Unione europea, questa sera il summit sulle nomine, ma irrompe il caso del rapporto sui media italiani

Unione europea, questa sera il summit sulle nomine, ma irrompe il caso del rapporto sui media italiani

Unione europea, questa sera il summit sulle nomine, ma irrompe il caso del rapporto sui media italiani Photo Credit: Agenzia Fotogramma


La presidente del Consiglio Meloni punta a una vicepresidenza di peso e a delle deleghe che siano in grado di incidere nella prossima legislatura. Il Bilancio o la Difesa sono al momento i dossier su cui sembra più concentrato lo staff di Palazzo Chigi

Stasera vertice informale dei capi di Stato e di governo dell'Ue sulle nomine per i top job dopo il voto. Alle 18 inizia la cena, con Ursula von der Leyen, spitzenkandidatin del Ppe per la guida della Commissione, che dovrebbe aver vinto anche le resistenze del presidente francese, Emmanuel Macron (liberale), dopo l'incontro all'Eliseo di mercoledì, e del cancelliere tedesco (socialista), Olaf Scholz, dopo l'incontro al G7 di Borgo Egnazia. Entrambi concordano sul fatto che "si andrà avanti rapidamente e in modo efficiente" nella riunione di questa sera. Roberta Metsola è invece favorita per l’altra riconferma, quella alla guida dell’Europarlamento. Le due lasceranno il tavolo quando i Ventisette entreranno nel vivo del dibattito sulle nomine apicali. Nel frattempo, fitto programma di incontri bilaterali. La premier Giorgia Meloni ha visto il primo ministro ungherese Orban, il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, e l'ex premier polacco ed esponente dell'Ecr, Mateusz Morawiecki.

I casi

Due intanto i casi che riguardano l'Italia. Il primo sulle immagini di un'inchiesta di Fanpage sui giovani di Fratelli d’Italia che fanno saluti romani e inneggiamo al duce: 'Condanniamo la simbologia fascista', ha detto un portavoce della Commissione. L'altro riguarda un'indiscrezione pubblicata da Politico.Eu, secondo cui Von der Leyen per ottenere i voti di Meloni avrebbe ritardato l'ok definitivo a un rapporto ufficiale dell'Ue che critica l'Italia per l'indebolimento delle libertà dei mass media.

La premier

Di sicuro la presidente del Consiglio punta a una vicepresidenza di peso e a delle deleghe che siano in grado di incidere nella prossima legislatura della Ue. Il Bilancio o la Difesa, o una delega ad hoc che supervisioni i nuovi strumenti finanziari della Ue, sono al momento i dossier su cui sembra più concentrato lo staff di Giorgia Meloni. Nel primo caso ci vorrebbe un candidato che abbia delle competenze specifiche, e anche se lui stesso nega, rimane in pista il nome di Giancarlo Giorgetti; nel secondo caso c’è il nome di Elisabetta Belloni, attuale capo del Dis e sherpa del G7.

Von der Leyen

Comunque sullo schema che dovrebbe accompagnare il ruolo di Meloni nell’eventuale fiducia bis a Von der Leyen c’è una certezza: per essere riconfermata, all’attuale presidente della Commissione Ue serve l’aiuto della premier italiana. Che potrebbe anche non essere decisivo, ma che visti i precedenti assume le forme di un’assicurazione contro gli imprevisti. Vale a dire, i possibili franchi tiratori nel voto segreto. Meloni potrebbe esternare in pubblico il suo appoggio, specificando che non si tratta comunque di un sostegno politico e organico per il resto della legislatura. Naturalmente se von der Leyen fornirà garanzie sulle nostre richieste.



Argomenti

Meloni
Orban
Ue
Von der Leyen

Gli ultimi articoli di Alberto Ciapparoni

  • Palazzo Chigi, il governo-Meloni entra nella top ten degli esecutivi più longevi, ma Berlusconi resta in tesa

    Palazzo Chigi, il governo-Meloni entra nella top ten degli esecutivi più longevi, ma Berlusconi resta in tesa

  • Trump: da Shinzo Abe a Rabin fino a Bolsonaro e Fico, ecco gli altri leader vittime di un attentato

    Trump: da Shinzo Abe a Rabin fino a Bolsonaro e Fico, ecco gli altri leader vittime di un attentato

  • Stati Uniti, Trump-Berlusconi, il sangue dei leader in diretta tivvù:

    Usa, Trump-Berlusconi, il sangue dei leader in diretta tivvù: Il Tycoon alza il pugno, il Cav la mano

  • Intercettazioni, si cambia: stop alle proroghe illimitate, divieto di captare le conversazioni avvocato-cliente

    Intercettazioni, si cambia: stop alle proroghe illimitate, divieto di captare le conversazioni avvocato-cliente

  • Giustizia, il ddl-Nordio diventa legge: addio all’abuso d'ufficio e stretta sulle intercettazioni

    Giustizia, il ddl-Nordio diventa legge: addio all’abuso d'ufficio e stretta sulle intercettazioni

  • Nato, al vertice per la premier Meloni il convitato di pietra è il no all'uso di armi italiane sul suolo russo

    Nato, al vertice per la premier Meloni il convitato di pietra è il no all'uso di armi italiane sul suolo russo

  • Francia, Schlein-Conte-Fratoianni plaudono alla vittoria del Fronte: “Così si può battere la destra”

    Francia, Schlein-Conte-Fratoianni plaudono alla vittoria del Fronte: “Così si può battere la destra”

  • Autonomia, il centrosinistra scatta una foto unitaria, ma la strada della coalizione è ancora lunga

    Autonomia, il centrosinistra scatta una foto unitaria, ma la strada della coalizione è ancora lunga

  • Esecutivo, il Carroccio continua ad alzare il tiro, Meloni è irritata, e tornano le voci di rimpasto

    Esecutivo, il Carroccio continua ad alzare il tiro, Meloni è irritata, e tornano le voci di rimpasto

  • Ita Airways: via libera alle nozze con Lufthansa, per Giorgetti "si chiude una vicenda durata ben 40 anni"

    Ita Airways: via libera alle nozze con Lufthansa, per Giorgetti "si chiude una vicenda durata ben 40 anni"