Medio Oriente, doppia telefonata Schlein-Meloni e ‘spunta’ la richiesta del cessate il fuoco a Gaza

Medio Oriente, doppia telefonata Schlein-Meloni e ‘spunta’ la richiesta del cessate il fuoco a Gaza

Medio Oriente, doppia telefonata Schlein-Meloni e ‘spunta’ la richiesta del cessate il fuoco a Gaza Photo Credit: Agenzia Fotogramma


Per la prima volta il Parlamento impegna il governo a invocare lo stop alle armi. Frutto dell’accordo tra la leader PD e la premier, che ha portato i 159 deputati della maggioranza ad astenersi sul testo Dem, passato con 129 voti delle sole opposizioni

Sorpresa nel dibattito parlamentare sulla crisi in Medio Oriente, e per la prima volta il Parlamento italiano impegna il governo a chiedere il cessate il fuoco a Gaza. Frutto dell’accordo raggiunto dopo due colloqui telefonici tra Elly Schlein e Giorgia Meloni, che ha portato i 159 deputati della maggioranza di centrodestra ad astenersi sul testo del Pd, passato dunque con 129 voti delle sole opposizioni.


Il nastro

Ma riavvolgiamo il mastro e cerchiamo di fare ordine. Dopo la richiesta della leader del Partito Democratico Elly Schlein che aveva annunciato l’intenzione di rivolgersi alla premier Giorgia Meloni per affrontare la crisi a Gaza, le due leader si sono sentite al telefono per ben due volte, quindi un lungo colloquio in cui si è parlato soprattutto del cessate il fuoco e di una conferenza di pace. E che ha prodotto alla fine un’intesa: difatti alla Camera sulle mozioni sulla guerra in Medioriente sono stati approvati, attraverso l’astensione della coalizione governativa, alcuni punti della mozione Dem, così come quella del Movimento Cinque Stelle e quella dell’alleanza Verdi e Sinistra.


Tajani

Mentre sono stati approvati i documenti integrali del centrodestra e di Azione, e di quasi tutto quello di Italia viva. In tutto erano 5 mozioni dell’opposizione, una della maggioranza. E il cambio di passo era stato evidenziato qualche ora prima dalle nuove esternazioni del ministro degli Esteri Antonio Tajani: "Sproporzionata la reazione di Israele: ci sono troppe vittime civili palestinesi”.


Schlein

“Avevamo presentato questa mozione proprio per scuotere il dibattito nel Paese e ottenere un avanzamento, che su questo è arrivato”, ha commentato Schlein: “La situazione è più che drammatica: bisogna fermare Netanyahu e l’attacco a Rafah per evitare un’ulteriore ecatombe oltre alla strage di civili che è già in corso da troppe settimane a Gaza. Non abbiamo visto fin qui un’iniziativa diplomatica e politica all’altezza della tradizione italiana e occorre che l’Italia invece faccia la sua parte per porre fine a questo massacro di civili e per riprendere un dialogo sulla soluzione politica dei due popoli due Stati. A noi non interessano i derby interni ma ci interessa contribuire come Italia alla fine di questo conflitto e a un’iniziativa più forte dell’Ue per riuscire a raggiungere una conferenza di pace e una soluzione politica”.

Argomenti

Gaza
Medio Oriente
Meloni
Schlein

Gli ultimi articoli di Alberto Ciapparoni

  • G7, da Capri appello dei Ministri degli Esteri a “spegnere il fuoco” e “impegno per la difesa ucraina”

    G7, da Capri appello dei Ministri degli Esteri a “spegnere il fuoco” e “impegno per la difesa ucraina”

  • Riforme, martedì l’ultimo round in Commissione, il premierato sarà in aula al Senato ad inizio maggio

    Riforme, martedì l’ultimo round in Commissione, il premierato sarà in aula al Senato ad inizio maggio

  • Rating: l’Italia alla prova del giudizio delle agenzie, comincia S&P venerdì, seguiranno Fitch e Moody’s

    Rating: l’Italia alla prova del giudizio delle agenzie, comincia S&P venerdì, seguiranno Fitch e Moody’s

  • Europa, il ritorno di Mario Draghi: “Occorrono cambiamenti radicali, l’Unione deve essere davvero unita”

    Europa, il ritorno di Mario Draghi: “Occorrono cambiamenti radicali, l’Unione deve essere davvero unita”

  • Governo, a Verona Meloni rilancia sulla scuola il liceo Made in Italy e sul Medio Oriente una de-escalation

    Governo, a Verona Meloni rilancia sulla scuola il liceo Made in Italy e sul Medio Oriente una de-escalation

  • Palazzo Chigi, Meloni: “Prima del mio esecutivo esisteva un’impostazione culturale ostile alla famiglia”

    Palazzo Chigi, Meloni: “Prima del mio esecutivo esisteva un’impostazione culturale ostile alla famiglia”

  • Puglia, Conte strappa in Regione ma è pronto a ricucire con Emiliano. Si va verso l’azzeramento della Giunta

    Puglia, Conte strappa in Regione ma è pronto a ricucire con Emiliano. Si va verso l’azzeramento della Giunta

  • Sicurezza, domani sciopero di Cgil-Uil e in Emilia Romagna raddoppia la protesta: “Basta morti sul lavoro”

    Sicurezza, domani sciopero di Cgil-Uil e in Emilia Romagna raddoppia la protesta: “Basta morti sul lavoro”

  • Governo, dal Consiglio dei ministri un Documento di economia e finanza quasi in bianco. Si decide a settembre

    Governo, dal Consiglio dei ministri un Documento di economia e finanza quasi in bianco. Si decide a settembre

  • Def, domani il varo del Consiglio dei Ministri, le stime senza le nuove spese in attesa del negoziato con l’Ue

    Def, domani il varo del Consiglio dei Ministri, le stime senza le nuove spese in attesa del negoziato con l’Ue