"I nostri confini minacciati, ci stiamo difendendo": il discorso di Vladimir Putin nella Giornata della Vittoria

09 maggio 2022, ore 11:30

Con l'attacco all'Ucraina Mosca ha risposto ad "una minaccia diretta vicino ai confini russi", perché "un attacco era stato preparato, anche alla Crimea", lo ha detto il presidente russo; Zelensky, "presto avremo due Giornate della Vittoria"

Il Presidente russo, Vladimir Putin ha pronunciato il suo atteso discorso durante le celebrazioni della vittoria della Seconda Guerra Mondiale. Non c'è stato alcun annuncio di mobilitazione generale contro l'Ucraina ma piuttosto una ricostruzione dei motivi per cui la Russia ha attaccato e sta conducendo una guerra, facendo riferimento soprattutto alla necessità di rispondere alla minaccia della Nato, spiegando che a dicembre scorso Mosca aveva chiesto un accordo per la propria sicurezza. Putin ha accusato l'Occidente di russofobia e ha parlato ai militari presenti in arrivo dal Donbass. "State combattendo per la patria e per il nostro futuro e perché nel mondo non ci sia più spazio per i nazisti" , ha detto, spiegando poi di non volere una guerra mondiale. Poi ha fatto riferimento ai veterani americani della seconda Guerra Mondiali, sottolineando di essere orgoglioso per le gesta contro i nazisti e ha aggiunto che gli Stati Uniti hanno vietato a un gruppo di ex militari americani di recarsi a Mosca.

Contro la Nato

Con l'attacco all'Ucraina, Mosca ha risposto ad "una minaccia diretta vicino ai confini russi", perché "un attacco era stato preparato, anche alla Crimea". "I Paesi della Nato non hanno voluto ascoltarci, quando lo scorso dicembre abbiamo proposto di definire un accordo sulla sicurezza. Significa che avevano altri progetti. Avevano preparato apertamente un'altra operazione punitiva nel Donbass, una aggressione nelle nostre terre storiche, inclusa la Crimea, a Kiev si è parlato di ripristinare le armi nucleari. Il blocco Nato ha iniziato a militarizzare i territori vicino ai nostri confini. E questo per noi rappresentava una minaccia inammissibile ai nostri confini", ha affermato il Presidente Putin, davanti agli uomini e alle donne delle forze armate russe che hanno sfilato sulla Piazza Rossa. "Chi ha vinto la Grande guerra ci ha chiesto di rimanere vigili perché non si ripeta una guerra mondiale", ha aggiunto.

Il messaggio ai combattenti nel Donbass

"Mi rivolgo alle nostre forze armate e alle milizie del Donbass: voi combattete per la sicurezza patria e per il futuro", affinché "non ci sia posto nel mondo per i criminali nazisti". Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin. parlando poi, per la prima volta delle perdite che l'esercito russo sta subendo in Ucraina e ha annunciato anche sussidi alle famiglie dei caduti. La morte di ogni soldato e ufficiale è una "perdita irreparabile" e il governo russo farà di "tutto per aiutare le loro famiglie", ha detto  Putin spiegando di aver firmato l'ordine di dare un'assistenza statale ai figli dei militari russi uccisi in Ucraina.

La risposta di Zelensky

"Stiamo lottando per la libertà dei nostri figli, e quindi vinceremo. Non dimenticheremo mai cosa hanno fatto i nostri antenati durante la Seconda guerra mondiale, in cui morirono più di otto milioni di ucraini. Molto presto ci saranno due Giorni della Vittoria in Ucraina. E qualcuno non ne avrà nessuno". Lo ha detto il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un video postato sui social mentre cammina nel viale Khreschatyk deserto all'alba. "Abbiamo vinto allora. Vinceremo ora. E Khreshchatyk vedrà la parata della vittoria: la vittoria dell'Ucraina!"

"I nostri confini minacciati, ci stiamo difendendo": il discorso di Vladimir Putin nella Giornata della Vittoria
Tags: 9Maggio, Russia, Ucraina, VladimirPutin, Zelensky

Share this story: