Quirinale, per il dopo-Mattarella sono i franchi tiratori i protagonisti senza volto della corsa

01 gennaio 2022, ore 12:00

L'esempio più recente è quello dei famosi 101 che impallinarono Prodi nel 2013, aprendo la strada alla rielezione di Napolitano. Ma sono entrati in scena già agli albori della Repubblica, nel 1948, dopo le dimissioni del Capo provvisorio dello Stato De Nicola

Il 2022 sarà anche l'anno dell'elezione del nuovo Capo dello Stato. Mancano pochi giorni all'inizio delle votazioni, previsto intorno al 20 gennaio, ma già da ora si può dire che i riflettori sono puntati su alcuni protagonisti inaspettati. Sì, perché se tra i 12 Capi dello Stato non abbiamo avuto personalità politiche come il ministro degli esteri Carlo Sforza, o il "cavallo di razza" Amintore Fanfani, o Arnaldo Forlani o l'ex premier e presidente della Commissione Ue Romano Prodi è colpa (o merito) loro, anche se sono quasi sempre rimasti senza volto. Sono i famosi "franchi tiratori", cioè i grandi elettori che nel segreto dell'urna votano contro le indicazioni dei loro partiti. Più volte hanno scombinato i piani (e i patti) dei leader, imponendo loro brusche retromarce.


Il debutto

Sono entrati in scena già agli albori della Repubblica, nel 1948, quando dopo le dimissioni del Capo provvisorio dello Stato Enrico de Nicola, De Gasperi avrebbe voluto mandare al Quirinale il ministro degli esteri conte Carlo Sforza, gradito agli americani, ma fu stoppato da 196 franchi tiratori (soprattutto, si disse, dc di sinistra e socialdemocratici) che non volevano al vertice dello Stato un liberale, per di più in odore di Massoneria. Così De Gasperi fu costretto a "ripiegare" su Luigi Einaudi.


I 101

L'esempio più recente è quello dei famosi 101 che impallinarono Romano Prodi nel 2013, aprendo la strada alla rielezione di Giorgio Napolitano. Se i franchi tiratori (che Cirino Pomicino ha ribattezzato "liberi pensatori") sono stati così importanti quando i partiti erano forti e i leader politici rispettati e temuti, figuriamoci oggi che i partiti sono deboli e frammentati al proprio interno e i leader faticano a tenere unite le loro truppe. Così la corsa al Colle non può prescindere dagli umori dei "peones" che possono trasformarsi in franchi tiratori e temono le eventuali elezioni anticipate come la peste, visto che, con la riduzione dei parlamentari da 945 a 600, moltissimi di loro sanno per certo che non torneranno in Parlamento. Per di più il Gruppo Misto dove si rifugiano i parlamentari dei piccoli gruppi, i transfughi e gli espulsi, non è mai stato così folto: con 113 parlamentari tra Camera e Senato è il terzo o quarto gruppo tra i "grandi elettori", con una quarantina di "senza partito" che rispondono solo a se stessi. Lo stesso Ciampi, uno dei tre Capi dello Stato, insieme a De Nicola e Cossiga, ad essere stato eletto al primo scrutinio coi due terzi dei voti, subì un centinaio di franchi tiratori, che però non risultarono determinanti.


I 2 modi

I leader hanno due modi per combattere i franchi tiratori. Uno "in negativo", cioè far disertare il voto e imporre ai propri parlamentari di uscire dall'aula per evitare che qualcuno di essi voti per un candidato sgradito (come potrebbe decidere di fare il centrosinistra di fronte alla candidatura di Berlusconi). E uno "in positivo" per evitare franchi tiratori nel centrodestra contro Berlusconi. Se sulla scheda i grandi elettori di Forza Italia scrivessero "Silvio Berlusconi", i leghisti "Berlusconi" e i fratelli d'Italia "S.Berlusconi" sarebbe facile capire da quale partito verrebbero gli eventuali franchi tiratori. Questo metodo è stato usato nel 2013 quando il centrosinistra, prima di Prodi, aveva candidato Franco Marini, che subì il rifiuto esplicito dei renziani. In quell'occasione, siccome i partiti da tenere sotto controllo erano diversi, si impose ad alcuni di scrivere sulla scheda "Francesco Marini". E Andreotti ribattezzò i franchi tiratori, "Franceschi tiratori". Ma certamente questi metodi, peraltro di dubbia efficacia, rischiano di infrangere il principio costituzionale della segretezza del voto.

Quirinale, per il dopo-Mattarella sono i franchi tiratori i protagonisti senza volto della corsa
Tags: Berlusconi, Colle, Draghi, Mattarella

Share this story: