Rugby, troppa Argentina per gli azzurri. L’Italia lotta ma si arrende: 37-16 a Monigo

13 novembre 2021, ore 17:31

Per la squadra Crowley è la seconda sconfitta nei test match autunnali dopo quella con gli All Blacks. Cinque mete per gli ospiti, Verney ha ridotto le distanze

Si allunga a otto sconfitte le serie no dell’Italia contro i Pumas , che sbancano Monigo con il punteggio di 37 a 16. Un risultato giunto dopo una prestazione autoritaria e determinata da parte degli argentini. Gli azzurri lottano su ogni pallone, ma pagano a caro prezzo una lunga serie di ingenuità. Se una settimana fa contro gli All Blacks avevano retto in difesa per 28 minuti, stavolta nello stesso lasso di tempo avevano già subito due mete. Ammirevole la reazione, scandita dai calci piazzati di Garbisi e dell’unica meta azzurra firmata da Varley. A mezz’ora dal termine del match, l’Italia si era riportata a meno otto, ma subito dopo l’Argentina ha allungato blindando la vittoria.


La gara

La partenza dell’Italia è promettente, con l’Argentina che resta a per i primi minuti sulla difensiva. Ma appena gli ospiti , al 9’, si propongono in fase offensiva, trovano subito la meta, con un pallone calciato a campanile da Boffelli che viene intercettato da Kreber che beffa gli azzurri. Al 28’, dopo un calcio piazzato trasformato da Boffelli, gli argentini si portano sul 17-0 con un’iniziativa di Gonzalez Samso. L’Italia ha un sussulto di orgoglio e prima dell’intervallo accorcia le distanze con due calci piazzati di Garbisi. In avvio di ripresa nuovo allungo dei Pumas con Moroni, ma l’Italia è viva e reagisce con una meta di Garvey e i calci piazzati di Garbisi. A mezz’ora dal termine è a -8, ma l’Argentina la ricaccia indietro con altre due mete di Cordero e Bosch, che fissano il risultato finale sul 37 a 16.


La prossima

Per gli azzurri è la seconda sconfitta nei test match autunnali dopo quella di una settimana fa all’Olimpico contro gli All Blacks neozelandesi. Sabato prossimo a Parma (ore 14) c’è un match più alla portata dalla Nazionale di Crowley, che se la vedrà contro gli Uruguay. Un banco di prova importante per testare le potenzialità degli azzurri, che dovranno però fare a meno di Riccioni, uscito in barella per un infortunio al ginocchio. Contro l’Argentina c’è stato l’esordio del napoletano Fusco.


Rugby, troppa Argentina per gli azzurri. L’Italia lotta ma si arrende: 37-16 a Monigo
Tags: Argentina, Italia

Share this story: