Napolitano, domani il rito laico a Montecitorio: oratori scelti dalla famiglia, diretta tv e maxischermi

Napolitano, domani il rito laico a Montecitorio: oratori scelti dalla famiglia, diretta tv e maxischermi

Napolitano, domani il rito laico a Montecitorio: oratori scelti dalla famiglia, diretta tv e maxischermi Photo Credit: Agenzia Fotogramma


Sicuri gli interventi dell’ex premier Amato e del cardinale Ravasi. Parteciperà pure il presidente francese Macron. Intanto anche oggi l’omaggio alla camera ardente: sono arrivati D’Alema, Tajani, Lotito, Calenda, il regista Tornatore, l’attore Scarpati

Montecitorio è pronto ad ospitare l’ultimo saluto a Giorgio Napolitano, morto venerdì sera all’età di 98 anni. Una sequenza intensa di riunioni sta scandendo le ore che precedono il rito laico dei funerali, un inedito assoluto nell’aula della Camera. C’è da decidere il cerimoniale e il cronoprogramma, in collaborazione con la famiglia del presidente emerito della Repubblica, soprattutto con il figlio Giulio.


La cerimonia

La cerimonia inizierà domani alle 11 e 30. È stata fissata una diretta tv su Rai Uno. Saranno predisposti maxischermi all’esterno del Palazzo. Le autorità, a cominciare dal presidente Sergio Mattarella, troveranno spazio nell’emiciclo, gli ospiti riempiranno le tribune, due spicchi saranno riservati ai giornalisti. L’Eliseo ha fatto sapere che sarà presente anche il presidente francese Emmanuel Macron. Il cerimoniale, come avviene per i funerali di Stato, è in capo a Palazzo Chigi, ma la scelta degli oratori sarà fatta dalla famiglia. Saranno cinque, al momento sono confermati l’ex premier Giuliano Amato e il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente emerito del Pontificio consiglio della cultura, che con Napolitano ha condiviso colloqui e confronti sul tema del dialogo tra laici e credenti. Nella lista degli interventi potrebbero esserci anche Anna Finocchiaro, Gianni Letta e Paolo Gentiloni, ma si attendono conferme. Si prevede che la funzione possa durare 90 minuti.


I precedenti

Due soli precedenti, sempre in forma laica, ma entrambi celebrati all’esterno della Camera, in piazza Montecitorio. Il più recente fu nell’ottobre 2015, per la morte di Pietro Ingrao. Eravamo in pieno renzismo: Matteo Renzi sedeva a palazzo Chigi, Sergio Mattarella era stato eletto a fine gennaio. L’orazione funebre la svolse Alfredo Reichlin. C’erano don Ciotti, Citto Maselli col pugno chiuso, Ettore Scola. Bandiere rosse di Rifondazione e Bella ciao. Poca gente in piazza. Il primo funerale di Stato davanti alla Camera, invece, fu nel dicembre del 1999, per la morte di Nilde Iotti, tre volte presidente della Camera. In quel caso parlarono Luciano Violante, proprio Giorgio Napolitano, Walter Veltroni, Livia Turco, Tina Anselmi, Oscar Luigi Scalfaro. Al Quirinale c’era Carlo Azeglio Ciampi. Premier era Massimo D’Alema.


La camera ardente

Proprio D’Alema stamattina ha fatto visita alla camera ardente allestita nella sala Nassiriya del Senato (che è stata chiusa alle 16). "Una grande personalità, un maestro severo a volte ma anche un uomo capace di slanci affettuosi. Lo abbiamo ricordato insieme ai suoi familiari. Certamente una grandissima personalità che ha rappresentato nella sua forma più alta il senso dello Stato, quell'amore verso la democrazia e il nostro paese. Ha dato un tratto, una caratteristica del comunismo italiano", ha dichiarato l’ex leader Ds, che poi ha scritto sul libro delle presenze: "Una lunga vita di impegno e battaglie comuni, ciao Giorgio". Anche il ministro degli Esteri, vicepremier e segretario di Forza Italia Antonio Tajani è arrivato stamattina. "Al Parlamento europeo siamo stati tanti anni insieme. Ci siamo confrontati, c'era grande, comune rispetto. Eravamo su fronti politici differenti ma c'era la condivisione della scelta europeista. Quando è stato rieletto presidente era perché evidentemente era la persona più giusta per superare quello stallo. Sapeva trovare una sintesi, era evidentemente la persona più giusta per superare uno stallo nell'interesse della nazione", ha detto ai cronisti. E ancora: "È stato un protagonista della politica che ha lasciato un segno. Anche quando si è avversari politici quello che conta è il rispetto e la stima che non è legata alle stesse idee". Sul libro delle dediche Tajani ha invece scritto: "Tanti anni di impegno comuni al Parlamento europeo sono un ricordo indelebile. Buon viaggio". A rendere omaggio al feretro oggi pure Carlo Calenda, leader di Azione, Luigi di Maio, Lorenzo Cesa e Marco Follini, Paola De Micheli, il governatore del Lazio Rocca, l’ex ministro Fabrizio Barca e Claudio Lotito (il senatore e patron della Lazio è stato accompagnato da due giocatore biancocelesti, il portiere Ivan Provedel e il centrale Alessio Romagnoli). Ma non solo. Per l’ultimo saluto pure il regista Giuseppe Tornatore, l’attore Giulio Scarpati e Giovanna Ralli.

 


Argomenti

funerali
Macron
Montecitorio
Napolitano

Gli ultimi articoli di Alberto Ciapparoni

  • Comunali, si torna alle urne domenica e lunedì per il 2° turno. Si sceglie il futuro sindaco di Firenze e Bari

    Comunali, si torna alle urne domenica e lunedì per il 2° turno. Si sceglie il futuro sindaco di Firenze e Bari

  • Cybersicurezza, dopo l’ok del Senato il ddl è legge. Più dura la lotta contro i reati commessi mediante la Rete

    Cybersicurezza, dopo l’ok del Senato il ddl è legge. Più dura la lotta contro i reati commessi mediante la Rete

  • Autonomia differenziata, con l’ok di Montecitorio diventa legge, ma per l’opposizione il ddl spacca l’Italia

    Autonomia differenziata, con l’ok di Montecitorio diventa legge, ma per l’opposizione il ddl spacca l’Italia

  • Premierato, c’è il primo sì dal Senato, Fdi esulta, l’opposizione (tranne il Centro) scende in piazza

    Premierato, c’è il primo sì dal Senato, Fdi esulta, l’opposizione (tranne il Centro) scende in piazza

  • Unione europea, questa sera il summit sulle nomine, ma irrompe il caso del rapporto sui media italiani

    Unione europea, questa sera il summit sulle nomine, ma irrompe il caso del rapporto sui media italiani

  • G7, Meloni chiude il summit: “Un vertice di successo, che porta a casa il sostegno rafforzato all’Ucraina”

    G7, Meloni chiude il summit: “Un vertice di successo, che porta a casa il sostegno rafforzato all’Ucraina”

  • G7, Papa Francesco: “Nessuna macchina deve poter togliere la vita, la tecnologia sia al servizio delle persone”

    G7, Papa Francesco: “Nessuna macchina deve poter togliere la vita, la tecnologia sia al servizio delle persone”

  • G7, Meloni accoglie i Grandi della terra a Borgo Egnazia e rimprovera Biden per il ritardo

    G7, Meloni accoglie i Grandi della terra a Borgo Egnazia e rimprovera Biden per il ritardo

  • Movimento Cinque Stelle, Conte sotto assedio per la sconfitta alle Europee ma per adesso non si dimette

    Movimento Cinque Stelle, Conte sotto assedio per la sconfitta alle Europee ma per adesso non si dimette

  • Elezioni, il centrodestra consolida il suo primato, il Partito Democratico è il perno dell’alternativa

    Elezioni, il centrodestra consolida il suo primato, il Partito Democratico è il perno dell’alternativa