Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: mandato esplorativo al presidente della Camera Fico, alle 11.00 le nuove consultazioni, inizierà la delegazione PD, alle 13.00 quella dei 5 Stelle
- Gran Bretagna: Alfie, Corte d'Appello respinge il trasferimento in Italia, i genitori trattano con medici dell'ospedale per portarlo a casa
- Napoli: terrorismo, arrestato migrante originario del Gambia, per gli investigatori stava progettando un attentato, l'uomo aveva chiesto asilo politico all'Italia
- Vieste (Fg): 25enne ucciso a colpi d'arma da fuoco, per gli investigatori potrebbe essere un delitto per mafia
- Gran Bretagna: tifoso aggredito martedì sera a Liverpool da ultrà della Roma, l'Uefa valuta provvedimenti severissimi contro il club giallorosso
- Roma: ministro dello Sviluppo economico, Calenda, per Alitalia proroga del prestito e dei tempi di vendita, Lufthansa, la ristrutturazione della compagnia spetta all'Italia
- Calcio: semifinali Europa League, oggi Arsenal-Atletico Madrid e Marsiglia-Salisburgo
20 marzo 2017

Chiedeva sesso e garantiva il posto da titolare

A Torino, arrestati due allenatori di calcio giovanile. Coinvolto anche un arbitro

Sesso in cambio di una maglia da titolare. E’ la pesantissima ipotesi, che ha portato agli arresti domiciliari a Torino un ventenne, allenatore di calcio delle giovanili. Non era il solo, a tentare di sfruttare l’attività sportiva, a fini sessuali. Un altro allenatore, di 50 Anni, è finito in carcere, perché avrebbe sfruttato proprio i ricatti sessuali del collega, per raccogliere materiale pedopornografico. Ad un arbitro, sempre delle categorie giovanili, un architetto torinese, è stato imposto l’obbligo di firma. Quest’ultimo, tentava approcci sessuali sui ragazzini, con la scusa di massaggi tonificanti. Per i tre, le accuse sono di violenza sessuale e pedopornografia. L’inchiesta è durata un anno ed è scattata, dopo la denuncia dei genitori di un sedicenne. Le vittime degli approcci e degli abusi dei tre sarebbero una quindicina.

Chiedeva sesso e garantiva il posto da titolare