Governo, verso il sì alla manovra in tempi brevi. Focus sul taglio del cuneo e sulla riforma del fisco

Governo, verso il sì alla manovra in tempi brevi. Focus sul taglio del cuneo e sulla riforma del fisco

Governo, verso il sì alla manovra in tempi brevi. Focus sul taglio del cuneo e sulla riforma del fisco Photo Credit: Agenzia Fotogramma


Le opposizioni però incalzano con il Pd che rilancia la manifestazione dell'11 novembre a difesa della sanità pubblica. "La luna di miele di Meloni con il Paese sta finendo, così come quella con la sua maggioranza", dice Boccia, presidente dei senatori Dem

Il governo, a quanto filtra, punterebbe ad una sessione di bilancio rapida, che possa concludersi tra fine novembre ed inizio dicembre, prima della consueta scadenza a ridosso delle festività natalizie, anche per poter rassicurare i mercati finanziari sulla stabilità dei conti del Paese. A novembre sono attese inoltre le valutazioni sui conti pubblici da parte delle principali agenzie di rating. Anche per questo da inizio settimana si moltiplicano le voci che tra esecutivo e maggioranza chiedono di poter ridurre al minimo il numero degli emendamenti che verranno presentati al testo della manovra.


Giorgetti

In audizione in Senato il ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti ha auspicato che gli emendamenti che verranno presentati alla finanziaria dovranno avere una copertura ottenuta con tagli di spesa e non tramite la previsione di nuovi prelievi. Il titolare del Mef, oggi alla riunione del Fmi a Marrakech, da settimane porta avanti la linea della "prudenza e serietà" sui conti pubblici. Mentre domani sera è in programma un confronto a Palazzo Chigi tra governo, sindacati ed associazioni datoriali. Il vertice tra governo e maggioranza convocato ieri sera dalla premier Giorgia Meloni a Palazzo Chigi è servito anche per serrare i ranghi. La crescita dell'Italia frena, condizionata dallo scenario globale appesantito dalla guerra in Ucraina, dal ciclo di politica monetaria aggressiva delle banche centrali per ridurre l'inflazione e ora anche dalla nuova fiammata del conflitto israelo-palestinese. Una situazione che potrebbe portare ad una nuova impennata dei prezzi dell'energia, tema che aveva monopolizzato la finanziaria dello scorso anno.


Il Cdm

Lunedì mattina, il 16 ottobre, in Consiglio dei ministri sono attese la manovra, il documento di programmazione di bilancio - da inviare subito dopo a Bruxelles - e il decreto fiscale, che corre di pari passo alla finanziaria, per l'avvio della delega. Con l'ampliamento del deficit di 15,7 miliardi di euro il governo punta a confermare il taglio del cuneo fiscale nel 2024 per i redditi medio bassi, una serie di provvedimenti in favore della natalità e la genitorialità e l'avvio del rinnovo dei contratti pubblici, con particolare attenzione al comparto della sanità. E poi alcune misure sulle pensioni. Parallelamente corre il percorso per l'avvio della delega fiscale, con la riduzione da 4 a 3 aliquote Irpef che, combinata al taglio del cuneo, dovrebbe lasciare fino a 100 euro al mese nelle buste paga dei lavoratori dipendenti con redditi medio-bassi.


Il dl fiscale

Prende forma anche il Dl fiscale, nel quale potrebbe trovare spazio un "progetto di legge della Lega, a mia prima firma, per l'abolizione dell'acconto di novembre e la rateizzazione da gennaio a giugno 2024 per oltre 3 milioni di attività economiche", riferisce Alberto Gusmeroli, presidente della Commissione Attività produttive della Camera. "Significa che tantissime Pmi, artigiani, commercianti, liberi professionisti - commenta il deputato della Lega - non dovranno fare più prestiti per pagare il maxi acconto fiscale di novembre o non dovranno subire sanzioni per mancati o ritardati pagamenti. Sarebbe la prima volta in 50 anni che per alcuni milioni di attività lavorative le imposte si pagherebbero ad anno concluso e non più in anticipo". Il vice premier Matteo Salvini garantisce: "Posso dire con soddisfazione che nella prossima manovra il settore dei trasporti, mobilità e infrastrutture avrà quello che serve per modernizzare il Paese". Le opposizioni però incalzano con il Pd che rilancia la manifestazione dell'11 novembre a difesa della sanità pubblica per chiedere più fondi in manovra per il comparto. "La luna di miele del governo Meloni con il Paese sta finendo come è evidente. Ma da ieri sera è anche più evidente che è finita anche la luna di miele di Giorgia Meloni con la sua maggioranza", dice Francesco Boccia, presidente dei senatori Pd.



Argomenti

Giorgetti
manovra
opposizioni
Pd

Gli ultimi articoli di Alberto Ciapparoni

  • Palazzo Chigi, il governo-Meloni entra nella top ten degli esecutivi più longevi, ma Berlusconi resta in tesa

    Palazzo Chigi, il governo-Meloni entra nella top ten degli esecutivi più longevi, ma Berlusconi resta in tesa

  • Trump: da Shinzo Abe a Rabin fino a Bolsonaro e Fico, ecco gli altri leader vittime di un attentato

    Trump: da Shinzo Abe a Rabin fino a Bolsonaro e Fico, ecco gli altri leader vittime di un attentato

  • Stati Uniti, Trump-Berlusconi, il sangue dei leader in diretta tivvù:

    Usa, Trump-Berlusconi, il sangue dei leader in diretta tivvù: Il Tycoon alza il pugno, il Cav la mano

  • Intercettazioni, si cambia: stop alle proroghe illimitate, divieto di captare le conversazioni avvocato-cliente

    Intercettazioni, si cambia: stop alle proroghe illimitate, divieto di captare le conversazioni avvocato-cliente

  • Giustizia, il ddl-Nordio diventa legge: addio all’abuso d'ufficio e stretta sulle intercettazioni

    Giustizia, il ddl-Nordio diventa legge: addio all’abuso d'ufficio e stretta sulle intercettazioni

  • Nato, al vertice per la premier Meloni il convitato di pietra è il no all'uso di armi italiane sul suolo russo

    Nato, al vertice per la premier Meloni il convitato di pietra è il no all'uso di armi italiane sul suolo russo

  • Francia, Schlein-Conte-Fratoianni plaudono alla vittoria del Fronte: “Così si può battere la destra”

    Francia, Schlein-Conte-Fratoianni plaudono alla vittoria del Fronte: “Così si può battere la destra”

  • Autonomia, il centrosinistra scatta una foto unitaria, ma la strada della coalizione è ancora lunga

    Autonomia, il centrosinistra scatta una foto unitaria, ma la strada della coalizione è ancora lunga

  • Esecutivo, il Carroccio continua ad alzare il tiro, Meloni è irritata, e tornano le voci di rimpasto

    Esecutivo, il Carroccio continua ad alzare il tiro, Meloni è irritata, e tornano le voci di rimpasto

  • Ita Airways: via libera alle nozze con Lufthansa, per Giorgetti "si chiude una vicenda durata ben 40 anni"

    Ita Airways: via libera alle nozze con Lufthansa, per Giorgetti "si chiude una vicenda durata ben 40 anni"