Redditi, Renzi il più ricco, batte Piano e Tremonti. Salvini, Schlein e Calenda sotto i 100mila euro

Redditi, Renzi il più ricco, batte Piano e Tremonti. Salvini, Schlein e Calenda sotto i 100mila euro

Redditi, Renzi il più ricco, batte Piano e Tremonti. Salvini, Schlein e Calenda sotto i 100mila euro Photo Credit: Agenzia Fotogramma


La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, si ferma sotto i 300mila euro, ma non lascia, raddoppia. Passa difatti a 293.521 euro dai 160 mila 706 euro dell'anno precedente. A far schizzare il patrimonio i diritti d'autore del suo libro 'Io sono Giorgia'

Sul sito di Camera e Senato, puntale come ogni anno, vengono pubblicate le dichiarazioni dei redditi di parlamentari, leader di partito ed esponenti del governo (non tutte sono state ancora pubblicate). Al momento Matteo Renzi è il più ricco. Sono 3,2 milioni le entrate nel 2022 dichiarate dal leader di Italia viva, 600mila euro in più rispetto al 2021 quando aveva dichiarato 2 milioni e 584 mila euro. Dalla sua dichiarazione si apprende anche la trasformazione della sua società di consulenza in holding di partecipazioni (da Ma.Re. consulting a Ma.Re. holding).


Piano

Battuto il senatore a vita Renzo Piano con 2,9 milioni (nel 2021 il reddito era di 6,3 milioni), però per lui doppia dichiarazione, poiché dichiara imponibile sia al fisco francese che in Italia. L'archistar nella documentazione resa nota in Senato, allega una nota in cui sottolinea come "il reddito complessivo relativo al periodo d'imposta 2022 (Revenu fiscal de référence) indicato dal fisco francese nel documento allegato (Avis d'impôts 2023 sur les revenus de l'année 2022) ammonta ad euro 2.512.391,00. Per la fiscalità italiana l'imponibile è invece pari a 389.521,00. Al terzo posto della classifica si piazza invece Giulio Tremonti di Fratelli d’Italia, che è passato da 1,6 milioni nel 2021 a 2,6 nel 2022.

Meloni

La leader di Fratelli d'Italia e presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, si ferma sotto i 300mila euro. Ma non lascia - saldamente al timone di Palazzo Chigi - e raddoppia il reddito. La premier, nella dichiarazione 2023 - riferita all'anno fiscale 2022 - che i parlamentari sono tenuti puntualmente a presentare, raddoppia il reddito rispetto all'anno precedente. Passa infatti a quasi 300mila euro - 293.521 euro per l'esattezza - dai 160 mila 706 euro dell'anno precedente. A far schizzare il patrimonio della presidente del Consiglio i diritti d'autore del suo libro -'Io sono Giorgia'- che ha accompagnato la sua corsa a Palazzo Chigi segnando un record di vendite. Nella documentazione presentata da Meloni - consultabile sul sito della Camera - figura poi la "vendita di abitazione e relativa pertinenza" e l'"acquisto di nuova abitazione", ovvero del villino acquistato all'Eur nella primavera scorsa.


Gli altri

Nicola Fratoianni di Sinistra italiana ha dichiarato 104.212 euro, seguito dal segretario della Lega, Matteo Salvini, con 99.699, di pochissimo sotto i 100mila euro. E sotto i 100mila euro anche la leader del Partito democratico, Elly Schlein, con 94.725 euro, mentre Carlo Calenda è a 65.291. Mentre è Daniela Santanché la Paperon de' paperoni del governo: spulciando i dati disponibili, la ministra del Turismo si aggiudica la vetta dei redditi più sostanziosi, a quota 298.638.


Angelucci

Manca ancora la dichiarazione dei redditi di Antonio Angelucci. L’imprenditore della sanità privata ed editore di Libero, Il Giornale e Il Tempo, nel 2022 aveva dichiarato 4 milioni e 581 mila euro e potrebbe dunque riconquistare il primo posto. Manca alla Camera anche la dichiarazione dell’avvocato Giulia Bongiorno, che lo scorso anno aveva un reddito complessivo di 2 milioni e 928 mila euro. E mancano ancora altre diverse dichiarazioni dei redditi, come quella di Antonio Tajani, segretario di Forza Italia, che nel 2022 registrava 54.930 euro, e quella di Giuseppe Conte, presidente del M5S, che lo scorso anno dichiarava 34.095 euro.

 


Argomenti

Meloni
redditi parlamentari
Renzi
Santanché

Gli ultimi articoli di Alberto Ciapparoni

  • Lavoro, per la sicurezza dal 31 ottobre patente a crediti per i cantieri, ma le imprese non ci stanno

    Lavoro, per la sicurezza dal 31 ottobre patente a crediti per i cantieri, ma le imprese non ci stanno

  • Esecutivo, dopo i conventi e le caserme adesso i ministri del governo-Meloni “si tuffano” alle terme

    Esecutivo, dopo i conventi e le caserme adesso i ministri del governo-Meloni “si tuffano” alle terme

  • Maggioranza, il terzo mandato voluto dalla Lega affossato dal "fuoco amico" di Forza Italia e Fratelli d’Italia

    Maggioranza, il terzo mandato voluto dalla Lega affossato dal "fuoco amico" di Forza Italia e Fratelli d’Italia

  • Lavoro, irregolare il 76% dei cantieri. La ministra Calderone: “Torneranno i reati penali negli appalti”

    Lavoro, irregolare il 76% dei cantieri. La ministra Calderone: “Torneranno i reati penali negli appalti”

  • Assange, al via l’udienza a Londra, rischia l’estradizione. Ma è un paladino della libertà o un traditore?

    Assange, al via l’udienza a Londra, rischia l’estradizione. Ma è un paladino della libertà o un traditore?

  • Partito Democratico, il terzo mandato e la difficile partita dei Governatori. Tutte le trame a sinistra

    Partito Democratico, il terzo mandato e la difficile partita dei Governatori. Tutte le trame a sinistra

  • Autonomia, De Luca irrompe (bruscamente) nel duello Meloni-Schlein. E insulta la presidente del Consiglio

    Autonomia, De Luca irrompe (bruscamente) nel duello Meloni-Schlein. E insulta la presidente del Consiglio

  • Pil, Bruxelles rivede al ribasso ma Gentiloni è ottimista: fiducia in ripresa da metà anno, in Italia e in Ue

    Pil, Bruxelles rivede al ribasso ma Gentiloni è ottimista: fiducia in ripresa da metà anno, in Italia e in Ue

  • Giustizia, sul ddl-Nordio si conferma una maggioranza allargata: il centrodestra più il Terzo Polo

    Giustizia, sul ddl-Nordio si conferma una maggioranza allargata: il centrodestra più il Terzo Polo

  • Medio Oriente, doppia telefonata Schlein-Meloni e ‘spunta’ la richiesta del cessate il fuoco a Gaza

    Medio Oriente, doppia telefonata Schlein-Meloni e ‘spunta’ la richiesta del cessate il fuoco a Gaza