Covid: Brusaferro, si farà anche la terza dose di vaccino, avanti con le mascherine, i casi si sono ridotti

20 maggio 2021, ore 12:00 , agg. alle 14:51

Lo ha detto il presidente dell'Istituto superiore di sanità in un'intervista al quotidiano il Messaggero, Silvio Brusaferro ha sottolineato che "la possibilità di somministrare il vaccino di Pfizer ai 12-15 anni consentirà di mettere in sicurezza le scuole medie e superiori"

"La situazione è in costante miglioramento, la combinazione delle misure di distanziamento sociale con la progressiva crescita della vaccinazione ci ha dato questo risultato. Dobbiamo continuare a essere prudenti, ma già tre Regioni hanno numeri da fascia bianca ed è prevedibile che, settimana dopo settimana, se ne aggiungeranno altre.


Le parole di Brusaferro

Dobbiamo però monitorare le varianti. E sarà molto probabile un booster, una terza dose dei vaccini". Ad affermarlo, in un'intervista al quotidiano 'Il Messaggero', è il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro. Quest'ultimo ha sottolineato che "la possibilità di somministrare il vaccino di Pfizer ai 12-15 anni ci consentirà di mettere in sicurezza le scuole medie e superiori". "Abbiamo adottato delle misure di contenimento che nelle ultime settimane - sottolinea - hanno consentito di ridurre il numero dei nuovi casi. Questa fase è coincisa con un aumento parallelo dei vaccinati. Questo ci ha permesso di vedere un miglioramento della situazione nonostante la diffusione della variante inglese che ha una aumentata trasmissibilità".


Ci vuole ancora prudenza

"Penso - rileva - che dobbiamo muoverci con prudenza, in modo progressivo. Vero è che il numero dei vaccinati sta crescendo, ma è importantissimo, laddove è raccomandato, continuare a usare la mascherina. Procedendo in questo modo possiamo riconquistare sempre nuovi livelli di libertà. Siamo ancora in una fase di transizione. Ciò che possiamo dire è che ci troviamo di fronte a scenari di progressivo miglioramento, e questo è molto positivo". "Il nostro target, se vogliamo controllare l'epidemia - sottolinea ancora -, è vaccinare tutta la popolazione. Le fasce più giovani, per il loro stile di vita, sono quelle che hanno una maggiore probabilità di favorire la circolazione del virus. Bisogna spiegare anche ai ragazzi che vaccinarsi è un dovere morale di fronte a questa pandemia. Possono dare un contributo alla salute pubblica che significa anche proteggere i propri cari. Nessuno è sicuro fino a quando non lo saremo tutti".


Le parole di Sileri

"La terza ondata iniziamo a vederla alle nostre spalle, la situazione sta andando molto meglio, il numero dei ricoveri scende in maniera drastica, fra un po' avremo alcune regioni bianche. possiamo dire che il peggio è alle nostre spalle. Io da medico vedo ora un'agenda diversa. Il mio pensiero adesso va al cancro che deve essere diagnosticato, che deve essere curato, alla patologia benigna che ha dovuto aspettare un anno e mezzo e magari adesso è diventata più complessa". Lo ha affermato il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, su Radio Cusano Campus. "E' qui che adesso dobbiamo mettere il nostro impegno. Contro il Covid abbiamo combattuto, resistito, abbiamo lasciato sul campo dei nostri concittadini ma anche salvati tantissimi, adesso riprendiamo con forza anche tutto il resto, facciamo sentire che la sanità italiana c'è", ha aggiunto.


I contratti per i vaccini

Intanto la Commissione Europea ha firmato il terzo contratto con BioNTech e Pfizer per la fornitura di 1,8 mld di dosi di vaccino anti-Covid nel 2021-23 agli Stati membri. Si tratta di 900 mln di dosi del vaccino attuale, oppure di un vaccino adattato alle varianti, più un'opzione per altri 900 mln. "Siamo ancora di fronte ad una continua minaccia e a nuove incertezze, per questo dobbiamo continuare a essere cauti e ripensare o evitare i viaggi internazionali. I vaccini possono essere la luce alla fine del tunnel, ma non possiamo essere accecati da quella luce". Lo ha rimarcato Hans Kluge, direttore dell'Ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per l'Europa.

Covid: Brusaferro, si farà anche la terza dose di vaccino, avanti con le mascherine, i casi si sono ridotti
Tags: covid, istituto superiore di sanità, silvio brusaferro, vaccini

Share this story: