Puglia, Conte strappa in Regione ma è pronto a ricucire con Emiliano. Si va verso l’azzeramento della Giunta

Puglia, Conte strappa in Regione ma è pronto a ricucire con Emiliano. Si va verso l’azzeramento della Giunta

Puglia, Conte strappa in Regione ma è pronto a ricucire con Emiliano. Si va verso l’azzeramento della Giunta Photo Credit: Agenzia Fotogramma


Il Governatore e il leader del Movimento Cinque Stelle si sono incontrati: sul tavolo soprattutto un nuovo patto. Arrivano l’assessorato alla legalità, la trasparenza sui finanziamenti ricevuti e il divieto di nomina dei rinviati a giudizio (per alcuni reati)

Mai fermarsi alle apparenze, soprattutto in politica. Così quella che appare una rottura, in realtà è un patto. Effettivamente nuovo o vecchio, lo capiremo fra poche ore.


Puglia

Quel che è certo è che sono momenti agitati nella sede della Regione Puglia, dopo che Giuseppe Conte ha annunciato il ritiro della sua assessora dalla giunta e dei quattro consiglieri che sostenevano la maggioranza. Il presidente della Regione, Michele Emiliano, sta riflettendo sul da farsi. Il governatore ha visto il presidente del Movimento 5 stelle nel primo pomeriggio. Conte gli ha descritto un patto per la legalità in cinque punti: "Buoni consigli", ha affermato il presidente della Regione Puglia. Emiliano ha preso atto del passo indietro, peraltro non inaspettato, dei 5 stelle, ma anche delle parole di riconoscimento che l'ex premier ha usato nei suoi riguardi e i riferimenti al suo passato di piemme antimafia. Ed è per questo che sarebbe pronto, già nelle prossime ore, ad azzerare la sua giunta regionale.


La mossa

Una mossa, questa, invocata in tarda mattinata anche da Alleanza Verdi Sinistra, con Angelo Bonelli e Nicola Fratoianni. E che, se confermata, sugellerà un inaspettato accordo tra Emiliano e Conte. Mettendo in difficoltà il Partito democratico e rafforzando i pentastellati. Difatti, Se la giunta ripartisse da zero, per i 5 stelle sarebbe facilissimo rientrarci, da vincitori. Non a caso lo stesso Conte aveva lasciato aperta questa possibilità: "In questo momento ci poniamo fuori dal perimetro della maggioranza e ci predisponiamo a lavorare sul patto di legalità" illustrato oggi, "confidando che si possano realizzare le premesse perché l'azione amministrativa della Regione Puglia possa dispiegarsi nel segno della legalità e della trasparenza".


Il reset

Dunque, il reset della giunta dovrebbe essere la risposta alle numerose inchieste che stanno colpendo la città. L'ultima in ordine di tempo è quella che ha portato all'arresto dell'ex assessore Alfonso Pisicchio, molto vicino a Emiliano e difeso da Michele Laforgia, che è il nome di Giuseppe Conte per la successione dell’attuale sindaco Antonio Decaro. "Ci costituiremo parte civile se arriverà il processo", fa sapere Emiliano, pronto a un gesto plateale che gli permetterà di far cadere tutto ciò che è intorno a sé. Rimanendo, però, saldamente in piedi.


Il patto

Ma che cosa contempla questo patto che Conte ha sottoposto al Presidente? In cinque punti il capo dei grillini riscrive le regole per le candidature. Regole che non dovrebbero valere solo per i 5 stelle, ma per tutti gli alleati. Prima di tutto si chiede che i candidati rispettino i requisiti della commissione parlamentare Antimafia, che sono più estesi rispetto ai vincoli di legge. Al secondo punto, si prevedono dei paletti per evitare il conflitto d'interesse "oltre l'articolo 78 del Tuel". Nello specifico, saranno esaminati "i pregressi rapporti di affari, rapporti parentali allargati, frequentazione abituale, appartenenza a categorie". Ecco poi un assessorato alla legalità, la trasparenza sui finanziamenti ricevuti e il divieto di nomina dei rinviati a giudizio (per alcuni reati).



Argomenti

Conte
Emiliano
M5S
Puglia

Gli ultimi articoli di Alberto Ciapparoni

  • Governo, via libera del Cdm al decreto Salva-Casa. Il ministro Salvini: “Una rivoluzione liberale”

    Governo, via libera del Cdm al decreto Salva-Casa. Il ministro Salvini: “Una rivoluzione liberale”

  • Dl Superbonus, c’è l’ok finale della Camera. Ecco lo stop allo sconto in fattura e le detrazioni in 10 anni

    Dl Superbonus, c’è l’ok finale della Camera. Ecco lo stop allo sconto in fattura e le detrazioni in 10 anni

  • Europee, Elly Schlein ai candidati del Partito Democratico: “State tra la gente, andate casa per casa”

    Europee, Elly Schlein ai candidati del Partito Democratico: “State tra la gente, andate casa per casa”

  • Redditometro, torna la lente del fisco: dalle spese per l’auto a quelle per la casa, a quelle per la barca

    Redditometro, torna la lente del fisco: dalle spese per l’auto a quelle per la casa, a quelle per la barca

  • Maggioranza, Fratelli d’Italia: “Bandiere dell’Ue e dell’Italia esposte con decoro o scatta la multa”

    Maggioranza, Fratelli d’Italia: “Bandiere dell’Ue e dell’Italia esposte con decoro o scatta la multa”

  • Legge elettorale, l’Italia sotto la lente della Corte di Strasburgo, il governo lavora ad una memoria difensiva

    Legge elettorale, l’Italia sotto la lente della Corte di Strasburgo, il governo lavora ad una memoria difensiva

  • Europee, niente duello tv Meloni-Schlein, la Segretaria Pd accusa: “C’è chi ha preferito negarlo a 2 donne leader"

    Europee, niente duello tv Meloni-Schlein, la Segretaria Pd accusa: “C’è chi ha preferito negarlo a 2 donne leader"

  • Esecutivo, la sugar tax slitta: rinviata al 2025. Il Mef al lavoro per trovare circa 70 milioni di euro

    Esecutivo, la sugar tax slitta: rinviata al 2025. Il Mef al lavoro per trovare circa 70 milioni di euro

  • Caso-Toti, gli Spinelli parlano, Cozzani no. E l’inchiesta si allarga ai dati Covid e alla sanità privata

    Caso-Toti, gli Spinelli parlano, Cozzani no. E l’inchiesta si allarga ai dati Covid e alla sanità privata

  • Natalità, Papa Francesco: “La madre non deve scegliere tra lavoro e figli. I contraccettivi impediscono la vita”

    Natalità, Papa Francesco: “La madre non deve scegliere tra lavoro e figli. I contraccettivi impediscono la vita”