Bari, litiga sui social con l’ex marito e lo fa pestare: sei persone arrestate per tentato omicidio aggravato

Bari, litiga sui social con l’ex marito e lo fa pestare: sei persone arrestate per tentato omicidio aggravato

Bari, litiga sui social con l’ex marito e lo fa pestare: sei persone arrestate per tentato omicidio aggravato Photo Credit: agenziafotogramma.it


I fatti risalgono all'11 ottobre, quando un uomo di 43 anni è stato accerchiato e pestato con un tirapugni e una mazza da baseball da cinque persone assoldate dall'ex moglie

Una lite sui social, poi il pestaggio. È quanto è accaduto lo scorso 11 ottobre in piazza Aldo Moro a Casamassima, in provincia di Bari. Una donna, per vendicarsi dell’ex marito dopo uno scambio di battute offensive tra Instagram e Tik Tok, ha chiesto a cinque persone, tra parenti e conoscenti, di dare all’uomo una “lezione esemplare”. I sei sono stati arrestati con l’accusa di tentato omicidio aggravato.

LA DINAMICA DEL PESTAGGIO

Prima hanno danneggiato la sua auto, poi lo hanno accerchiato e aggredito con un tirapugni e una mazza baseball, colpendolo ripetutamente senza fermarsi anche quando, tramortito, il 43enne era a terra, dove lo hanno lasciato. Dietro al pestaggio cinque persone “assoldate” dall’ex moglie dell’uomo, decisa a vendicarsi dopo una serie di offese volate tra lei e l’ex coniuge sui social. “La donna, indispettita e decisa a vendicarsi aveva chiesto ad alcuni suoi familiari e conoscenti di dare un’esemplare lezione all’ex marito che l’aveva offesa”, fanno sapere i carabinieri in un comunicato. Sul posto è intervenuto il personale sanitario del 118, che ha trasportato l’uomo al Policlinico di Bari dove è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico che gli ha salvato la vita.


AUTORI DELL’AGGUATO ARRESTATI CON L’ACCUSA DI TENTATO OMICIDIO AGGRAVATO

Traditi dalle telecamere di sorveglianza e dalle dichiarazioni di alcuni testimoni, i cinque più la donna che aveva commissionato il pestaggio sono stati arrestati e portati in carcere con l’accusa di tentato omicidio aggravato. La mazza e il tirapugni utilizzati sono stati sequestrati. Le misure, emesse dal gip di Bari, sono state richieste dalla procura.



Argomenti

Bari
instagram
pestaggio
social
tik tok

Gli ultimi articoli di Benedetta Mannucci

  • Miley Cyrus e Pharrell Williams, il nuovo singolo in collaborazione suona tra il funk e i Måneskin

    Miley Cyrus e Pharrell Williams, il nuovo singolo in collaborazione suona tra il funk e i Måneskin

  • Alessandria, morto sul colpo 17enne investito da un treno

    Alessandria, morto sul colpo 17enne investito da un treno

  • Cutro, un anno dopo la strage: fiaccolata in ricordo delle 94 vittime. I familiari annunciano causa civile contro il Governo

    Cutro, un anno dopo la strage: fiaccolata in ricordo delle 94 vittime. I familiari annunciano causa civile contro il Governo

  • Sanremo, studente di 17 anni muore investito da un tir: fermato l'autista

    Sanremo, studente di 17 anni muore investito da un tir: fermato l'autista

  • Dani Alves condannato a quattro anni e mezzo di carcere per stupro

    Dani Alves condannato a quattro anni e mezzo di carcere per stupro

  • Catania, frustate su bambino di 5 anni: arrestate la madre e la zia

    Catania, frustate su bambino di 5 anni: arrestate la madre e la zia

  • Russia, un nuovo caso Gershkovich: arrestata russo-americana con accusa di alto tradimento

    Russia, un nuovo caso Gershkovich: arrestata russo-americana con accusa di alto tradimento

  • Fedez querela il Codacons: “Diffamazione e calunnia, contro di me campagna mediatica quotidiana”

    Fedez querela il Codacons: “Diffamazione e calunnia, contro di me campagna mediatica quotidiana”

  • New York fa causa a TikTok, Facebook e YouTube: "Danneggiano salute mentale dei giovani"

    New York fa causa a TikTok, Facebook e YouTube: "Danneggiano salute mentale dei giovani"

  • Sparatoria a Kansas City, Joe Biden al Congresso: “Porre fine all’epidemia di violenza delle armi”

    Sparatoria a Kansas City, Joe Biden al Congresso: “Porre fine all’epidemia di violenza delle armi”