto contrario, cioè una guerra che si propaga e non che si ferma". 
Tags: ConsiglioEuropeo, Fotogramma, Macron, Meloni

Share this story: