Quirinale, il Presidente Mattarella: “I comportamenti positivi sono la vera diga contro la violenza"

Quirinale, il Presidente Mattarella: “I comportamenti positivi sono la vera diga contro la violenza"

Quirinale, il Presidente Mattarella: “I comportamenti positivi sono la vera diga contro la violenza"


L'inquilino del Colle: "La violenza la vediamo purtroppo troppo sovente: nelle famiglie, nelle abitazioni, contro le donne, in tante circostanze per strada, e in tante altre circostanze, addirittura nei giorni scorsi davanti a una scuola contro ragazzi"

Trenta storie di solidarietà, di coraggio, di semplicità, di convivenza civile. Trenta ragazzi e ragazze, dai 14 ai 18 anni, a cui stamani il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha consegnato gli attestati d'onore di Alfiere della Repubblica riconoscendoli come "modelli positivi di cittadinanza".


L’occasione

Un'occasione che il Capo dello Stato ha colto sia per ricordare - dopo "un lungo anno di guerra" in Ucraina - il valore della pace e l'impegno, anche di tanti giovani nella storia e nel presente, contro "comportamenti aggressivi", sia per spendere qualche parola sulla violenza che si manifesta in vari contesti, privati e pubblici. Compreso quanto avvenuto giorni fa a Firenze con lo scontro davanti al liceo Michelangiolo fra alcuni studenti di sinistra dei Collettivi e sei giovani di Azione studentesca. Su quei fatti e sulla lettera della preside del liceo Leonardo Da Vinci, Annalisa Savino, che ha condannato la violenza e messo in guardia sui rischi di un ritorno al fascismo, si è scatenato un dibattito nel quale è intervenuto il ministro dell'Istruzione Giuseppe Valditara, attaccando la docente mentre nessuna dichiarazione è giunta dalla premier Giorgia Meloni.


Il Capo dello Stato

Oggi il Capo dello Stato è tornato su quanto accaduto con parole nette: "La violenza la vediamo purtroppo sovente: violenza nelle famiglie, violenza nelle abitazioni, violenza contro le donne, violenza in tante circostanze per strada, e in tante altre circostanze, addirittura nei giorni scorsi davanti a una scuola contro ragazzi", ha ricordato Mattarella. Per poi aggiungere che "vi sono episodi di violenza contro i quali però la vera diga è fatta naturalmente dagli interventi delle pubbliche autorità ma è fatta in maniera prevalente soprattutto dai comportamenti positivi che nella società si realizzano, vengono fuori, si manifestano, come quelli che voi avete messo in campo".


I premiati

Tra i trenta premiati c'è Tommaso Zotti, un ragazzo di 15 anni, che, dopo il malore del conducente di uno scuolabus, ha aiutato tutti a mettersi in salvo. C'è Aniello Capuano, 14 anni, che affronta la malattia che lo ha colpito da bambino, impegnandosi anche per fare conoscere la distrofia facio-scapolo-omerale e per sostenere la ricerca scientifica. E ci sono Francesca Di Sabatino, 18 anni, che si impegna come volontaria a favore dei bambini e delle persone più deboli, e Maria Grazia Fragale, 17 anni, che si è spesa per l'integrazione di una ragazza ucraina in classe aiutando alcuni rifugiati ucraini ad apprendere la lingua italiana. Ragazzi non ancora ventenni che hanno scelto da che parte stare. Come lo fecero i giovani tedeschi che si opposero, pagando con la vita, al nazismo.


L’Ucraina

Mattarella ha voluto ricordarli soffermandosi sull'anniversario dell'aggressione russa all'Ucraina. "L'ambito internazionale non è separato da quello interno ai singoli paesi, c'è una grande reciproca influenza" e "oggi è un giorno particolare, per voi e per me, per la consegna di questi riconoscimenti ma anche perché oggi - ha spiegato il presidente - si compie un lungo anno della guerra di aggressione della Russia all'Ucraina. Nella nostra Europa non si vedeva una guerra" così "dagli eventi drammatici che hanno condotto alla seconda guerra mondiale" e "allora molti si opponevano a comportamenti aggressivi". Come Hans e Sophie Scholl della Rosa Bianca che "seminarono per il futuro", ragazzi "poco più che ventenni" che rifiutarono "la violenza", "i comportamenti aggressivi" e pagarono "con la vita". Da qui, dalla difesa di questi valori, ha concluso Mattarella, "è nata la nuova Europa che dopo essersi per secoli lacerata in guerre devastanti e sanguinose ha costruito una condizione di pace che oggi, un anno fa, è stata posta in pericolo".


Argomenti

Firenze
Fotogramma
Mattarella
scuola

Gli ultimi articoli di Alberto Ciapparoni

  • Sardegna, Conte e Schlein festeggiano la conquista dell’isola, Salvini al centrodestra: “Cadere serve”

    Sardegna, Conte e Schlein festeggiano la conquista dell’isola, Salvini al centrodestra: “Cadere serve”

  • Lavoro, per la sicurezza dal 31 ottobre patente a crediti per i cantieri, ma le imprese non ci stanno

    Lavoro, per la sicurezza dal 31 ottobre patente a crediti per i cantieri, ma le imprese non ci stanno

  • Esecutivo, dopo i conventi e le caserme adesso i ministri del governo-Meloni “si tuffano” alle terme

    Esecutivo, dopo i conventi e le caserme adesso i ministri del governo-Meloni “si tuffano” alle terme

  • Maggioranza, il terzo mandato voluto dalla Lega affossato dal "fuoco amico" di Forza Italia e Fratelli d’Italia

    Maggioranza, il terzo mandato voluto dalla Lega affossato dal "fuoco amico" di Forza Italia e Fratelli d’Italia

  • Lavoro, irregolare il 76% dei cantieri. La ministra Calderone: “Torneranno i reati penali negli appalti”

    Lavoro, irregolare il 76% dei cantieri. La ministra Calderone: “Torneranno i reati penali negli appalti”

  • Assange, al via l’udienza a Londra, rischia l’estradizione. Ma è un paladino della libertà o un traditore?

    Assange, al via l’udienza a Londra, rischia l’estradizione. Ma è un paladino della libertà o un traditore?

  • Partito Democratico, il terzo mandato e la difficile partita dei Governatori. Tutte le trame a sinistra

    Partito Democratico, il terzo mandato e la difficile partita dei Governatori. Tutte le trame a sinistra

  • Autonomia, De Luca irrompe (bruscamente) nel duello Meloni-Schlein. E insulta la presidente del Consiglio

    Autonomia, De Luca irrompe (bruscamente) nel duello Meloni-Schlein. E insulta la presidente del Consiglio

  • Pil, Bruxelles rivede al ribasso ma Gentiloni è ottimista: fiducia in ripresa da metà anno, in Italia e in Ue

    Pil, Bruxelles rivede al ribasso ma Gentiloni è ottimista: fiducia in ripresa da metà anno, in Italia e in Ue

  • Giustizia, sul ddl-Nordio si conferma una maggioranza allargata: il centrodestra più il Terzo Polo

    Giustizia, sul ddl-Nordio si conferma una maggioranza allargata: il centrodestra più il Terzo Polo