James Blake contro le case discografiche: "Dovrebbero pagare un terapeuta ai loro artisti"

James Blake contro le case discografiche: "Dovrebbero pagare un terapeuta ai loro artisti"

James Blake contro le case discografiche: "Dovrebbero pagare un terapeuta ai loro artisti" Photo Credit: agenziafotogramma.it


Il messaggio alle label in una serie di post su X: "Tutti hanno un interesse personale affinché l'artista abbia successo"

Sangiovanni, Mr. Rain, Ghemon, Levante. Negli ultimi mesi sono stati sempre di più gli artisti ad accendere una luce sul tema della salute mentale, sopra e sotto il palco. E da oltremanica arriva la proposta di James Blake: “Le case discografiche dovrebbero essere obbligate a pagare un terapeuta agli artisti”.

JAMES BLAKE CONTRO LE LABEL

Il cantautore britannico, che recentemente si era scagliato contro le piattaforme di streaming musicali, ha affidato a una serie di post su X il suo appello agli addetti al settore: “Non è giusto che le case discografiche guadagnino grazie ai nostri traumi senza aiutarci ad affrontarli”. Manager e organizzatori di concerti non sono esentati: sempre secondo Blake, infatti, “tutti hanno un interesse personale affinché l’artista abbia successo, ottenerlo però significa sradicarlo dalla rete di sostegno, dalla famiglia e dagli amici, e gettarlo in uno strano mondo alienante fatto di tour e rapporti parasociali”. Non è la prima volta che la star si espone sul tema: in passate interviste aveva posto l’accento sull’impatto che le tournée possono avere sulla salute mentale dei musicisti.

SANGIOVANNI E GHEMON, LA SALUTE MENTALE DEGLI ARTISTI IN ITALIA

A fare da apripista sul tema in Italia era stato Sangiovanni, che con un post su Instagram pubblicato a metà febbraio aveva annunciato l’allontanamento momentaneo dalle scene: “A volte bisogna avere il coraggio di fermarsi”, aveva scritto il 21enne. “Credo tanto nella mia musica e in questo progetto ma allo stesso tempo non ho le energie fisiche e mentali in questo momento per portarlo avanti. Voglio stare bene per condurre al meglio la musica vista come ‘lavoro’”, aveva specificato. Gli aveva fatto eco Ghemon, che senza mezzi termini aveva esortato l’industria a porre maggiore attenzione sul benessere degli artisti: “Abbiamo bisogno dei dischi di un altro Tenco, non del suo tragico finale. Lo dico perché magari potevo essere io se non avessi tenuto botta”.



Argomenti

case discografiche
James Blake

Gli ultimi articoli di Benedetta Mannucci

  • Elodie sta per annunciare il primo tour negli stadi

    Elodie sta per annunciare il primo tour negli stadi

  • Beyoncé, un gruppo di New Orleans l'ha accusata di aver violato il diritto d'autore

    Beyoncé, un gruppo di New Orleans l'ha accusata di aver violato il diritto d'autore

  • Sanremo, Carlo Conti conduttore e direttore artistico delle prossime due edizioni

    Sanremo, Carlo Conti conduttore e direttore artistico delle prossime due edizioni

  • Tedua, svelati i feat di "Paradiso", il nuovo album in uscita venerdì

    Tedua, svelati i feat di "Paradiso", il nuovo album in uscita venerdì

  • Måneskin, il ritorno live a Città del Messico tra le voci di scioglimento

    Måneskin, il ritorno live a Città del Messico tra le voci di scioglimento

  • Billie Eilish, fuori il terzo album "Hit Me Hard and Soft"

    Billie Eilish, fuori il terzo album "Hit Me Hard and Soft"

  • Fabio Rovazzi e il furto del telefono: “Tutto finto, una strategia per lanciare il nuovo singolo”

    Fabio Rovazzi e il furto del telefono: “Tutto finto, una strategia per lanciare il nuovo singolo”

  • Eurovision 2024, la Rai si scusa per la diffusione dei dati del televoto: “Errore tecnico”. Israele nuova favorita per la vittoria

    Eurovision 2024, la Rai si scusa per la diffusione dei dati del televoto: “Errore tecnico”. Israele nuova favorita per la vittoria

  • Eurovision 2024, è il giorno di Angelina Mango. Fischi alle prove di Israele

    Eurovision 2024, è il giorno di Angelina Mango. Fischi alle prove di Israele

  • Eurovision 2024, questa sera la prima semifinale: tutto quello che c’è da sapere

    Eurovision 2024, questa sera la prima semifinale: tutto quello che c’è da sapere