Governo, Giorgia Meloni a Bruxelles: “Felice di essere qui, ma la voce dell’Italia in Ue sarà forte”

03 novembre 2022, ore 21:00

Prima degli incontri con i vertici comunitari, pranzo informale della premier con il Commissario per l'Economia, Paolo Gentiloni. Poi, i colloqui con Roberta Metsola, Ursula von der Leyen e Charles Michel. Intanto continua a far discutere la norma anti-rave

Nel giorno del debutto in Ue per Giorgia Meloni, la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola ha riconosciuto il ruolo centrale dell’Italia in Ue e ha invitato all’unità. Prima degli incontri con i vertici comunitari, pranzo informale della premier con il Commissario per l'Economia, Paolo Gentiloni.


Italia

"La voce dell'Italia in Europa sarà forte a partire dalla crisi energetica", aveva scritto sui social la stessa leader di Fdi. Che poi al termine degli appuntamenti (con Roberta Metsola, Ursula von der Leyen e Charles Michel, rispettivamente presidente del Parlamento, della Commissione e del Consiglio europei) si è detta soddisfatta, perché "ha trovato orecchie disponibili" sui vari temi trattati, a partire dalla questione energetica e da quella dell'immigrazione ("ora difenderemo i confini"): "hanno capito che non siamo marziani e che il nostro obbiettivo è difendere l'interesse nazionale in una dimensione europea".


Rave

Intanto continua a far discutere la norma anti-rave dell’esecutivo. La maggioranza si divide e l'opposizione attacca. Forza Italia prepara un maxi emendamento per cambiarla ma il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Luca Ciriani, di Fratelli d’Italia, frena: "Non si torna indietro, le Camere servono per approfondire il testo". Enrico Letta, segretario del Partito Democratico, si rivolge direttamente alla Meloni in questo modo: "Si dice fiera di quel che han fatto in Cdm. E che hanno già deciso di modificare. Un passo in più, con fierezza, ritirate Art. 434bis".


No-vax

Ma non è tutto. Salta anche la sospensione delle multe per i non vaccinati, non è tra gli emendamenti del governo al decreto Aiuti ter, al vaglio della Commissione speciale della Camera, dovrebbe rientrare in un provvedimento successivo e ad hoc, specifico sulla materia. Intanto nel centrosinistra si discute soprattutto del caso di Letizia Moratti, dopo le sue dimissioni dalla vicepresidenza e dall’assessorato alla Sanità della Regione Lombardia, e interviene perentoriamente Matteo Renzi, leader di Italia viva: "Fossi il Segretario Pd la chiamerei di corsa per le prossime Regionali".

Governo, Giorgia Meloni a Bruxelles: “Felice di essere qui, ma la voce dell’Italia in Ue sarà forte”
Tags: Bruxelles, Fotogramma, Meloni, Ue

Share this story: