Governo, sul caso-Uss Nordio conferma le accuse di 'grave negligenza' ai giudici della Corte d’Appello

Governo, sul caso-Uss Nordio conferma le accuse di 'grave negligenza' ai giudici della Corte d’Appello

Governo, sul caso-Uss Nordio conferma le accuse di 'grave negligenza' ai giudici della Corte d’Appello


Intanto il Presidente Sergio Mattarella prima di lasciare Bratislava e la Slovacchia, ultima tappa del suo viaggio nell'est Europa, lancia ancora un appello all'unità dell'Unione europea: “il nazionalismo è un virus insidioso che illude e divide i Paesi”

Fu la Corte d'Appello di Milano a concedere gli arresti domiciliari al cittadino russo Artem Uss, con un provvedimento di appena cinque righe, perché lui aveva dimostrato di avere una moglie e una casa in affitto a Basiglio, dalla quale poi è evaso. Un'evasione su cui sono in corso accertamenti del ministero dell'Interno perché il 40enne figlio di Alexander Uss, potente governatore della regione siberiana di Krasnoyarsk e amico di Putin, aveva il braccialetto elettronico. Un provvedimento che non solo aveva lasciato "esterrefatti" gli Stati Uniti che di Uss avevano chiesto con insistenza l'estradizione, ma che anche la Procura generale aveva provato a scongiurare evidenziando in quattro dettagliate pagine l'altissima pericolosità di fuga del soggetto, del quale anche la Federazione Russa aveva richiesto di estradizione.


L’informativa

Nell'informativa urgente alla Camera, è il ministro della Giustizia Carlo Nordio a illustrare i contorni della vicenda, che lo ha portato ad avviare l'azione disciplinare nei confronti dei giudici della Corte d'appello milanese. L'obiettivo del Guardasigilli è anzitutto quello di respingere la "sequenza di critiche, insinuazioni, soggettive interpretazioni della legge e dilettanteschi commenti di sgrammaticatura giuridica" che in queste settimane hanno colpito il dicastero di via Arenula. Per Nordio non ci sono dubbi: nella fase iniziale della vicenda, il ministero ha rispettato i termini di legge sollecitando il mantenimento della custodia cautelare in carcere dell'uomo d'affari russo non appena si è saputo del suo arresto operato dalla polizia aeroportuale in esecuzione di un mandato di cattura internazionale sollecitato dagli Usa per frode. Quando poi il procedimento giurisdizionale ha preso il via, ugualmente il ministero della Giustizia ha rispettato la normativa vigente, non potendo né dovendo intervenire su una materia in cui "non ha alcuna competenza, né oneri di controllo sull'esecuzione di un provvedimento giurisdizionale adottato da una Corte". "L'ipotesi contraria confliggerebbe non solo con il principio costituzionale della divisione dei poteri ma con la ripetuta e sacrosanta affermazione dell'autonomia e dell'indipendenza della magistratura, svincolata da ogni considerazione estranea alla sua alta funzione", ha spiegato Nordio che ha aggiunto: "E' singolare che proprio quando si mette in dubbio tale convincimento da parte del governo, si affermi con palese e faziosa contraddizione che proprio il ministero della Giustizia sarebbe dovuto intervenire per limitare o condizionare la libertà di decisione della Corte di Milano". Quindi, "il ministero è completamente estraneo al processo e non è parte del procedimento. Tra i soggetti indicati a proporre l'impugnazione non vi è il ministro della Giustizia".


Il conto

Fatta la frittata, che cosa è rimasto sul conto di Uss? "Sono in corso approfondimenti volti all'inserimento del cittadino russo nelle liste al fine di attivare le procedure di congelamento dei beni in Italia. Così vediamo se si possono aggredire i suoi beni", ha detto il Guardasigilli che ha chiuso il suo intervento alla Camera con un messaggio chiaro a proposito dell'azione disciplinare avviata a carico dei giudici: "Nessuno può permettersi di imputare al ministro una interferenza invasiva quando esercita le sue prerogative per verificare la conformità del comportamento dai magistrati ai doveri di diligenza. E' dovere del ministero procedere con gli stessi criteri con cui i pm inviano l'informazione di garanzia ai cittadini nei cui confronti svolgono le indagini".


Mattarella

Intanto il nazionalismo è un virus insidioso che illude e divide, perché non dà risposte ai problemi globali e impedisce ai paesi di collaborare tra loro: Sergio Mattarella prima di lasciare Bratislava e la Slovacchia ultima tappa del suo viaggio nell'est Europa, in due dei paesi di Visegrad, l'alleanza tra sovranisti che frenano sull'integrazione e la solidarietà, lancia ancora un appello all'unità dell'Unione europea. "L'esasperazione del nazionalismo è un virus insidioso che, con l'illusione della sovranità, in realtà azzera la capacità di dare risposte di governo dei problemi - ha ammonito il Capo dello Stato al termine dell'incontro con la presidente slovacca Zuzana Caputova - che richiedono invece un concorde impegno solidale, di carattere sovranazionale". In questi giorni tra Polonia e Slovacchia il Presidente della Repubblica ha intensificato la sua azione diplomatica in favore dell'Unione europea e dell'alleanza atlantica, cercando di rinnovare e rilanciare i già buoni rapporti con Varsavia e Bratislava. Ieri ha fatto un discorso supereuropeista nella storica università di Cracovia e oggi dopo il colloquio con la presidente slovacca ha sottolineato l'unità di intenti tra Italia e Slovacchia: "Quando parliamo di Ue e collaborazione internazionale parliamo del contrasto a un virus pericoloso che rischia di contrapporre anziché indurre a collaborare come è necessario - ha spiegato Mattarella -. Abbiamo di fronte una quantità di sfide: la pandemia, che non possiamo escludere si ripresenti in futuro, e ha colpito tutti; abbiamo la sfida ambientale, una sfida globale anch'essa; quella migratoria; la sfida di un mondo interconnesso e ristretto in cui l'economia supera i confini. Tutte queste sfide richiedono risposte di grande collaborazione sovranazionale, nessun Paese da solo è in grado di rispondere", ha detto il capo dello Stato. Sia la Polonia che la Slovacchia si trovano in una fase elettorale importante, in autunno voteranno per rinnovare l'esecutivo e i partiti nazionalisti qui sono forti. 


Argomenti

Fotogramma
Mattarella
Nordio
Uss

Gli ultimi articoli di Alberto Ciapparoni

  • G7, Meloni chiude il summit: “Un vertice di successo, che porta a casa il sostegno rafforzato all’Ucraina”

    G7, Meloni chiude il summit: “Un vertice di successo, che porta a casa il sostegno rafforzato all’Ucraina”

  • G7, Papa Francesco: “Nessuna macchina deve poter togliere la vita, la tecnologia sia al servizio delle persone”

    G7, Papa Francesco: “Nessuna macchina deve poter togliere la vita, la tecnologia sia al servizio delle persone”

  • G7, Meloni accoglie i Grandi della terra a Borgo Egnazia e rimprovera Biden per il ritardo

    G7, Meloni accoglie i Grandi della terra a Borgo Egnazia e rimprovera Biden per il ritardo

  • Movimento Cinque Stelle, Conte sotto assedio per la sconfitta alle Europee ma per adesso non si dimette

    Movimento Cinque Stelle, Conte sotto assedio per la sconfitta alle Europee ma per adesso non si dimette

  • Elezioni, il centrodestra consolida il suo primato, il Partito Democratico è il perno dell’alternativa

    Elezioni, il centrodestra consolida il suo primato, il Partito Democratico è il perno dell’alternativa

  • Europee, Fdi primo partito, Schlein su, a Fi il derby con la Lega, bene Avs, male i 5s. A rischio Calenda e Renzi

    Europee, Fdi primo partito, Schlein su, a Fi il derby con la Lega, bene Avs, male i 5s. A rischio Calenda e Renzi

  • Esecutivo, rush finale per le Europee. Verso il Consiglio dei Ministri lunedì, poi fari sul G7 in Puglia

    Esecutivo, rush finale per le Europee. Verso il Consiglio dei Ministri lunedì, poi fari sul G7 in Puglia

  • Esecutivo, la social card “Dedicata a te” anche quest’anno: +30mila i beneficiari, importo a 500 euro

    Esecutivo, la social card “Dedicata a te” anche quest’anno: +30mila i beneficiari, importo a 500 euro

  • Migranti, Meloni annuncia i centri in Albania da agosto e attacca le opposizioni. Ed è lite con Magi (+Europa)

    Migranti, Meloni annuncia i centri in Albania da agosto e attacca le opposizioni. Ed è lite con Magi (+Europa)

  • Cdm, via libera al decreto sulle liste d’attesa, dal 2025 sarà stop al tetto di spesa per il personale

    Cdm, via libera al decreto sulle liste d’attesa, dal 2025 sarà stop al tetto di spesa per il personale