Regionali, c’è la grana candidature nel centrodestra. Ed è muro contro muro Lega-Fratelli d’Italia

Regionali, c’è la grana candidature nel centrodestra. Ed è muro contro muro Lega-Fratelli d’Italia

Regionali, c’è la grana candidature nel centrodestra. Ed è muro contro muro Lega-Fratelli d’Italia Photo Credit: Agenzia Fotogramma


Il "tavolo nazionale" per le consultazioni Amministrative, evocato da molti esponenti della maggioranza, al momento ancora non è stato fissato. E nessuno si sente di escludere che non servirà un confronto tra i leader per venirne a capo e trovare la quadra

Christian Solinas. Oppure Paolo Truzzu: rischia di infrangersi nel muro contro muro sulla candidatura per il governo della Sardegna l'unità del centrodestra. Con la Lega che insiste sul presidente uscente (Solinas) e Fratelli d'Italia che continua a puntare sull'attuale sindaco di Cagliari indicato "a larga maggioranza" dal tavolo regionale. Una impuntatura, quella di Matteo Salvini, che certo non stupisce, ma non fa troppo piacere dalle parti di Palazzo Chigi, dove Giorgia Meloni resta chiusa a lavorare per tutto il giorno. All'ora di pranzo viene intercettato nel palazzo il responsabile organizzazione di Fdi, Giovanni Donzelli, che poco dopo entrando in Aula alla Camera confermerà la scelta di Fratelli d'Italia per Truzzo ma assicurerà anche che si lavora per "restare uniti, come sempre". Che i partiti si stiano parlando lo mostra anche una conversazione in Transatlantico dello stesso Donzelli con il responsabile enti locali leghista, Stefano Locatelli.


Accordo?

"Questa settimana troveremo l'accordo", profetizza Maurizio Lupi. Ma quel "tavolo nazionale" per le amministrative, evocato anche dai sardi, al momento ancora non è stato fissato. E nessuno si sente di escludere che non servirà un confronto tra i leader per venirne a capo. Serviranno interlocuzioni "a tutti i livelli" ma una soluzione si troverà, sono convinti anche i meloniani, ricordando il passo indietro fatto da Fdi in Sicilia alle ultime amministrative sull'isola, proprio in nome dell'unità del centrodestra. Forza Italia al momento osserva la lite tra gli altri due alleati, continuando a monitorare che lo scontro non vada a discapito dei due azzurri governatori uscenti - Alberto Cirio in Piemonte e Vito Bardi in Basilicata - che secondo gli accordi dovrebbero essere ricandidati. La partita sarda si intreccia inevitabilmente con le altre scadenze elettorali, a partire dalle elezioni europee. In casa Fdi c'è chi legge le mosse del leader leghista, che ha annunciato che non si candiderà per l'Europarlamento, come un modo per evitare che anche la premier si candidi. "Giorgia ha solo proposto un confronto, ma non è mica obbligatorio: ha le mani libere e le ha sempre avute. Anche Salvini ha le mani libere", dice attorniato dai cronisti Francesco Lollobrigida.


I leader

E certo anche se gli altri leader del centrodestra non fossero in campo, uno dei ragionamenti che si fa nei capannelli, il risultato in termini di preferenze di Meloni - e a traino di Fdi, che comunque punta al minimo a confermare l'exploit delle politiche - rischierebbe di essere schiacciante nei confronti degli alleati. Una questione ben presente alla stessa premier che ha lasciato appunto intendere la sua volontà di candidarsi ma non vorrebbe nemmeno rischiare di terremotare la maggioranza, se la performance di Lega e Fi dovesse essere molto sotto le aspettative. Vincere, ma non stravincere, insomma. Lei resterebbe orientata a scrivere il suo nome come capolista in tutte le circoscrizioni ma c'è ancora tempo per sciogliere la riserva. E il condizionale rimane d'obbligo.


L’obbiettivo

Anche perché l'obbiettivo rimane quello di un governo di legislatura in Italia ma anche di ottenere numeri il 9 giugno che permettano di spostare comunque un po' più a destra gli equilibri europei. Certo a via della Scrofa non passano inosservate, però, né la non candidatura di Salvini alle Europee né il sostegno a Chiara Ferragni o ancora l'insistenza sul terzo mandato per i governatori. Il pensiero di tutti in Parlamento va dritto a Luca Zaia, che con l'ok al terzo mandato potrebbe ricandidarsi ancora una volta in Veneto nel 2025, dove Fdi però ha già pronto il nome del coordinatore locale e presidente della commissione Agricoltura Luca De Carlo.


Argomenti

Fdi
Lega
Meloni
Regionali

Gli ultimi articoli di Alberto Ciapparoni

  • Sardegna, Conte e Schlein festeggiano la conquista dell’isola, Salvini al centrodestra: “Cadere serve”

    Sardegna, Conte e Schlein festeggiano la conquista dell’isola, Salvini al centrodestra: “Cadere serve”

  • Lavoro, per la sicurezza dal 31 ottobre patente a crediti per i cantieri, ma le imprese non ci stanno

    Lavoro, per la sicurezza dal 31 ottobre patente a crediti per i cantieri, ma le imprese non ci stanno

  • Esecutivo, dopo i conventi e le caserme adesso i ministri del governo-Meloni “si tuffano” alle terme

    Esecutivo, dopo i conventi e le caserme adesso i ministri del governo-Meloni “si tuffano” alle terme

  • Maggioranza, il terzo mandato voluto dalla Lega affossato dal "fuoco amico" di Forza Italia e Fratelli d’Italia

    Maggioranza, il terzo mandato voluto dalla Lega affossato dal "fuoco amico" di Forza Italia e Fratelli d’Italia

  • Lavoro, irregolare il 76% dei cantieri. La ministra Calderone: “Torneranno i reati penali negli appalti”

    Lavoro, irregolare il 76% dei cantieri. La ministra Calderone: “Torneranno i reati penali negli appalti”

  • Assange, al via l’udienza a Londra, rischia l’estradizione. Ma è un paladino della libertà o un traditore?

    Assange, al via l’udienza a Londra, rischia l’estradizione. Ma è un paladino della libertà o un traditore?

  • Partito Democratico, il terzo mandato e la difficile partita dei Governatori. Tutte le trame a sinistra

    Partito Democratico, il terzo mandato e la difficile partita dei Governatori. Tutte le trame a sinistra

  • Autonomia, De Luca irrompe (bruscamente) nel duello Meloni-Schlein. E insulta la presidente del Consiglio

    Autonomia, De Luca irrompe (bruscamente) nel duello Meloni-Schlein. E insulta la presidente del Consiglio

  • Pil, Bruxelles rivede al ribasso ma Gentiloni è ottimista: fiducia in ripresa da metà anno, in Italia e in Ue

    Pil, Bruxelles rivede al ribasso ma Gentiloni è ottimista: fiducia in ripresa da metà anno, in Italia e in Ue

  • Giustizia, sul ddl-Nordio si conferma una maggioranza allargata: il centrodestra più il Terzo Polo

    Giustizia, sul ddl-Nordio si conferma una maggioranza allargata: il centrodestra più il Terzo Polo